Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Procedura civile - -

Class action: le novitā introdotte dalla riforma

Class action: le novitā introdotte dalla riforma
La riforma della class action contenuta nel nuovo Titolo VIII bis del codice di procedura civile entrerà in vigore a novembre 2020.
Il 3 aprile 2019 il Parlamento ha definitivamente approvato la legge n. 31/2019, con la quale ha riformato la disciplina sull’azione di classe (c.d. class action) precedentemente prevista dal Codice del consumo (D.Lgs. n. 206/2005), riconducendola nell’ambito del codice di procedura civile, all’interno del nuovo Titolo VII bis “Dei procedimenti Collettivi”, agli artt. da 840 bis a 840 sexiesdecies.
Contestualmente, vengono abrogate le norme attualmente vigenti in tema di azione di classe contenute negli artt. 139/140 bis del Codice del consumo, le quali, tuttavia, continueranno ad applicarsi nei confronti delle condotte illecite poste in essere prima dell’entrata in vigore della nuova legge.
La finalità di questa riforma è quella di allargare il campo di applicazione dell’azione di classe, trasformandola da strumento posto unicamente a tutela dei consumatori a rimedio più generale, per la tutela dei diritti individuali di tutti i soggetti.
Per questo, oltre a trasporre l’intera disciplina della class action all’interno del codice di procedura civile, la nuova legge ha eliminato qualsiasi riferimento a consumatori o utenti, rendendo l’azione esperibile da tutti coloro che avanzino pretese risarcitorie, anche di natura extracontrattuale, in relazione alla lesione di “diritti individuali omogenei”.
Soggetto titolare dell’azione può essere o ciascun componente della “classe” di persone che ha subito la lesione di diritti individuali omogenei, oppure le organizzazioni o associazioni senza scopo di lucro i cui obiettivi statutari comprendano la tutela dei predetti diritti e che siano iscritte in un apposito elenco istituito presso il Ministero della Giustizia.
I destinatari dell’azione saranno invece le imprese o gli enti enti gestori di servizi pubblici o di pubblica utilità, in relazione ad atti e comportamenti posti in essere nello svolgimento delle proprie attività.
L’ambito di applicazione oggettivo dell’azione è stato ampliato e la class action è ora esperibile non più solamente nell’ambito dei rapporti commerciali, ma, più in generale, a tutela delle situazioni soggettive scaturite dalla realizzazione di condotte lesive, allo scopo di accertarne la responsabilità e di procedere alla condanna al risarcimento del danno ed alle restituzioni.
La domanda per l’azione di classe si propone con ricorso e la legge prevede che al procedimento si applichino le norme del procedimento sommario di cognizione, nonostante vi siano molteplici e rilevanti differenze rispetto a tale rito.
Il procedimento è articolato in tre fasi: le prime due, di competenza del Tribunale delle imprese (più specificamente, la sezione specializzata ove ha sede l’impresa o l’ente convenuto), attengono all’ammissibilità dell’azione ed alla decisione sul merito; la terza fase riguarda la liquidazione delle somme dovute nei confronti degli aderenti alla classe ed è affidata ad un giudice delegato, che pronuncia con decreto.
È previsto che, in caso di inadempimento delle obbligazioni di pagamento, sia possibile avviare la procedura di esecuzione forzata, esercitabile anch'essa in forma collettiva.
Mentre nel Codice del consumo era possibile aderire all’azione di classe solamente subito dopo l'ordinanza che ammetteva l'azione, la riforma ora prevede che sia possibile aderire sia nella fase immediatamente seguente all'ordinanza che ammette l'azione, sia pure in una fase successiva, dopo la pronuncia della sentenza che definisce il giudizio, e dunque dopo che è già stata accertata la responsabilità del resistente. In entrambi i casi, il tribunale dovrà fissare un termine per l’adesione.
Tra le altre novità che la legge prevede vi sono: un regime probatorio tale da offrire al giudice la possibilità di avvalersi di dati statistici e di presunzioni semplici, nonché di poteri istruttori rafforzati, funzionali all’accertamento dei fatti costitutivi del diritto azionato (ad esempio, possibilità di applicare una sanzione amministrativa pecuniaria alla parte che, senza giustificato motivo, non adempie all’ordine di esibizione documentale); la possibilità per le parti di concludere accordi transattivi; un ampio ricorso alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione a fini di pubblicità della procedura; l’introduzione del c.d. compenso di “quota lite”.
La “quota lite” consiste in un compenso che l’impresa o l’ente convenuto in giudizio, in caso di soccombenza, è tenuto a corrispondere a coloro che svolgono la funzione di rappresentante della classe ed ai legali del ricorrente, in aggiunta alla somma dovuta a ciascun aderente a titolo risarcitorio. L’ammontare di questa somma dovrà essere calcolato come una percentuale rispetto all’importo complessivo che il soccombente dovrà pagare a tutti gli aderenti a titolo di risarcimento, tale percentuale è inversamente proporzionale al numero dei componenti della classe (dunque, cala al loro aumentare).
È stata inoltre prevista la possibilità, per “chiunque vi abbia interesse”, di esperire, accanto alla class action, un'azione inibitoria collettiva (art. 840 sexiesdecies c.p.c.) nei confronti di chi pone in essere condotte pregiudizievoli per una pluralità di individui o enti: sarà, infatti, possibile agire per ottenere una pronuncia del giudice che ordini a imprese o enti gestori di servizi di pubblica utilità la cessazione o il divieto di reiterare una condotta commissiva od omissiva realizzata nello svolgimento delle loro attività.
Originariamente la riforma sarebbe dovuta entrare in vigore il 19 aprile 2020, ma l’art. 8 del D.L. n. 162/2019 (c.d. Milleproroghe) ha posticipato tale data al 19 novembre 2020.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate