Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 30 Costituzione

Dispositivo dell'art. 30 Costituzione

È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli (1), anche se nati fuori del matrimonio [147, 148, 261, 279 c.c.] (2).
Nei casi di incapacità dei genitori (3), la legge provvede a che siano assolti i loro compiti [330, 343, 400 ss., 433 ss. c.c.].
La legge assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima [250 ss., 536, 573, 577, 578, 580 c.c.].
La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità [269 ss. c.c.] (4).

Note

(1) La potestà genitoriale ha contenuto sia personale, cioè relativo all'educazione ed istruzione dei figli, sia patrimoniale, in relazione soprattutto al loro mantenimento. Di regola, essa è esercitata da entrambi i genitori ma se vi sono contrasti questi possono rivolgersi al Tribunale affinchè suggerisca le misure più opportune o, addirittura, le imponga (145 c.c.). La potestà genitoriale non viene meno neanche in caso di scioglimento del matrimonio. La normativa recente, anzi, nell'ottica anche di garantire la parità tra i coniugi (art. 29 Cost.), garantisce ai figli il diritto alla bigenitorialità, ciò che si persegue soprattutto con lo strumento dell'affido condiviso (l. 8 febbraio 2006, n. 54).
(2) L'ultima parte del comma introduce il principio di uguaglianza tra i figli, in base al quale questi non devono essere discriminati dalla società perchè nati fuori dal matrimonio. In pratica, la piena attuazione del principio si è avuta solo di recente con la l. 10 dicembre 2012, n. 219 ed il d.lgs. 28 dicembre 2013, n. 154.
(3) Tale comma fa riferimento alle ipotesi in cui, per qualche motivo, i genitori non siano in gradi di mantenere, istruire o educare la prole (ad esempio per cause economiche o per incapacità personale).
(4) L'ultimo comma fa riferimento solo alla ricerca della paternità, atteso che la ricerca della maternità è molto più facile perchè si risolve nell'accertare che chi avanza l'istanza coincide con chi fu partorito dalla donna. Per la paternità, invece, il codice detta una serie di norme che indicano gli elemento necessari per la ricerca: genetiche, ematologiche ecc. (269 ss. c.c.). L'intera materia, comunque, è stata riformata dalla l. 10 dicembre 2012, n. 219 e dal d.lgs. 28 dicembre 2013, n. 154.

Ratio Legis

Il costituente, pur riconoscendo la preminenza della famiglia legittima, accorda tutela anche ai figli nati fuori dal matrimonio, sia considerando che si tratta di diritti propri della persona umana, sia perchè, altrimenti, essi pagherebbero per le colpe dei genitori.

Relazione al Progetto della Costituzione

(Relazione del Presidente della Commissione per la Costituzione Meuccio Ruini che accompagna il Progetto di Costituzione della Repubblica italiana, 1947)

30 Non è poi sembrato alla Commissione che la tutela della famiglia legittima impedisca un riconoscimento dei diritti dei figli nati fuori del matrimonio, che sono diritti della personalità umana; e non è giusto che le colpe dei padri ricadano sul capo dei figli.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 10 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!