Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Famiglia - -

Mantenimento del maggiorenne: sussiste l’obbligo se il figlio riprende gli studi

Mantenimento del maggiorenne: sussiste l’obbligo se il figlio riprende gli studi
La Cassazione precisa che rivive l’obbligo di mantenere il figlio maggiorenne nel caso in cui questo, già lavoratore, lasci la propria occupazione per iniziare l’università.
La Cassazione – con la recente ordinanza n. 23318 del 23 agosto 2021 – ha affermato espressamente, ribadendo un costante orientamento della giurisprudenza di legittimità, che l’obbligo di mantenere i figli non cessa immediatamente ed automaticamente per effetto del raggiungimento della maggiore età da parte del figlio, ma perdura finchè non venga fornita la prova che quest'ultimo ha raggiunto l'indipendenza economica, ovvero è stato posto nelle concrete condizioni per potere essere economicamente autosufficiente.
Tanto vale, a detta degli Ermellini, anche nel caso in cui il figlio, una volta raggiunta l’indipendenza economica grazie ad un’occupazione lavorativa, vi rinunci al fine di riprendere gli studi e impegnarsi attivamente nell’ottica di completare la propria formazione e di trovare poi un impiego più confacente alle proprie aspirazioni.
In tal caso, infatti, la Corte afferma che si deve ripristinare l’obbligo al mantenimento, salvo che
a) l’occupazione abbandonata non fosse già compatibile con le aspirazioni professionali del figlio;
b) il comportamento di questo non appaia sintomo di un ingiustificato rifiuto di rendersi economicamente indipendente.
La Corte, pertanto, assegna primaria importanza alle aspirazioni del figlio. Si legge, infatti, nella motivazione della citata sentenza che “è compito dei genitori di assecondare, per quanto possibile, le inclinazioni naturali e le aspirazioni del figlio, consentendogli di orientare la sua istruzione in conformità dei suoi interessi e di cercare un'occupazione appropriata al suo livello sociale e culturale, anche mediante la somministrazione dei mezzi economici a tal fine necessari, senza forzarlo ad accettare soluzioni indesiderate”.

A questi riguardi, è utile fornire una breve panoramica del quadro normativo di riferimento.
Ebbene, in via generale, l’obbligo di mantenere, istruire ed educare i figli è previsto dall’art. 30 Cost. nonché dall’art. 143 ss. c.c. Tale obbligo – espressione del dovere di solidarietà – deve essere adempiuto dai genitori in proporzione delle rispettive sostanze e secondo la loro capacità di lavoro professionale o casalingo.
In particolare, l’obbligo di mantenimento nei confronti del figlio maggiorenne è previsto dall’art. 337 septies c.c., secondo il quale il giudice, valutate le circostanze, può disporre in favore dei figli maggiorenni non indipendenti economicamente il pagamento di un assegno periodico, il quale è versato direttamente all’avente diritto.
Da tale dato normativo emerge che, a differenza di quanto previsto in relazione al figlio minore, si desume che non esiste un diritto soggettivo perfetto del figlio maggiorenne a farsi mantenere dai genitori sine die: il giudice, infatti, può disporre l’assegno valutate le circostanze.

Per tale ragione, le circostanze del caso concreto assumono sempre importanza cruciale.
È utile allora sottolineare che la fattispecie all’attenzione della Corte riguardava una ragazza ancora di giovane età (nello specifico ventiseienne), la quale aveva svolto per un brevissimo periodo di tempo un'attività lavorativa del tutto estranea alle sue aspirazioni professionali e l’aveva poi abbandonata per la volontà di riprendere gli studi universitari di psicologia. Ciò considerato, allora, la Suprema Corte – escluso un atteggiamento inerziale e parassitario della ragazza - ha confermato la sentenza di secondo grado che riconosceva il diritto questa all’assegno di mantenimento.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate