Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto penale -

Il reato culturalmente motivato. Profili socio-giuridici

AUTORE:
ANNO ACCADEMICO: 2020
TIPOLOGIA: Tesi di Laurea Magistrale
ATENEO: Universitą degli studi di Genova
FACOLTÀ: Giurisprudenza
ABSTRACT
Con il forte flusso migratorio si denota sempre più spesso la differenza culturale tra paese di origine e paese di arrivo.
Nella tesi si tratterà di cosa è il reato culturalmente motivato e come viene trattato nei vari paesi del mondo (un atto che è reato nel paese di arrivo, ma è tollerato o non costituisce reato nel paese di partenza).
A partire da casi reali e da una cospicua analisi di sentenze nel mondo occidentale si arriva in Italia al rigetto dell'istituto della Cultural Defence attraverso un paio di sentenze della Corte di Cassazione per violazione dell'art. 3 Cost..
Una analisi socio antropologica che fa luce su istituti come l'oyako-shiniu, lo zij poj niam, l'arué, le mutilazioni genitali maschili e femminili, l'uso dei vari veli islamici, la scarificazione, il porto del kirpan, tollerati o incoraggiati nei paesi di origine.
Il tutto è esplicitato da grafici e da una ampia e completa bibliografia e sitografia con un corposo apparato di note.
Vi sono pareri favorevoli all'uso della difesa culturale per far sì che non si debba rinunciare alla propria cultura e tradizione di origine, ma anche opinioni contrarie che puntano all'assimilazionismo e guardano soprattutto alla tutela della vittima, che non sarebbe ugualmente garantita.

Indice (COMPLETO)Apri

Bibliografia (ESTRATTO)Apri

Tesi (ESTRATTO)Apri

Acquista questa tesi
Dopo aver verificato il buon fine del pagamento, ti invieremo una email contenente copia della tesi (o della sola bibliografia) in formato PDF.