Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto civile - -

Vitalizio alimentare: la sostituzione della persona del vitaliziante costituisce inadempimento

Vitalizio alimentare: la sostituzione della persona del vitaliziante costituisce inadempimento
La Cassazione ribadisce il principio dell'infungibilità del vitaliziante nel contratto atipico di vitalizio alimentare.
Il caso riguardava la conclusione di un contratto di vitalizio alimentare tra una nonna e sua nipote, con cui quest’ultima si impegnava nell'assistenza morale e materiale della nonna, la quale in cambio le aveva ceduto la nuda proprietà della sua abitazione.
Quattro anni dopo la conclusione del contratto, però, la nonna aveva chiesto la risoluzione del contratto in ragione del fatto che la nipote aveva delegato le proprie incombenze alla madre, figlia dell’anziana signora.
La domanda era stata accolta in primo grado, ma la Corte d’appello aveva riformato la decisione, negando la sussistenza dell'inadempimento, considerati la similarità dei rapporti tra madre e figlia e il fatto che nel frattempo la nipote avesse trovato un lavoro.
Era stato così proposto ricorso in Cassazione, la quale si è pronunciata con l’ordinanza n. 108/2020, accogliendo, con rinvio, il ricorso degli eredi della nonna.
La Corte ha evidenziato che il contratto atipico di "vitalizio alimentare" si differenzia da quello, tipico, di "rendita vitalizia" (di cui all’art. 1872 c.c.) “anche per la natura accentuatamente spirituale delle prestazioni a favore del vitaliziato, le quali, proprio per tale ragione, sono eseguibili unicamente da un vitaliziante specificatamente individuato, alla luce delle sue proprie qualità personali. Si tratta, infatti, di un contratto intuitu personae che, in quanto tale, è basato sul carattere tipicamente "personale" della prestazione dedotta ad oggetto.
La Cassazione ha poi rilevato che nel contratto in questione non era presente alcuna previsione sulla fungibilità della persona del vitaliziante, la quale, pertanto, non poteva essere sostituita da un altro soggetto. Una sostituzione, del resto, si porrebbe in contrasto col principio dell'infungibilità del vitaliziante.
Alla luce di queste considerazioni, la Suprema Corte, nel rinviare la causa ai giudici d’appello, ha enunciato i seguenti principi di diritto: "Nel contratto atipico di "vitalizio alimentare" le prestazioni a favore del vitaliziato possono essere eseguite, in difetto di diversa pattuizione, unicamente dal vitaliziante contrattualmente individuato"; "Nel giudizio avente ad oggetto domanda di risoluzione del contratto atipico di "vitalizio alimentare" per inadempimento del vitaliziante, quest'ultimo deve soltanto provare la fonte negoziale del suo diritto, limitandosi alla mera allegazione della circostanza dell'inadempimento della controparte, mentre il debitore convenuto è gravato dell'onere della prova del fatto estintivo dell'altrui pretesa, costituito dall'avvenuto adempimento".

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate