Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2943 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n.262)

Interruzione da parte del titolare

Dispositivo dell'art. 2943 Codice civile

La prescrizione è interrotta [1310] (1) dalla notificazione dell'atto con il quale si inizia un giudizio, sia questo di cognizione [c.p.c. 163, 638 c.p.c.] ovvero conservativo [670 c.p.c.] o esecutivo [474, 491 c.p.c.].
È pure interrotta dalla domanda proposta nel corso di un giudizio.
L'interruzione si verifica anche se il giudice adito è incompetente.
La prescrizione è inoltre interrotta da ogni altro atto che valga a costituire in mora il debitore [1219] e dall'atto notificato con il quale una parte, in presenza di compromesso o clausola compromissoria, dichiara la propria intenzione di promuovere il procedimento arbitrale, propone la domanda e procede, per quanto le spetta, alla nomina degli arbitri (2) (3).

Note

(1) Secondo dottrina e giurisprudenza prevalenti, gli atti che possono sancire l'interruzione del decorso prescrizionale sono tassativamente elencati e consistono in atti che importano l'esercizio del legittimo diritto da parte del titolare; mentre la prescrizione non subisce interruzione nelle ipotesi di trattative tra le parti in lite, diffida verbale ad adempiere, denuncia penale, querela e similia. In ogni caso, anche se non esplicitato ex lege, ha efficacia interruttiva l'atto materiale di esercizio di un diritto, in primis l'esercizio di una servitù di passaggio.
(2) La domanda di adempimento per produrre l'effetto interruttivo deve essere obbligatoriamente scritta e deve sottolinearsi che può essere utilizzato anche un atto di citazione che non risulti adeguato ad instaurare il processo a causa dell'invalidità della notifica.
(3) Tale comma risulta modificato dall'art. 25, L. 5 gennaio 1994, n. 25.

Ratio Legis

La disposizione in commento è posta allo scopo dichiarato di garantire che la prescrizione non operi qualora sopraggiunga una causa che faccia venire meno l'inerzia del titolare, venendo a mancare pertanto il presupposto stesso dell'istituto.

Spiegazione dell'art. 2943 Codice civile

Atti introduttivi del giudizio

L'articolo in esame si occupa delle prime cause. Di queste è innanzi tutto indicata la notifica di un atto con il quale si inizia un giu­dizio, sia questo di cognizione, ovvero conservativo od esecutivo ; costi­tuisce tale notifica una causa d'interruzione civile, cioè sostanziantesi in atti processuali, della prescrizione. L'art. 2125, abrogato, parlava di domanda giudiziale, di precetto e di atto di sequestro ed a tutti e tre riconosceva efficacia interruttiva della prescrizione. La diversa for­mulazione dell'art. 2943 non significa diversa regolamentazione poichè in esso sono pur previsti la domanda giudiziale, quale atto con cui si inizia il processo di cognizione, il precetto quale atto con cui si inizia il processo esecutivo ed il sequestro quale atto che tende ad assicurare la conservazione del diritto del creditore. Mutuata, altresì, dall'art. 2125, è la disposizione dell'ultimo comma, poichè come in questo anche in quello, si parlava espressamente di qualunque atto che costituisce in mora il debitore. Nuova è, invece, la disposizione del secondo comma per cui l'interruzione si verifica anche se la domanda sia proposta nel corso di un giudizio.

Vediamo ora, in breve, i requisiti di ciascuna delle anzidette cause interruttive.

L'atto con cui si inizia un giudizio di cognizione sarà, come s'è detto, la domanda giudiziale, la quale potrà o non avere per immediato oggetto il diritto che sta per prescriversi.

L'atto conservativo, che si pone accanto alla domanda come quello in cui si rivela la volontà del titolare di voler mantenere il diritto, è il sequestro e s'intende, ad effectum cavendi, che sarà richiesto mediante semplice ricorso intimato alla parte (art. 672 cod. proc. civ.).

Il precetto inizia, invece, il processo esecutivo, tendente ad assicu­rare al creditore la prestazione che gli è dovuta.

Per l'art. 2125, corrispondente a quello in esame, la domanda giu­diziale pur se fatta dinanzi a giudice incompetente aveva efficacia interruttiva della prescrizione ; l'art. 2943 ripete lo stesso principio con una formulazione che, .però, si rivela comprensiva sia della domanda giudiziale vera e propria, sia del sequestro, che del precetto; nel terzo comma infatti si stabilisce : «l'interruzione si verifica anche se il giu­dice adito è incompetente » ; non si parla più di domanda ma si consi­dera il giudice che potrà essere e quello della cognizione e quello della esecuzione. La norma in esame si comprende : infatti è fuor di dubbio che in ciascuno di quegli atti, anche se proposti dinanzi a giudice incompetente, si manifesta la volontà della parte di voler far riconoscere l'esistenza del proprio diritto.

L’atto di costituzione in mora. come quello con cui il creditore f.. rilevare al debitore ritardo da lui frapposto nell'adempimento dellE: prestazione, vuol significare volontà di far valere il proprio diritto in ciò sta l'efficacia sua di mezzo interruttivo della prescrizione. È ovvie che la costituzione in mora (la quale, è appena da rilevare, sarà quella ex persona e non già l'altra dovuta al semplice scadere del te
mine [art. 1219 3] ) dovrà essere notificata al debitore ; ma sul modo ej. cui tale notifica può e deve effettuarsi il codice tace ; dai lavori preparatori si rileva che osservata in sede di progetto ministeriale, la necessitá che questi atti fossero notificati a mezzo di ufficiale giudiziario non si ritenne necessario richiedere tale requisito ; va, perciò, escluso che' l'atto di costituzione in mora, per essere valido come tale, debba rive­stirsi di speciali requisiti formali, conclusione questa che ci sembra con­fermata anche dall'art. 1219 il quale, indicando gli atti di costituzione in mora del debitore, menziona accanto alla intimazione anche una richiesta del credito fatta per iscritto.

Il codice del 1865, nell'art. 2128, escludeva espressamente ogni efficacia interruttiva alla domanda giudiziale o all'intimazione notificata per mezzo di ufficiale giudiziario incompetente ; il codice nuovo non ripete più questa disposizione ; ma, proprio per questo suo silenzio, è certo che l'interprete non può ritenersi autorizzato a riconoscere effi­cacia interruttiva della prescrizione all'atto notificato da ufficiale giu­diziario incompetente. D'altronde la diversità di trattamento, al fine dell'interruzione, dell'incompetenza nell'una e nell'altra ipotesi si spiega; appena si mediti sul rilievo che se l'ufficiale, il quale ha notificato l'atto, è incompetente egli deve essere considerato come un privato che non può far fede di quanto afferma di aver eseguito.

Lo stesso, invece, non può dirsi per il giudice incompetente, in quanto resta sempre accer­tato che la parte ha espresso in modo inequivoco la volontà di tutelare le proprie ragioni mediante un atto il cui contenuto non muta per la dichiarata incompetenza del giudice.



