Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1518 Codice Civile 2020

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/06/2020]

Normale determinazione del risarcimento

Dispositivo dell'art. 1518 Codice Civile 2020

Se la vendita ha per oggetto una cosa che ha un prezzo corrente a norma del terzo comma dell'articolo 1515, e il contratto si risolve per l'inadempimento di una delle parti, il risarcimento [1223] è costituito dalla differenza tra il prezzo convenuto e quello corrente nel luogo e nel giorno in cui si doveva fare la consegna(1), salva la prova di un maggior danno.

Nella vendita a esecuzione periodica(2), la liquidazione del danno si determina sulla base dei prezzi correnti nel luogo e nel giorno fissati per le singole consegne.

Note

(1) Se il bene deve essere trasportato da un luogo ad un altro (1510 c.c.) il luogo della consegna è quello in cui il vettore deve recapitarlo.
(2) Cioè i contratti nei quali l'unica prestazione è ripartita nel tempo ed eseguita in momenti diversi, come nel caso della somministrazione (1559 c.c.).

Ratio Legis

La predeterminazione del risarcimento ad opera del legislatore è volta a garantire alla parte danneggiata (1218, 1223 c.c.) un rimedio sicuro e veloce.

Spiegazione dell'art. 1518 Codice Civile 2020

Determinazione del risarcimento

L'art. 1518 si limita ad applicare il principio generale dell'articolo 1218: l'obbligazione inadempiuta si converte nell'obbligazione di risarcire il danno, il quale (art. 1223 cod. civ.) deve comprendere la perdita subita e il mancato guadagno, in quanto conseguenza imme­diata e diretta dell'inadempimento.

L'art. 1225 cod. civ. riproduce l'antica distinzione (dell'art. 1228 cod. civ. del 1865) fra danno prevedibile e non prevedibile al momento in cui l'obbligazione è sorta: se l'inadempimento o il ritardo non dipendono da dolo del debitore, il risarcimento è limitato al danno che poteva prevedersi nel momento in cui è sorta l'obbligazione.
Nella vendita il danno è costituito dalla differenza fra il prezzo convenuto e quello corrente nel luogo e nel giorno in cui si doveva fare la consegna, salvo la prova del maggior danno.
Quanto al maggior danno si veda quanto detto per l'art. 1515 cod. civ..

Nella vendita di cose che non hanno un prezzo corrente, nel determinare il risarcimento del danno, l'autorità giudiziaria terrà presente non il danno individuale (sofferto dal tal contraente) ma il danno che tal contraente normalmente soffre per il fatto dell'inadempimento: valutazione di fatto che, dovendosi motivare con ragioni e dati di esperienza, non può essere censurata in corte di cassazione.

Nella vendita ad esecuzione periodica la liquidazione del danno si determina sulla base dei prezzi correnti nel luogo e nel giorno fissati per le singole consegne: in mancanza di prezzi correnti si determina tenendosi conto del danno sofferto per ciascuna scadenza.
La legge considera la vendita ad esecuzione periodica come la somma di tante distinte vendite, separate l'una dall'altra : interpretazione non esatta della volontà delle parti che intesero stipulare un unico contratto nonostante la pluralità delle consegne. Ma l'inadempimento ad una sola consegna autorizza la risoluzione di tutto il contratto.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 1518 Codice Civile 2020

Cass. civ. n. 15009/2000

In caso di inadempimento dell'acquirente, in danno da mancato guadagno dell'alienante, esercente professionalmente la vendita di beni mobili, non va escluso a priori e può essere liquidato in via equitativa, indipendentemente dalla prova che le merci siano rimaste invendute, dovendosi considerare che l'impresa venditrice, tanto se commerciante, quanto se produttrice, ha la possibilità, entro certi limiti, di aumentare la produzione e i rifornimenti, e che tale aumento è impedito dalla mancata esecuzione del contratto.

Cass. civ. n. 2386/1998

Il risarcimento del danno in tema di compravendita è disciplinato, in deroga ai principi generali di cui agli artt. 1223 ss. c.c., dalla norma (dall'evidente carattere eccezionale) di cui all'art. 1518 c.c., la quale, con riguardo alle cose aventi un prezzo corrente di cui al precedente art. 1515, ne determina l'ammontare nella differenza fra il prezzo convenuto e quello corrente sul mercato nel luogo e nel giorno della consegna, salva prova del maggior danno. Ne consegue che, qualora le parti abbiano previsto, in contratto, un termine espresso per la consegna, a tale data occorre rigorosamente attenersi ai fini della determinazione del danno da inadempimento, senza che sia consentito, al venditore, il differimento unilaterale del termine predetto (con relativa possibilità di lucrare la fluttuazione del prezzo in danno della controparte).

Cass. civ. n. 3614/1994

L'art. 1518 c.c. contiene un criterio per la liquidazione del danno da inadempimento delle obbligazioni nascenti dalla compravendita di cose che abbiano un prezzo corrente, a, norma dell'art. 1515 comma terzo c.c., dispensando la parte adempiente dall'onere della prova del pregiudizio subito. Detta norma ha carattere eccezionale perché deroga ai normali criteri di liquidazione del danno ex art. 1223 c.c., ai quali, pertanto, deve farsi ricorso quando la cosa compravenduta non sia sussumibile nell'elenco di quelle indicate dall'art. 1515 comma terzo al quale l'art. 1518 rinvia.

Cass. civ. n. 6427/1981

Il danno per inadempimento dell'acquirente nei contratti di fornitura di merci genericamente determinate, consistente nel mancato guadagno dell'impresa fornitrice, è presunto e va risarcito in base alla ricostruzione ideale degli utili che il venditore avrebbe potuto ragionevolmente conseguire dalla regolare esecuzione del contratto, indipendentemente dalla prova che le merci stesse siano rimaste invendute dovendosi considerare che l'impresa venditrice, tanto se commerciante, quanto se produttrice, ha la possibilità, entro certi limiti, di aumentare la produzione o i rifornimenti, e tale aumento è impedito dalla mancata esecuzione del contratto.

Cass. civ. n. 5986/1981

Per l'applicazione della regola in tema di risarcimento del danno da inadempienza contrattuale nella vendita di cose che abbiano un prezzo risultante, tra l'altro, da mercuriali – ipotesi in cui il risarcimento è costituito dalla differenza tra il prezzo convenuto e quello corrente nel luogo e nel giorno in cui la consegna doveva essere effettuata – è sufficiente che si raggiunga la giudiziale certezza sull'esistenza delle mercuriali e sul loro contenuto, anche se questi documenti non vengano prodotti in giudizio, potendo i relativi elementi di fatto desumersi anche da una certificazione della Camera di commercio, la cui interpretazione appartiene al giudice del merito, il convincimento del quale non è sindacabile in sede di legittimità se sorretto da adeguata motivazione logica e giuridica.

Cass. civ. n. 3280/1981

Il danno derivato dall'inadempimento di un contratto di compravendita di cose mobili aventi un prezzo corrente ben può risultare superiore alla differenza fra il prezzo pattuito e quello realizzato attraverso la vendita a terzi delle medesime cose o di altre dello stesso genere, specialmente nel caso di contratti di fornitura di materiali genericamente determinati, il cui inadempimento, ex parte emptoris, può rilevare anche sotto il profilo dell'assetto organizzativo che l'impresa fornitrice ha dovuto darsi per far fronte alle proprie obbligazioni. Tale danno ulteriore, per la sostanziale impossibilità di essere provato nel suo preciso ammontare, può essere liquidato equitativamente, ex art. 1263 c.c.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo