Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 605 Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Sequestro di persona

Dispositivo dell'art. 605 Codice penale

Chiunque priva taluno della libertà personale (1) è punito con la reclusione da sei mesi a otto anni.

La pena è della reclusione da uno a dieci anni, se il fatto è commesso:

  1. 1) in danno di un ascendente, di un discendente, o del coniuge (2);
  2. 2) da un pubblico ufficiale, con abuso dei poteri inerenti alle sue funzioni.

Se il fatto di cui al primo comma è commesso in danno di un minore, si applica la pena della reclusione da tre a dodici anni. Se il fatto è commesso in presenza di taluna delle circostanze di cui al secondo comma, ovvero in danno di minore di anni quattordici o se il minore sequestrato è condotto o trattenuto all’estero, si applica la pena della reclusione da tre a quindici anni.

Se il colpevole cagiona la morte del minore sequestrato si applica la pena dell’ergastolo(3).

Le pene previste dal terzo comma sono altresì diminuite fino alla metà nei confronti dell’imputato che si adopera concretamente:

  1. 1) affinchè il minore riacquisti la propria libertà(4);
  2. 2) per evitare che l’attività delittuosa sia portata a conseguenze ulteriori, aiutando concretamente l’autorità di polizia o l’autorità giudiziaria nella raccolta di elementi di prova decisivi per la ricostruzione dei fatti e per l’individuazione o la cattura di uno o più autori di reati;
  3. 3) per evitare la commissione di ulteriori fatti di sequestro di minore.

Note

(1) Tale privazione non deve necessariamente essere assoluta al punto che non è possibile l'auto liberazione del soggetto, essendo infatti sufficiente che la libertà personale venga limitata o comunque sia relativa quindi tale da non consentire un facile superamento degli ostacoli interposti.
(2) Si tratta di una circostanza aggravante incompatibile con quella ex art. 61, n. 11, che viene dunque assorbita dall'aggravante in esame alla luce del maggior disvalore del fatto.
(3) La morte rappresenta un'aggravante oggettiva del delitto, che si esclude solo quando si tratti di evento eccezionale ed imprevedibile.
(4) E' una particolare forma di recesso attivo (v. 56), che crea una separazione tra la condotta del partecipe e quella dei correi, dal momento che questo mostra un atteggiamento psichico contrastante con l'azione, di qui la necessità che vi sia un coefficiente di volontarietà nell'atto, che non deve essere conseguenza di fatti esterni, com ad esempio la fuga del sequestrato.

Ratio Legis

Il delitto di sequestro di persona trova il proprio fondamento nell'esigenza di garantire la libertà personale di movimento dei soggetti, diritto fondamentale dell'individuo.

Brocardi

Plagium

Spiegazione dell'art. 605 Codice penale

I delitti contro la libertà personale sono posti a tutela della libertà di movimento e di spostamento, che solo lo Stato, per mezzo dei suoi organi giurisdizionali, può limitare. La libertà personale rappresenta un diritto inviolabile ai sensi dell'articolo 13 della Costituzione, prevedendosi all'uopo la riserva assoluta di legge.

La norma in esame punisce la privazione della libertà personale per una durata di tempo apprezzabile,e costituisce una ipotesi di reato permanente.

Per la configurabilità del delitto è richiesto che il soggetto passivo non possa riuscire da solo a recuperare la libertà, anche qualora il soggetto passivo non si attivi in tal senso, quando la libertà non sia recuperabile con immediatezza, agevolmente e senza rischi.

Il reato si consuma nel momento in cui la libertà personale viene privata per un tempo apprezzabile, in maniera tale da superare la soglia di offensività.

La norma richiede il dolo generico, ovvero la coscienza e volontà di privare il soggetto passivo della libertà personale.

È prevista l'applicazione di circostanze aggravanti specifiche qualora il soggetto privato della libertà sia un ascendente, un discendente o il coniuge, o qualora il soggetto agente sia un pubblico ufficiale, se il fatto è commesso con abuso dei poteri.

Qualora il colpevole cagioni la morte del soggetto passivo minorenne si applica la pena dell'ergastolo.

La disposizione in esame disciplina inoltre l'applicazione di una circostanza attenuante specifica, da riconoscersi nei casi in cui vi sia ravvedimento operoso da parte dell'autore del delitto.

Affinchè la diminuente possa operare è però necessario un concreto aiuto nei confronti dell'autorità al fine di contrastare il delitto di sequestro (dalla formulazione della norma pare potersi intendere che l'aiuto possa essere prestato anche per contrastare attività criminose di persone sconosciute al reo), nonché per la raccolta di elementi decisivi per l'individuazione e la cattura dei concorrenti, ovvero per evitare la commissione di ulteriori fatti di sequestro di minore.

Massime relative all'art. 605 Codice penale

Cass. pen. n. 46566/2017

Ai fini della configurabilitā dell'elemento materiale del delitto di sequestro di persona, non č necessario che la costrizione si estrinsechi con mezzi fisici, dovendosi ritenere sufficiente anche una condotta che comporti una coazione di tipo psicologico, tale, in relazione alle particolari circostanze del caso, da privare la vittima della capacitā di determinarsi ed agire secondo la propria autonoma ed indipendente volontā.