Momento in cui va proposta la domanda interruttiva della prescrizione

La domanda interruttiva della prescrizione può essere proposta, come s'è visto, anche nel corso del giudizio : cosicché avranno tale ef­fetto: l'eccezione di compensazione parziale di un credito, l'istanza ,di collocazione in un giudizio di graduazione di distribuzione del danaro ricavato da un'esecuzione mobiliare, di assegnazione di crediti, di am­missione al passivo di un fallimento ecc. Il giudizio sarà, di regola, quello istruttorio ; ma ben può essere anche quello che si svolge dinanzi ordinamento processuale è inibito proporre al collegio eccezioni e domande non fatte valere davanti all’istruttore (arg. ex. art. 189 del c.p.c.), perché se ciò è vero, sono vere anche due considerazioni: la prima che il codice civile consente di far valere l'interruzione della prescrivendone nel corso di un giudizio senz'altra specificazione ; la seconda che il termine giudizio è sì ampio da dover essere riferito sia a quello istrut­torio che all'altro, successivo, decisorio, poiché la funzione giurisdizionale è, oggi, ripartita tra giudice istruttore e collegio giudicante.

Per l'abrogato art. 2128 la domanda giudiziale interrompeva la pre­scrizione anche se perenta ; la norma non è stata riprodotta, essendo scomparso dal nuovo codice di procedura civile l'istituto della perenzione ; piuttosto poiché l'ipotesi dell'art. 2128 si può riportare ad altra di estin­zione del processo, di questa si dirà commentando l'art. 2945.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 2943 Codice civile

Cass. civ. n. 2965/2017

Ai fini della costituzione in mora del debitore e della interruzione del termine di prescrizione, è sufficiente che il mandatario sia investito, anche senza formalità, di un generico potere di rappresentanza, dimostrabile con ogni mezzo di prova, comprese le presunzioni. (Nella specie, la S.C. ha cassato la sentenza impugnata che, per l'assenza di prova di una procura già conferita, aveva ritenuto inidonea ad interrompere la prescrizione una lettera firmata dal difensore poi designato dal lavoratore medesimo con procura a margine del ricorso introduttivo del giudizio di primo grado).

Cass. civ. n. 20414/2016

In caso di inadempimento della direttiva comunitaria n. 82/76/CEE, di cui risponde unicamente lo Stato, l'atto interruttivo della prescrizione proveniente dai medici specializzati ed indirizzato ad uno dei Ministeri competenti in materia di organizzazione universitaria e finanziamento delle attività istituzionali statali, che costituiscono articolazioni del Governo, è idoneo a interrompere la prescrizione nei confronti della Presidenza del Consiglio, posto che non viene rivolto ad una qualsiasi amministrazione estranea al rapporto controverso, conservando la funzione di messa in mora ed induzione del debitore all'adempimento.

Cass. civ. n. 16293/2016

La domanda giudiziale ha efficacia interruttiva e sospensiva della prescrizione riguardo a tutti i diritti che si ricolleghino, con stretto nesso di causalità, al rapporto cui inerisce, senza che occorra proporre, nello stesso o in altro giudizio, una specifica domanda diretta a farli valere e anche quando, in quello pendente, tale domanda non sia proponibile, sicché la proposizione di un'azione revocatoria produce il suddetto effetto sulla prescrizione del diritto di credito la cui soddisfazione è diretta a garantire, pur se quest'ultimo sia azionato successivamente in autonomo giudizio.

Cass. civ. n. 15631/2016

Gli atti interruttivi della prescrizione posti in essere nei confronti di un ente a struttura articolata hanno efficacia anche se diretti ad un organo che, investito della cura degli interessi cui l'atto stesso si riconnette, sia privo della rappresentanza esterna dell'ente medesimo, ovvero ad un organo incompetente, dovendo presumersi che quest'ultimo provveda ad inoltrare l'atto all'organo competente. (In applicazione dell'enunciato principio, la S.C. ha cassato la sentenza impugnata che aveva erroneamente escluso l'efficacia interruttiva della prescrizione del credito dell'appaltatore di atti notificati non già direttamente al Presidente della Regione Calabria, ma all'assessorato dei lavori pubblici della medesima Regione).

Cass. civ. n. 7076/2016

Gli atti di impulso processuale successivi a quello introduttivo del procedimento possono spiegare autonoma efficacia interruttiva della prescrizione ove abbiano i connotati dell'atto di costituzione in mora del debitore, ai sensi dell'art. 2943, comma 4, c.c., e cioè contengano una richiesta di pagamento a lui comunicata direttamente. Ne consegue che non può attribuirsi una tale efficacia al gravame proposto avverso la sentenza del giudice di primo grado, perché esso non è diretto personalmente alla parte, ma al suo procuratore, e, soprattutto, per sua natura, non ha il contenuto di un atto di costituzione in mora, essendo diretto al riesame della sentenza impugnata, nei limiti del devoluto

Cass. civ. n. 4278/2016

In tema di opposizione a cartella esattoriale per crediti contributivi, sono dotati di efficacia interruttiva della prescrizione anche atti privi di sottoscrizione quando l'opponente non ne abbia tempestivamente contestato la riferibilità all'ente previdenziale e la ricezione.

Cass. civ. n. 1516/2016

La domanda nuova introdotta con l'atto d'appello, pur se inammissibile, ha effetti interruttivi della prescrizione poiché presuppone, in ogni caso, una pronuncia giudiziale suscettibile di passaggio in giudicato formale e, dunque, una difesa attiva della controparte, che resta compiutamente edotta della volontà dell'attore di esercitare il diritto di credito.

Cass. civ. n. 14427/2013

La proposizione di una domanda giudiziale ha effetto interruttivo della prescrizione, protraentesi fino al massimo in giudicato della sentenza che definisca il giudizio decidendo il merito o eventuali questioni processuali di carattere pregiudiziale, con riguardo a tutti i diritti da essa coinvolti o che si ricolleghino, con stretto nesso di causalità, al rapporto dì cui essa inerisce, sicché una siffatta efficacia, relativamente al termine decennale di presrizione afferente il conguaglio della indennità di espropriazione e di occupazione giudizialemente invocato può essere attribuita alla precedente domanda di opposizione alla stima solo in presenza di una correlazione sostanziale o processuale tra le decisioni che abbiano definito i rispettivi giudizi. (Nella specie la S.C., confermando la sentenza impugnata, ha escluso una tale conrrelazione avendo il giudizio di opposizione alla stima riguardato, originariamente, indennità relative a porzioni di terreno diverse da quella per la quale sera stato successivamente richiesto il suddetto conguaglio, ed essendo, altresì, rimasto incensurato il diniego di valenza interruttiva della prescrizione attribuito alla statuizione di inammissibilità concernente la domanda tardivamente ivi formulata anche con riguardo a quest'ultima).

Cass. civ. n. 14230/2013

Il reclamo ex art. 22 legge fall. può avere efficacia interruttiva della prescrizione, atteso che l'atto di costituzione in mora non è soggetto a forma solenne, essendo sufficiente che il creditore manifesti e porti a conoscenza legale del debitore, mediante atto scritto, la volontà di ottenere il soddisfacimento del suo diritto.

Cass. civ. n. 12480/2013

In tema d'interruzione della prescrizione, tanto l'atto giudiziale, di cui ai primi tre commi dell'art. 2943 cod. civ., quanto l'atto stragiudiziale, di cui all'ultimo comma dello stesso articolo, postulano, ai fini della produzione dell'effetto interruttivo, la conoscenza dell'atto - non necessariamente effettiva, essendo sufficiente la conoscenza legale (artt. 1334, 1335 cod. civ., artt. 137 e segg. cod. proc. civ.) - da parte del destinatario.

