Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Dizionario Giuridico

Risoluzione del contratto

Che cosa significa "Risoluzione del contratto"?

È lo scioglimento del vincolo contrattuale, previsto a favore della parte che, in un contratto a prestazioni corrispettive, non sia inadempiente, quando l'altra invece sia colpevole di inadempimento, nonché previsto in caso di impossibilità sopravvenuta della prestazione e sopravvenuta eccessiva onerosità.
Prima che si verifichi la risoluzione, il contratto è perfettamente valido: al momento della sua esecuzione, tuttavia, una parte o entrambe non possono raggiungere il pieno soddisfacimento dei propri interessi a causa dell'inadempimento altrui o dell'evento sopravvenuto.
Con lo scioglimento del contratto, si rimedia all'alterazione del c.d. sinallagma, ossia il rapporto di interdipendenza tra le reciproche prestazioni contrattuali: il contraente che non possa più ricevere la controprestazione viene, quindi, esonerato dal dover eseguire la propria prestazione.
Il codice civile disciplina tre ipotesi di risoluzione:
a) la risoluzione per inadempimento (artt. 1453-1462 c.c.);
b) la risoluzione per impossibilità sopravvenuta (artt. 1463-1466 c.c.);
c) la risoluzione per eccessiva onerosità (v. artt. 1467-1469 c.c.).

Articoli correlati a "Risoluzione del contratto"

"Risoluzione del contratto" nelle consulenze legali

Vedi tutte le consulenze

"Risoluzione del contratto" nelle notizie giuridiche

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.