Notizie giuridiche correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Consulenze legali
relative all'articolo 605 Codice penale

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Giovanni I. chiede
martedė 17/04/2018 - Lazio
“Mentre assistevo ad una presentazione di vini, discutevo con la presentatrice circa qualità dei vini, improvvisamente due carabinieri della vicina caserma, si presentavano - evidentemente chiamati dalla presentatrice - e prendendomi sottobraccio uno per lato, mi portavano in caserma, accusandomi, falsamente, aver versato un bicchiere d vino sul pavimento. Giunto in caserma il sovraintendente telefonava alla presentatrice la quale negava assolutamente ed onestamente, che avessi compiuto quanto i due militi mi attribuivano. Avevo la netta impressione che tra il responsabile della caserma e la presentatrice dei vini sussistesse un rapporto ambiguo di amicizia. Tuttavia , dopo la dichiarazione della predetta con cui era chiarito che io nulla avevo compiuto, la vicenda veniva chiusa senza conseguenze, . Ed io non ho sporto denunzia.
Tuttavia io ero stato prelevato a forza e portato via dai due militi senza giustificazione alcuna, e patendo una brutta figura davanti a tutti.
Domando quindi se nell'episodio si può ravvisare un reato e quale possa essere.
Fatto accaduto molti anni fa.
ringrazio.”
Consulenza legale i 19/04/2018
Per rispondere al quesito posto occorre tenere in considerazione sia i reati contro la libertà personale che quelli contro l’onore.
Quanto alla prima tipologia, rilevano in particolare i reati di sequestro di persona, arresto illegale e indebita limitazione di libertà personale previsti e puniti dagli articoli 605, 606 e 607 del codice penale.

Va subito escluso il reato di indebita limitazione di libertà personale che si ha solo allorché la privazione della libertà personale sia susseguente all’esecuzione di una pena e/o misura di sicurezza del tutto illegittima.
Si ponga ad esempio il caso del soggetto che conduce con la forza taluno all’interno di un istituto penitenziario per l’esecuzione di una pena mai emessa dall’autorità giudiziaria.
Nel caso che ci occupa non si è verificato un fatto simile, essendo stato il soggetto condotto solo in caserma e, dunque, non risulta applicabile l’art. 607 c.p.

Più complessa è la questione della configurabilità dell’arresto illegale o del sequestro di persona.
Il reato di arresto illegale si ha allorché il pubblico ufficiale privi un soggetto della libertà di locomozione al fine di porre in essere un arresto (secondo le procedure di cui all’art. 379 c.p.p.) pur in mancanza dei requisiti indispensabili per procedere a tale atto costrittivo.
La giurisprudenza ha infatti puntualizzato che sono compresi nella nozione di arresto, « purché effettuati in presenza delle condizioni per procedere all'arresto in senso stretto, il fermo di indiziato e qualsiasi atto autorizzato del pubblico ufficiale che implichi la privazione, eccezionale ed urgente, della libertà di locomozione della persona cui si attribuisca la commissione di un reato, sia per porlo fisicamente a disposizione dell'Autorità Giudiziaria, sia anche solo per identificarlo (C., Sez. V, 19.12.2005, n. 6773)».

Il sequestro di persona non si diversifica molto dalla condotta di arresto illegale, trattandosi pur sempre di privazione della libertà persona. La differenza risiede ovviamente nel fatto che detto reato si ha nel momento in cui manca qualsiasi autorizzazione legale alla privazione della libertà. La giurisprudenza ha rinvenuto l'elemento differenziale nell'elemento soggettivo, che nel sequestro richiede la volontà dell'agente di tenere la persona offesa nella sfera del suo dominio, mentre nell'arresto illegale è diretto a mettere la persona offesa a disposizione dell'autorità competente (C., Sez. VI, 26.3.2010, n. 23423, che ha qualificato come sequestro di persona l'indebito trattenimento di una persona, per alcune ore, presso un posto di polizia ferroviaria; in senso conforme: C., Sez. V, 16.10.2002, n. 38247; C., Sez. I, 27.1.1992).
Nel caso di specie è molto difficile ritenere sussistente sia il reato di arresto illegale che quello di sequestro di persona per il fatto che dal racconto sembra evincersi che gli agenti di polizia, nel condurre il soggetto presso la caserma non abbiano mai fatto riferimento ad un mandato di arresto o ad un fermo indiziato di delitto.
Allo stesso modo, sembra che il soggetto sia stato trattenuto in caserma per un lasso di tempo “trascurabile”, tale da non integrare il reato di sequestro di persona. Va infatti ricordato che ai fini della sussistenza del reato predetto occorre che la privazione della libertà del soggetto si protragga per un lasso temporale apprezzabile: come si legge nella motivazione del precedente citato (C., Sez. VI, 26.3.2010, n. 23423), il sequestro veniva ritenuto sussistente stante il trattenimento “per alcune ore” del soggetto.

Passando ai delitti contro l’onore e la reputazione, di rilievo potrebbe essere il reato di diffamazione previsto dall’art. 595 del codice penale. Tuttavia va ricordato che ai fini della sussistenza della fattispecie in questione è necessario che la condotta del soggetto agente sia realmente lesiva del suo onore e della sua reputazione ed è estremamente difficile che l’ “accusa” di aver rovesciato del vino su un tappeto possa essere ritenuta tale.

Sembra poi che il fatto sia accaduto “molti anni fa”, tale per cui è possibile che una eventuale denuncia querela si possa scontrare col termine di prescrizione dei reati ipotizzati, che non sono lunghissimi. Per il sequestro di persona la prescrizione è 8 anni, per l’arresto illegale e la diffamazione 6 anni.
Considerato che le indagini penali hanno una durata minima di 6 mesi, è altamente probabile che il procedimento si chiuda con un archiviazione per intervenuta prescrizione.
Per questi motivi si sconsiglia di sporgere denuncia querela per il fatto accaduto che, sebbene parecchio fastidioso, sembra essere stato, per come descritto, più che altro uno scherzo di cattivissimo gusto. A ciò si aggiunga che, come anzidetto, è estremamente difficile che il procedimento vada avanti per l’incombente prescrizione.