Cass. civ. n. 11985/2013

In tema di applicazione degli artt. 2943, primo comma, e 2945, secondo comma, cod. civ., la nullità della notificazione dell'atto introduttivo del giudizio impedisce l'interruzione della prescrizione e la conseguente sospensione del suo corso fino al passaggio in giudicato della sentenza che definisce il giudizio, a nulla rilevando, in senso contrario, la mera possibilità che la nullità sia successivamente sanata, e fermo restando che, qualora la sanatoria processuale abbia poi effettivamente luogo, i relativi effetti sul corso della prescrizione decorrono dal momento della sanatoria medesima, senza efficacia retroattiva.

Cass. civ. n. 23017/2012

In tema di interruzione della prescrizione, l'inammissibilità della domanda (nella specie, per difetto di procura alla lite) non ne esclude l'efficacia interruttiva, che, anche in questo caso, permane fino al giudicato.

Cass. civ. n. 7097/2012

Ai fini dell'interruzione della prescrizione, l'intimazione scritta ad adempiere può essere validamente effettuata non solo da un legale che si dichiari incaricato dalla parte, ma anche da un mandatario o da un incaricato, alla sola condizione che il beneficiario ne intenda approfittare, e senza che occorra il rilascio in forma scritta di una procura per la costituzione in mora, potendo questa risultare anche solo da un comportamento univoco e concludente idoneo a rappresentare che l'atto è compiuto per un altro soggetto, nella cui sfera giuridica è destinato a produrre effetti. (Nella specie, la S.C. ha ritenuto che l'intimazione a corrispondere le differenze retributive dovute ad un lavoratore, fatta da un rappresentante sindacale che dichiari di agire nell'interesse del lavoratore, è idonea ad interrompere la prescrizione).

Cass. civ. n. 25861/2010

Gli atti interruttivi della prescrizione riconducibili alla previsione dell'art. 2943, quarto comma. c.c., consistono in atti recettizi, con i quali il titolare del diritto manifesta al soggetto passivo la sua volontà non equivoca, intesa alla realizzazione del diritto stesso. Essi, pertanto, possono produrre tale effetto limitatamente ai diritti ai quali corrisponde nel soggetto passivo un dovere di comportamento e non anche per i diritti potestativi, ai quali fa riscontro una situazione di mera soggezione, anziché di obbligo, nel soggetto controinteressato. (Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza impugnata che, con riguardo all'azione proposta dal lavoratore subordinato per l'annullamento delle dimissioni comunicate al datore di lavoro, aveva ritenuto inidoneo ad interrompere il corso della prescrizione l'atto del difensore del dipendente volto a sollecitare una soluzione transattiva di una futura controversia).

Cass. civ. n. 3371/2010

In tema di interruzione della prescrizione, un atto, per avere efficacia interruttiva, deve contenere, oltre alla chiara indicazione del soggetto obbligato (elemento soggettivo), l'esplicitazione di una pretesa e l'intimazione o la richiesta scritta di adempimento, idonea a manifestare l'inequivocabile volontà del titolare del credito di far valere il proprio diritte, nei confronti del soggetto indicato, con l'effetto sostanziale di costituirlo in mora (elemento oggettivo). Quest'ultimo requisito non è soggetto a rigore di forme, all'infuori della scrittura, e, quindi, non richiede l'uso di formule solenni né l'osservanza di particolari adempimenti, essendo sufficiente che il creditore manifesti chiaramente, con un qualsiasi scritto diretto al debitore e portato comunque a sua conoscenza, la volontà di ottenere dal medesimo il soddisfacimento del proprio diritto. Ne consegue che non è ravvisabile tale requisito in semplici sollecitazioni prive di carattere di intimazione e di espressa richiesta di adempimento al debitore e che è priva di efficacia interruttiva la riserva, anche se contenuta in un atto scritto, di agire per il risarcimento di danni diversi e ulteriori rispetto a quelli effettivamente lamentati, trattandosi di espressione che, per genericità ed ipoteticità, non può in alcun modo equipararsi ad una intimazione o ad una richiesta di pagamento.

Cass. civ. n. 18399/2009

Ai fini della tempestività dell'interruzione della prescrizione ai sensi dell'art. 2943, primo comma, c.c., in applicazione del principio della scissione del momento perfezionativo della notificazione per il richiedente e per il destinatario, occorre aver riguardo non già al momento in cui l'atto con il quale si inizia un giudizio viene consegnato al destinatario, bensì a quello antecedente in cui esso è stato affidato all'ufficiale giudiziario che lo ha poi notificato (nella specie a mezzo del servizio postale), posto che l'esigenza che la parte non subisca le conseguenze negative di accadimenti sottratti al proprio potere d'impulso sussiste non solo in relazione agli effetti processuali, ma anche a quelli sostanziali dell'atto notificato.

Cass. civ. n. 14862/2009

L'effetto interruttivo della prescrizione esige, per la propria produzione, che il debitore abbia conoscenza (legale, non necessariamente effettiva) dell'atto giudiziale o stragiudiziale del creditore; esso, pertanto, in ipotesi di domanda proposta nelle forme del processo del lavoro, non si produce con il deposito del ricorso presso la cancelleria del giudice adito, ma con la notificazione dell'atto al convenuto.

Cass. civ. n. 13588/2009

In materia di prescrizione, la consegna all'ufficiale giudiziario dell'atto da notificare non è idonea ad interrompere il decorso del termine prescrizionale del diritto fatto valere, dovendosi ritenere che il principio generale - affermato dalla sentenza n. 477 del 2002 della Corte cost. - secondo cui, quale sia la modalità di trasmissione, la notifica di un atto processuale si intende perfezionata, dal lato del richiedente, al momento dell'affidamento dell'atto all'ufficiale giudiziario non si estenda all'ipotesi di estinzione del diritto per prescrizione in quanto, perché l'atto, giudiziale o stragiudiziale, produca l'effetto interruttivo del termine, è necessario che lo stesso sia giunto alla conoscenza (legale, non necessariamente effettiva) del destinatario. Ne consegue che, in caso di domanda proposta nelle forme del processo del lavoro, il mero deposito del ricorso presso la cancelleria del giudice non produce un effetto interruttivo, restando escluso - ove la domanda giudiziale non sia il solo mezzo previsto dall'ordinamento per l'interruzione della prescrizione di un determinato diritto - che ciò consenta di dubitare, in riferimento all'art. 3 Cost., della legittimità costituzionale dell'art. 2943 c.c. in relazione all'art. 414 c.p.c. e all'art. 2934 c.c.

Cass. civ. n. 22238/2007

La domanda giudiziale (nella specie, relativa a controversia di lavoro) pervenuta a conoscenza della controparte costituisce esercizio effettivo del diritto sufficiente ad interrompere la prescrizione, quale che sia l'esito successivo del giudizio, ed anche ove la domanda sia dichiarata nulla; in tal caso, permane altresì l'effetto della domanda relativo alla sospensione del decorso del termine prescrizionale fino al passaggio in giudicato della sentenza che ne ha dichiarato la nullità, in quanto tale pronuncia, anche se in rito, è diversa dalla pronuncia di estinzione del giudizio, che è la sola atta a privare la domanda giudiziaria dell'effetto sospensivo ai sensi dell'art. 2945 c.c.

Cass. civ. n. 21006/2007

Il principio fissato dall'art. 2943 c.c., secondo cui la domanda giudiziale ha effetto interruttivo della prescrizione, fino al passaggio in giudicato della sentenza che definisce il giudizio, sia essa di merito o risolutiva di questioni pregiudiziali o preliminari, non trova applicazione quando la domanda sia inidonea ad instaurare un valido rapporto processuale, come nel caso in cui la notificazione della citazione sia affetta da inesistenza (nella specie, a causa della assoluta illeggibilità della firma).

Cass. civ. n. 25500/2006

In tema di interruzione della prescrizione, ai sensi dell'articolo 2943 c.c., perché un atto abbia efficacia interruttiva, deve contenere, oltre alla chiara indicazione del soggetto obbligato, l'esplicitazione di una pretesa e l'intimazione o la richiesta scritta di adempimento, idonea a manifestare l'inequivocabile volontà del titolare del credito di far valere il proprio diritto, nei confronti del soggetto indicato, con l'effetto sostanziale di costituirlo in mora. E pertanto priva di efficacia interruttiva la riserva, contenuta in un atto di citazione, di agire per il risarcimento di danni diversi e ulteriori rispetto a quelli effettivamente lamentati, trattandosi di espressione che, per genericità ed ipoteticità, non può in alcun modo equipararsi ad una intimazione o ad una richiesta di pagamento. (Nella specie la corte di merito aveva rigettato, perché estinta, la domanda, a titolo di responsabilità extracontrattuale, per i danni cagionati dalle illegittime azioni intraprese da una banca per un effetto cambiario scaduto nel dicembre del 1982; avevano sostenuto i ricorrenti di avere fatto espressa riserva dì agire per tutti i danni nella citazione di un precedente giudizio, nel novembre 1984, per il rimborso delle spese di procedura di urgenza, e di avere fatto una diffida ad adempiere, nel settembre 1989, cui era seguita, nel maggio del 1992, l'introduzione dl presente giudizio, di modo che il quinquennio non si sarebbe compiuto: sulla base dell'enunciato principio la S.C. ha rigettato il ricorso).

Cass. civ. n. 15766/2006

In tema di prescrizione, con riferimento alla idoneità degli atti ad acquisire efficacia interruttiva, va affermato che l'atto di interruzione della prescrizione non deve necessariamente consistere «in una richiesta o intimazione» (essendo questa una caratteristica riconducibile all'istituto della costituzione in mora), ma può anche emergere da una dichiarazione che, esplicitamente o per implicito, manifesti, puramente e semplicemente, l'intenzione di esercitare il diritto spettante al dichiarante, in tal guisa dovendosi interpretare estensivamente il disposto dell'articolo 2943, comma quarto, c.c., in sinergia ermeneutica con la più generale norma dettata, in tema di prescrizione, dall'articolo 2934 c.c. (Nella specie la S.C., sulla base dell'enunciato principio, ha accolto il ricorso del danneggiato da un sinistro stradale avverso la sentenza di appello che aveva escluso l'efficacia interruttiva della prescrizione di una missiva da lui inviata alla compagnia di assicurazioni del danneggiante, in quanto essa contenuta solo «una semplice offerta di soluzione stragiudiziale della controversia, e non anche una intimazione o richiesta di adempimenti»).

Cass. civ. n. 15489/2006

La rinnovazione della notificazione nulla di un atto di citazione a giudizio (disposta ed eseguita a mente del disposto dell'art. 291 c.p.c.) non può ritenersi idonea a determinare effetti interruttivi del corso della prescrizione (ex art. 2943, comma primo. c.c.) con decorrenza retroattiva alla data della notificazione invalida, avendo la norma civilistica (nel sancire espressamente che la prescrizione è interrotta dalla notificazione dell'atto introduttivo del giudizio) stabilito una innegabile connessione tra effetto interruttivo e natura recettizia dell'atto, con la conseguenza che la mancata introduzione, nella sfera giuridica del destinatario, dell'atto di notifica nullo non consentirà in alcun modo a quest'ultimo di risultare funzionale alla produzione dell'effetto retroattivo citato, a nulla rilevando la (apparentemente contraria) disposizione di cui all'art. 291, comma primo, c.p.c., la quale, stabilendo che «la rinnovazione della citazione nulla impedisce ogni decadenza» non ha inteso riferirsi all'istituto della prescrizione.

Cass. civ. n. 10270/2006

L'atto di costituzione in mora di cui all'art. 1219 c.c., idoneo ad integrare atto interruttivo della prescrizione ai sensi dell'art. 2943, ultimo comma c.c., non è soggetto a rigore di forme, all'infuori della scrittura, e quindi non richiede l'uso di formule solenni né l'osservanza di particolari adempimenti, essendo sufficiente che il creditore manifesti chiaramente, con un qualsiasi scritto diretto al debitore e portato comunque a sua conoscenza, la volontà di ottenere il soddisfacimento del proprio diritto. L'accertamento compiuto al riguardo dal giudice del merito costituisce indagine di fatto ed è, perciò, incensurabile in sede di legittimità, se immune da vizi logici. (Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza di merito che aveva ritenuto atto idoneo alla costituzione in mora dell'acquirente di alcune merci l'emissione e la trasmissione della fattura, anche se non accompagnata da una espressa richiesta di pagamento, e lo aveva pertanto condannato al pagamento del residuo prezzo oltre agli interessi legali dalla data della scadenza indicata nella fattura stessa).

Cass. civ. n. 5681/2006

In tema di atti interruttivi della prescrizione, l'atto di costituzione in mora non è soggetto all'adozione di formule sacramentali e quindi non richiede la quantificazione del credito (che potrebbe essere non determinato, ma solo determinabile), avendo l'esclusivo scopo di portare a conoscenza del debitore la volontà del creditore di ottenere il soddisfacimento delle proprie pretese; e il relativo accertamento costituisce indagine di fatto, riservata all'apprezzamento del giudice del merito e non sindacabile in sede di legittimità ove immune da errori giuridici e/o vizi logici. (Nella specie la S.C. ha confermato la sentenza di merito che aveva ritenuto, quale atto di costituzione in mora, valido atto interruttivo della prescrizione, la richiesta di «pagamento delle competenze» rivolta da un professionista al proprio cliente).

Cass. civ. n. 5104/2006

L'inammissibilità della domanda, qualunque ne sia la causa, non esclude l'efficacia interruttiva della prescrizione del diritto con essa fatto valere, efficacia che — anche in questo caso — permane fino al giudicato.

Cass. civ. n. 3873/2006

Ai fini della costituzione in mora del debitore e della interruzione del termine di prescrizione, è sufficiente che il mandatario sia investito, anche senza formalità, di un generico potere di rappresentanza, dimostrabile con ogni mezzo di prova, comprese le presunzioni. (Nella specie, la S.C. ha annullato la sentenza impugnata, la quale aveva ritenuto che non fosse idonea ad interrompere il decorso del termine di prescrizione una lettera firmata da soggetto sfornito di procura scritta ai fini dell'atto giuridico extragiudiziale, poi designato dal lavoratore medesimo quale difensore con procura a margine del ricorso introduttivo del giudizio di primo grado).

Cass. civ. n. 6570/2005

Non ogni domanda ha effetto interruttivo della prescrizione, ma soltanto quella con cui l'attore chiede il riconoscimento e la tutela giuridica del diritto del quale si eccepisca poi la prescrizione. Pertanto, la domanda proposta per chiedere l'adempimento di un'obbligazione derivante dalla legge o da convenzione o da atto dell'autorità non vale ad interrompere la prescrizione dell'azione, successivamente esperita di arricchimento senza causa. (Nella specie la Corte di cassazione ha ritenuto che il corso della prescrizione della domanda di indebito arricchimento non fosse stata interrotta da una domanda precedentemente proposta con riferimento alla medesima situazione di fatto, ma avente come oggetto il pagamento di compenso conseguente a contratto di prestazione d'opera professionale).

Cass. civ. n. 3786/2005

La lettera raccomandata con cui si provveda a costituire in mora una società in persona del suo legale rappresentante è idonea ad interrompere la prescrizione, ancorché inviata non alla sede della società ma al domicilio del detto rappresentante legale, non richiedendosi, come per la notifica a mezzo di ufficiale giudiziario, l'osservanza delle regole previste dall'art. 145 c.p.c., bensì dovendosi ritenere che la società destinataria ne sia venuta a conoscenza tramite la persona di tale suo rappresentante.

Cass. civ. n. 13081/2004

Sia con la notifica del ricorso e del relativo decreto ingiuntivo, sia con la comparsa di risposta all'opposizione, l'opposto esercita una azione di condanna idonea ad interrompere la prescrizione exart. 2943 primo e secondo comma c.c.; tale interruzione ha effetti permanenti (e non meramente istantanei) ex art. 2945, secondo comma, c.c., fino alla sentenza che decide il giudizio di opposizione al decreto ingiuntivo ovvero fino a quando quest'ultimo sia divenuto non più impugnabile ed abbia quindi acquistato autorità ed efficacia di cosa giudicata sostanziale al pari di una sentenza di condanna. Dal momento del passaggio in giudicato della sentenza che decide sull'opposizione ovvero del decreto decorrerà poi l'ulteriore termine di prescrizione previsto dall'art. 2953 c.c.

Cass. civ. n. 12617/2003

L'atto di costituzione in mora può avere efficacia interruttiva della prescrizione, ai sensi dell'art. 2943, quarto comma, c.c., anche qualora sia indirizzato al rappresentante del debitore, ovvero ad un soggetto che abbia agito in tale qualità, benché privo del potere di rappresentanza, qualora risulti applicabile il principio dell'apparenza del diritto, che può essere invocato nei confronti dell'apparente rappresentato, nel caso in cui questi abbia tenuto un comportamento colposo, tale da giustificare nel terzo il ragionevole convincimento che il potere di rappresentanza sia stato effettivamente e validamente conferito al rappresentante apparente. (Nella specie, la S.C. ha cassato la sentenza di merito che, pur avendo accertato che l'atto di costituzione in mora era stato inviato a mezzo fax al legale al quale si presumeva conferito l'incarico di rappresentare il debitore nella composizione della controversia concernente il pagamento di un credito, ne aveva escluso l'efficacia interruttiva della prescrizione, senza valutare se il pregresso comportamento del debitore avesse o meno ingenerato nel creditore il ragionevole convincimento della titolarità da parte del legale del potere di rappresentanza del debitore.).

Cass. civ. n. 17157/2002

In materia di prescrizione, condizione di idoneità di un atto alla produzione di effetti interruttivi della prescrizione è, ai sensi del combinato disposto di cui agli artt. 2934 e 2943 c.c., la sua provenienza dal titolare del diritto ovvero da soggetto che agisca quale suo valido rappresentante.

Cass. civ. n. 16131/2002

Perché un atto abbia efficacia interruttiva della prescrizione, ai sensi dell'art. 2943, quarto comma, c.c., deve presentare un elemento soggettivo, costituito dalla chiara indicazione del soggetto obbligato, ed un elemento oggettivo, consistente nell'esplicitazione di una pretesa e nella intimazione o richiesta scritta di adempimento idonea a manifestare l'inequivocabile volontà del titolare del credito di far valere il proprio diritto nei confronti del soggetto indicato, con l'effetto sostanziale di costituirlo in mora; la richiesta di pagamento produce l'interruzione della prescrizione ad effetto istantaneo, pertanto non è ammissibile che l'effetto interruttivo sia riconducibile ad una pluralità di atti, succedutisi nel tempo, dal complesso dei quali possa ricavarsi la volontà dell'interessato di far valere il proprio diritto, in quanto, se la singola intimazione non è idonea a costituire in mora l'obbligato, l'effetto interruttivo non si verifica affatto; ne consegue che non produce alcun effetto interruttivo un atto, astrattamente valido ai fini della interruzione della prescrizione, ove lo stesso intervenga quando si è già verificata l'estinzione del diritto per mancato esercizio dello stesso nel tempo indicato dalla legge.

Cass. civ. n. 260/1999

Gli effetti interruttivi della prescrizione si verificano esclusivamente a favore del soggetto che ha compiuto atti di interruzione, onde essi sono riferibili ad un soggetto diverso soltanto se il primo abbia agito nell'interesse di quest'ultimo, nella dichiarata qualità di suo legittimo rappresentante e mandatario. (Nella specie la S.C. ha escluso che atti interruttivi della prescrizione posti in essere da uno dei diversi creditori potessero produrre effetti a favore di altri, ove i primi non avessero ricevuto mandato).

Cass. civ. n. 2445/1998

La dichiarazione scritta del debitore di non voler eseguire l'obbligazione, non è equiparabile a costituzione in mora, pur rendendola superflua, e non vale quindi a interrompere la prescrizione a norma dell'art. 2943 ultimo comma c.c.

Cass. civ. n. 9589/1997

La domanda giudiziale proposta davanti ad un giudice ordinario o speciale da uno dei soggetti di un rapporto giuridico ed avente ad oggetto la sussistenza o meno degli elementi costitutivi del rapporto stesso, con efficacia interruttiva della prescrizione ai sensi degli ant. 2943 e 2945 c.c. con riguardo a tutti i diritti che si ricolleghino con stretto nesso di causalità a quel rapporto senza necessità che il loro titolare proponga nello stesso (o in altro) giudizio con specifica domanda diretta a farli valere. Pertanto la domanda volta a far dichiarare l'illegittimità del licenziamento di un dirigente interrompe la prescrizione del diritto al pagamento delle indennità supplementari previste dall'art. 19 del Codice dei dirigenti di aziende industriali, a prescindere dalla formulazione di una specifica richiesta.

Cass. civ. n. 8711/1993

In tema di atti interruttivi della prescrizione, la circostanza che la costituzione in mora provenga non dal creditore personalmente, ma da soggetto che abbia agito nella dichiarata qualità di rappresentante o mandatario del titolare del diritto, in forza di un potere genericamente o specificamente abilitante, ancorché conferito senza formalità - e dimostrabile con ogni mezzo di prova, anche presuntiva - non toglie all'atto la sua idoneità interruttiva, atteso che la disposizione dell'art. 1392 c.c. - secondo cui la procura non ha effetto se non è conferita nelle forme prescritte per il contratto che il rappresentante deve concludere - trova applicazione, ai sensi dell'art. 1324 c.c., per gli atti unilaterali negoziali, ma non per quello di costituzione in mora, ancorché, a norma dell'art. 1219 c.c., debba essere fatto per iscritto, trattandosi di mero atto giuridico non negoziale, che, una volta compiuto, produce gli effetti indicati nell'art. 1221 c.c. e, ai sensi dell'art. 2943, ultimo comma, c.c., anche quello di interrompere la prescrizione.

Cass. civ. n. 5084/1992

La notificazione di un atto introduttivo di giudizio promosso nei confronti di una società di capitali, ove il giudice abbia dovuto disporne la rinnovazione per mancata costituzione della convenuta, non è idonea a produrre — anteriormente a tale rinnovazione — almeno l'effetto interruttivo della prescrizione del credito vantato in giudizio, quando la sua originaria esecuzione sia avvenuta presso la privata dimora del legale rappresentante della convenuta società, non coincidente con la sede di questa.

Cass. civ. n. 3074/1991

L'efficacia dell'atto interruttivo della prescrizione è circoscritta, sia dal lato attivo che da quello passivo, ai soggetti di tale atto (il quale sul piano sostanziale è un negozio unilaterale recettizio), senza alcuna influenza sulle posizioni di terzi, salve le particolari ipotesi di cui agli artt. 1309, 1310, comma primo, e 1957, comma quarto. c.c.; pertanto, l'atto interruttivo rivolto ad una persona fisica in proprio non estende la sua efficacia, qualunque ne sia il contenuto, nei confronti della società di cui tale persona sia organo, rimanendo pur sempre distinte le due soggettività e, quindi, differenziate le rispettive posizioni sostanziali e processuali.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 2943 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Paolo L. chiede
lunedì 02/07/2018 - Lazio
“Buongiorno,

vorrei una consulenza in merito a una questio che vede i miei due avvocati su posizioni divergenti.

La questio giuridica riguarda la prescrizione dei crediti alimentari di mia madre a seguito della sua rinuncia alla procedura esecutiva (11 gennaio 2013) azionata nel 2002 per il perdurante inadempimento di mio padre. La rinuncia ai crediti, con conseguente estinzione del procedimento giudiziario, è avvenuto tramite verbale d’udienza e la decisione è stata presa in virtù di un “accordo stragiudiziale conciliativo” con mio padre. Il problema è che tale “accordo stragiudiziale conciliativo”, sottoscritto tra mio padre, mia madre e noi figli, è stato dichiarato nullo con successiva Sentenza (04 giugno 2018) a termine di una ulteriore causa avviata da mia madre con noi figli per l'ennesima inadempienza di mio padre che non ha rispettato gli accordi sottoscritti che prevedevano il trasferimento di alcune sue proprietà ai noi figli in cambio della rinuncia sia ai crediti oggetto di esecuzione forzata (quelli maturati a gennaio 2013 ammontavano a 92.000 euro) che a quelli futuri in virtù dell’impegno da noi sottoscritto che avremmo provveduto (come tuttora facciamo) al mantenimento di nostra madre. L’accordo sottoscritto (redatto materialmente dall’avvocato di allora di mia madre) è stato dichiarato nullo in quanto si è rivelato una “promessa di donazione” di nessun valore legale e non, come avrebbe dovuto essere, un atto transattivo conciliativo che doveva essere firmato dinanzi al giudice a conclusione della procedura esecutiva. Adesso che dopo ben quattro anni è arrivata la Sentenza di nullità dell’accordo sottoscritto (con relativa condanna alle spese) mia madre giustamente vorrebbe precettare nuovamente mio padre per i crediti vantati partendo da quelli che le dovevano essere liquidati a conclusione della procedura esecutiva estinta.

Preciso inoltre che nel 2016 per evitare l’estinzione quinquennale dei crediti di mantenimento mia madre ha provveduto ad inviare a nostro padre una messa in mora a fini interruttivi della prescrizione.

Qual è il problema? I miei due avvocati hanno posizioni divergenti in merito all’importo precettabile.

1) Il primo sostiene che in virtù della rinuncia che ha comportato l’estinzione della procedura esecutiva mia madre ha perso quelli che le dovevano nel 2013 (92.000€). Nulla rileva che la rinuncia era riferita ad un “accordo stragiudiziale conciliativo” raggiunto con l’esecutato (mio padre) in quanto quest’accordo è stato poi successivamente ritenuto nullo da una successiva Sentenza. Tra l’altro nel verbale di rinuncia si parla di un generico “accordo stragiudiziale conciliativo” senza nessun riferimento alla natura di tale accordo e inoltre risulta firmato dalla sola Linda Simeone e dal suo allora avvocato. In conclusione lei può vantare solo i crediti maturati dal 2011 (a partire dalla messa in mora del 2016) fino ad oggi (all’incirca 40.000) perdendo tutti quelli viceversa che le dovevano essere liquidati in Sentenza (92 mila euro);



2) il secondo sostiene all’opposto che non sono andati prescritti i soldi dovuti nel 2013 (92 mila euro) in quanto la rinuncia a questi crediti non è stata "incondizionata" ma legata ad un “accordo stragiudiziale conciliativo” che lei all’atto della rinuncia non poteva sapere essere nullo (una promessa di donazione di nessun valore legale). Quindi la causa avviata per chiedere l’adempimento dell’accordo sottoscritto di per se è interruttivo della prescrizione essendo chiara la volontà della creditrice (affermata anche dalla messa in mora del 2016) di voler mantenere fede ai patti informando la controparte che nel caso di soccombenza avrebbe richiesto anche quanto dovutole nel 2013. Quindi lei dovrebbe precettare i 92.000 che le dovevano essere liquidati ne 2013 più i crediti non percepiti successivamente maturati.

Pertanto visto il perdurare dell’incertezza chiedo una consulenza per definire l’ammontare esatto dell’importo precettabile evitando così una opposizione al Precetto che farebbe perdere ulteriore tempo. Mia madre ha 67 anni e senza nessuna fonte di reddito e altri anni di contenzioso legale sono assolutamente da evitare.

A sostegno di quanto sopra posso allego documentazione.

Attendo riscontri. Cordiali saluti


Consulenza legale i 18/07/2018
Va premesso che, secondo un orientamento giurisprudenziale ormai costante, sia il diritto alla corresponsione dell'assegno di mantenimento per il coniuge che il diritto agli assegni di mantenimento per i figli, in quanto aventi ad oggetto prestazioni autonome, distinte e periodiche, non si prescrivono a decorrere da un unico termine rappresentato dalla data della pronuncia della sentenza di separazione o di divorzio, ma dalle singole scadenze delle prestazioni dovute, in relazione alle quali sorge di volta in volta il diritto all'adempimento (così, tra le altre, Cass. Civ., Sez. I, sentenza n. 6975/2005).
Per quanto riguarda la durata, il termine di prescrizione è quello quinquennale di cui all’art. 2948 del c.c., n. 4 (Cass. Civ., Sez. I, 13414/2010).

Riguardo all’interruzione della prescrizione, l’art. 2943 del c.c. prevede che la prescrizione è interrotta dalla notificazione dell'atto con il quale si inizia un giudizio, sia questo di cognizione ovvero conservativo o esecutivo, nonché da ogni altro atto che valga a costituire in mora il debitore.
L’art. 2945 del c.c. stabilisce che l'interruzione fa decorrere un nuovo periodo di prescrizione.
Se l'interruzione è avvenuta mediante la notifica dell’atto introduttivo di un giudizio, la prescrizione non decorre fino al momento in cui passa in giudicato la sentenza che definisce il procedimento. Tale previsione è evidentemente formulata, da un punto di vista letterale, con riferimento al processo di cognizione, ma viene generalmente considerata applicabile anche al processo esecutivo.
Se, tuttavia - come nel nostro caso - il processo si estingue, rimane fermo l'effetto interruttivo e il nuovo periodo di prescrizione comincia a decorrere dalla data dell'atto interruttivo.

Nella fattispecie in esame, la parte creditrice risulta aver rinunciato alla procedura esecutiva intrapresa nell’anno 2002 con dichiarazione resa a verbale all’udienza del 11.01.2013.
Secondo l’inequivocabile formula adottata, si è trattato di una rinuncia agli atti del giudizio che, secondo quanto disposto dall’art. 310 del c.p.c., non estingue l’azione e dunque non preclude, in linea di principio, al creditore di far valere il proprio diritto in un successivo processo.

Passando ad esaminare la questione del presunto collegamento tra tale rinuncia e l’accordo raggiunto in sede stragiudiziale (accordo successivamente risultato invalido e comunque improduttivo di effetti), occorre sottolineare che nel predetto verbale di udienza la rinunciante si limita a dichiarare di aver “raggiunto con l’esecutato un accordo stragiudiziale conciliativo”, senza alcun riferimento più preciso che consenta di identificare con certezza quest’ultimo con la scrittura privata datata 10.01.2013.
Inoltre, come dimostrano le espressioni utilizzate, la rinuncia agli atti in questione non appare in alcun modo “condizionata” alla validità, o all’efficacia, del predetto accordo (peraltro, come si ripete, non meglio specificato).

Risulta, pertanto, difficilmente sostenibile la tesi n. 2 riportata nel quesito, ove si afferma che l’azione promossa per chiedere l’adempimento dell’accordo sottoscritto il 10.01.2013 sarebbe di per sé interruttiva della prescrizione. Infatti con la domanda introduttiva di tale ultimo giudizio (stando a quanto risultante dalla sentenza) non si richiedeva il pagamento dei ratei pregressi dell’assegno di mantenimento bensì, appunto, l’attuazione di un accordo avente ad oggetto il trasferimento di beni immobili. Inoltre, anche attribuendo per assurdo a tale domanda un effetto interruttivo della prescrizione dei ratei di mantenimento, lo stesso non potrebbe certo “salvare” l’intero importo dovuto fino al 2013.
Risulta invece più corretta, purtroppo, la tesi n. 1, secondo cui potrebbero richiedersi, ad oggi, solo gli importi “coperti” dall’ultima interruzione della prescrizione posta in essere con la raccomandata di “messa in mora” inviata nell’anno 2016 (il che consentirebbe di chiedere gli arretrati fino alla corrispondente data del 2011).

Al riguardo, la Corte di Cassazione ha precisato che un atto, per avere efficacia interruttiva della prescrizione, deve contenere, oltre alla chiara indicazione del soggetto obbligato (elemento soggettivo), l'esplicitazione di una pretesa e l'intimazione o la richiesta scritta di adempimento, idonea a manifestare l'inequivocabile volontà del titolare del credito di far valere il proprio diritto nei confronti del soggetto indicato, con l'effetto sostanziale di costituirlo in mora (elemento oggettivo). Tale ultimo requisito non è soggetto a rigore di forme, all'infuori della scrittura e, quindi, non richiede l'uso di formule solenni né l'osservanza di particolari adempimenti, essendo sufficiente che il creditore manifesti chiaramente, con un qualsiasi scritto diretto al debitore e portato comunque a sua conoscenza, la volontà di ottenere dal medesimo il soddisfacimento del proprio diritto (così tra le altre Cass. Civ., Sez. VI, ord. n.16465/2017).
Tali requisiti possono considerarsi presenti nella comunicazione ricevuta dal debitore il 12.10.2016.

Da ultimo, occorre precisare, per completezza, che ai sensi dell’art. 2941 del c.c., n. 1 il decorso della prescrizione è sospeso tra i coniugi.
In proposito, secondo un orientamento più risalente (espresso anche da Cass. Civ., Sez. III, ord. n. 7533/2014), l'articolo 2941 c.c., n. 1, trova applicazione fino a quando non venga meno il rapporto di coniugio, in quanto tale norma deve ritenersi operante sia nel caso che i coniugi abbiano comunanza di vita, sia che si trovino in stato di separazione personale, la quale, com’è noto, implica solo un'attenuazione del vincolo.
Tuttavia, la più recente giurisprudenza della Suprema Corte afferma che la sospensione della prescrizione tra coniugi di cui all’art. 2941, n. 1, c.c. non trova applicazione al credito dovuto per l’assegno di mantenimento previsto nel caso di separazione personale, dovendo prevalere sul criterio ermeneutico letterale un’interpretazione conforme alla ratio legis, da individuarsi tenuto conto dell’evoluzione della normativa e della coscienza sociale e, quindi, della valorizzazione delle posizioni individuali dei membri della famiglia rispetto alla conservazione dell’unità familiare e della tendenziale equiparazione del regime di prescrizione dei diritti post-matrimoniali e delle azioni esercitate tra coniugi separati. Nel regime di separazione, infatti, non può ritenersi sussistente la riluttanza a convenire in giudizio il coniuge, collegata al timore di turbare l’armonia familiare, poiché è già subentrata una crisi conclamata e sono già state esperite le relative azioni giudiziarie (Cass. Civ., Sez. III, ord. n. 27889/2017 che cita espressamente anche Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 7981/2014; Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 18078/2014; Cass. Civ., Sez. VI, ord. n. 8987/2016).

In conclusione, appare estremamente rischioso richiedere oggi in giudizio il pagamento degli importi già oggetto della procedura esecutiva estinta per rinuncia e, in ogni caso, di importi non compresi nell’ambito di efficacia dell’ultima interruzione della prescrizione, avvenuta in data 12.10.2016.

Maria chiede
giovedì 16/04/2015 - Toscana
“Preliminarmente chiedesi se il comma 4° di tal Art. 2943 cc, riferendosi alla possibilità della messa in mora del debitore, per vizi occulti nella compravendita immobiliare con istanza d'azione estimatoria quanti minoris, di cui all'Art. 1492 comma 3° cc, mediante raccomandata in forma stragiudiziale, possa avere valenza interruttiva della prescrizione di cui all'Art. 1495 cc, visto che per le azioni costitutive tale forma risulta invalida. Allora infine chiedesi se tale azione estimatoria di cui sopra e' ricomprendibile fra le azioni costitutive oppure no? .. grazie!”
Consulenza legale i 22/04/2015
Il quarto comma dell'art. 2943 c.c. stabilisce che la prescrizione può essere interrotta da qualsiasi atto che valga a costituire in mora il debitore. La norma fa riferimento a quegli atti che contengono una intimazione o una richiesta fatta al debitore per iscritto ai sensi dell'art. 1219 del c.c.. Non hanno valore di costituzione in mora, quindi, le richieste verbali o le manifestazioni di un mero desiderio, prive del carattere di intimazione o espressa richiesta formale.
L'atto di costituzione in mora non è soggetto a forme solenni, tranne la necessità che rivesta forma scritta. Secondo la giurisprudenza, non è nemmeno richiesta l'esatta quantificazione del credito, che può essere anche solo determinabile (v. Cass. civ. n. 5681/2006).
La richiesta di pagamento produce istantaneamente l'interruzione della prescrizione.

Nel caso di specie, si evince dal quesito che al debitore è stata inviata una raccomandata con cui si è intimata la riduzione del prezzo pagato per l'oggetto della compravendita (art. 1492, comma 3, c.c.), avendo lo stesso presentato vizi occulti.
Ci si chiede se tale comunicazione scritta possa valere come motivo di interruzione della prescrizione ai sensi dell'art. 1495.
Questo articolo stabilisce che l'azione con cui si fa valere la garanzia per vizi si prescrive, in ogni caso, in un anno dalla consegna (ma il compratore, che sia convenuto per l'esecuzione del contratto, può sempre far valere la garanzia, purché il vizio della cosa sia stato denunziato entro otto giorni dalla scoperta e prima del decorso dell'anno dalla consegna). La prescrizione decorre dalla consegna, indipendentemente dalla scoperta del vizio.

L'orientamento maggioritario in giurisprudenza ritiene applicabile a tale prescrizione annuale la disciplina di cui agli artt. 2934 e seguenti del c.c. ("L'art. 1495, 3^ co., c.c., ove dispone che l'azione di garanzia per vizi della cosa venduta si prescrive in ogni caso in un anno dalla consegna, intende fare decorrere quel termine anche se il compratore non abbia scoperto il vizio, ma non sottrae il termine medesimo alle cause di interruzione di cui agli artt. 2943 ss.", ha stabilito Cass. civ. 11.9.1991 n. 9510, che ha concluso ritenendo causa interruttiva della prescrizione l'instaurazione di un procedimento di istruzione tecnica preventiva, come un accertamento tecnico preventivo).
In particolare, poi, si è ritenuto in giurisprudenza che l'atto con cui il compratore manifesta al venditore la volontà di esercitare l'azione di garanzia è idoneo ad interrompere la prescrizione dell'azione medesima, ancorché nel porlo in essere il compratore si riservi di effettuare in un momento successivo la scelta tra i due rimedi alternativi della riduzione del prezzo e della risoluzione del contratto (in tal senso, si veda la sentenza della Corte di cassazione, 10 settembre 1999, n. 9630).

Ciò chiarito, nel caso in esame, la raccomandata con cui si è manifestata al venditore l'intenzione di esperire l'azione quanti minoris, secondo l'orientamento giurisprudenziale sopra indicato, avrebbe l'effetto di interrompere il termine prescrizionale annuale di cui al terzo comma dell'art. 1495.

Tale soluzione costituisce una deroga alla regola generale per cui il termine prescrizionale relativo al diritto ad esperire le azioni aventi natura costitutiva - o meglio, relativo a diritti potestativi in genere - non potrebbe essere interrotto in via stragiudiziale, richiedendosi l'esperimento dell'azione stessa.

Infatti, quanto alla domanda sulla natura dell'azione estimatoria - che ha lo scopo di salvaguardare l'equilibrio sinallagmatico delle prestazioni quando l'acquirente non possa o non voglia ricorrere al rimedio della risoluzione - si conferma che essa è generalmente ritenuta azione modificativa/costitutiva in senso stretto: difatti, la sentenza emessa all'esito del giudizio, ha l'effetto di modificare il contenuto dell’obbligazione pecuniaria (pagamento del prezzo) dell’acquirente, sotto il profilo quantitativo.

Testi per approfondire questo articolo

  • Trattato di diritto civile - La parte generale del diritto civile. Vol. V
    La prescrizione

    Pagine: 416
    Data di pubblicazione: novembre 2009
    Prezzo: 40,00 -10% 36,00 €

    Trattato di diritto civile - La parte generale del diritto civile. Vol. V: La prescrizione Autori: Monateri Pier Giuseppe, Costantini Cristina
    Editore: Utet Giuridica Anno:2009 Pagine:416 Prezzo: € 40,00 IVA Assolta dall'editore Prezzo ShopWKI € 40,00 Vai al Carrello


    Descrizione
    L’opera analizza in modo estremamente approfondito e completo uno degli istituti classici del diritto privato, la prescrizione, al fine di offrire un quadro aggiornato e... (continua)

  • La prescrizione
    Artt. 2941-2963

    Editore: Giuffrè
    Collana: Il codice civile. Commentario
    Data di pubblicazione: novembre 2014
    Prezzo: 50,00 -10% 45,00 €
  • Prescrizione e decadenza. Tutele sostanziali e strategie processuali. Con CD-ROM

    Editore: CEDAM
    Collana: Il diritto applicato
    Data di pubblicazione: ottobre 2009
    Prezzo: 95,00 -10% 85,50 €

    Il volume affronta le tematiche inerenti la prescrizione e decadenza, sia sotto il profilo sostanziale che sotto quello processuale (anche alla luce della Riforma del Codice di Procedura Civile, avvenuta con la recentissima Legge 69/2009).
    Inoltre, si è dato conto degli orientamenti della dottrina e giurisprudenza, utilizzando un linguaggio chiaro ed esemplificativo.
    Sono stati sviluppati analiticamente, oltre i temi generali del computo dei termini, della sospensione ed... (continua)

  • Le prescrizioni nel diritto civile, penale e tributario. Analisi e casistica

    Collana: I manuali di Guida al Diritto
    Data di pubblicazione: marzo 2011
    Prezzo: 36,00 -10% 32,40 €

    La prescrizione determina l'estinzione di alcuni diritti nel caso in cui i titolari non li esercitino nei tempi stabiliti dalla legge. In ogni campo del diritto l'istituto ha pertanto l'importante funzione di garantire la certezza dei rapporti giuridici. Il presente volume si propone di offrire all'operatore una trattazione completa ed aggiornata sulla prescrizione, descrivendone gli elementi fondamentali e soffermandosi sull'incidenza che l'istituto ha nei vari settori del diritto civile,... (continua)

  • Prescrizione e decadenza nel diritto civile. Aspetti sostanziali e strategie processuali

    Collana: Argomenti del diritto
    Data di pubblicazione: settembre 2015
    Prezzo: 48,00 -10% 43,20 €

    Il volume propone una ricostruzione degli istituti della prescrizione e della decadenza affrontando le relative problematiche in chiave istituzionale ponendo in evidenza le rilevanti implicazioni pratiche. Nel dichiarato obiettivo di offrire agli operatori del diritto un completo quanto agile supporto ricognitivo degli istituti, il lavoro si sofferma sui profili sia sostanziali sia processuali attraverso una trattazione che si sviluppa dall'inquadramento dogmatico alle concrete... (continua)

  • L' impresa e le società, la tutela dei diritti, la prescrizione

    Autore: Gallo Paolo
    Editore: Giappichelli
    Collana: Trattato di diritto civile
    Data di pubblicazione: settembre 2018
    Prezzo: 65,00 -10% 58,50 €
    L'impresa e le società, la tutela dei diritti, la prescrizione, è l'VIII del "Trattato di diritto civile" di Paolo Gallo. Si tratta di un'opera che condensa i risultati di oltre un trentennio di studi e considerazioni dedicate ai temi più svariati del diritto civile. Il libro "L'impresa e le società, la tutela dei diritti, la prescrizione", costituisce un vero e proprio Trattato di diritto civile, rivolto in particolare ai professionisti, avvocati, magistrati e... (continua)
  • Prescrizione e decadenza. Come farle valere in giudizio e relative strategie processuali

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: marzo 2015
    Prezzo: 65,00 -10% 58,50 €

    Il volume affronta il tema della prescrizione e decadenza, sia sotto il profilo sostanziale che processuale, tenendo anche presente le sempre maggiori contaminazioni di matrice europea.

    Si è dato conto delle principali novità normative (l. 162/2014 in tema di degiurisdizionalizzazione e d.lgs. 21/2014 che ha modificato i tempi per l’esercizio del diritto di recesso), nonché degli orientamenti presenti in dottrina e giurisprudenza. In particolare, il testo... (continua)

  • Prescrizione e decadenza

    Editore: Giuffrè
    Collana: Il diritto privato oggi
    Data di pubblicazione: settembre 2009
    Prezzo: 80,00 -10% 72,00 €

    Il volume ricostruisce in maniera organica due istituti di grande rilievo e dai confini non sempre ben delineati.
    Partendo dai principi generali, l'Autore analizza le applicazioni pratiche della prescrizione e della decadenza in tutta la casistica del diritto civile: dai diritti reali ai contratti, dalle successioni alla famiglia, dalle obbligazioni all'azione risarcitoria, senza tralasciare i termini di decadenza previsti dal codice di procedura civile, recentemente riformati.(continua)