Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto penale - -

Abbandono di animali: le circostanze attenuanti generiche possono essere escluse

Abbandono di animali: le circostanze attenuanti generiche possono essere escluse
In caso di diniego delle attenuanti, l’onere di motivazione può ritenersi soddisfatto anche solo indicando l’assenza di elementi in grado di giustificare la concessione del beneficio.
La vicenda ha preso avvio dalla condanna di un soggetto per il reato di cui all’art. 727 c.p., per aver abbandonato per strada, all’interno di una cassetta di legno, dei cuccioli di cane. In sede di giudizio abbreviato, il giudice aveva negato la concessione delle circostanze attenuanti generiche ed aveva irrogato una pena pari a 6000 euro di ammenda.
L’imputato aveva perciò proposto ricorso in Cassazione, deducendo la violazione dell’art. 62 bis c.p. ed il vizio di motivazione della sentenza, poiché il giudice aveva negato le generiche senza prendere in considerazione la sua incensuratezza, né il fatto che i cuccioli erano stati ritrovati in buona salute.
Le circostanze attenuanti generiche, disciplinate all’art. 62 bis c.p., sono circostanze previste solo genericamente e non espressamente individuate dal legislatore, aventi la funzione di consentire al giudice di adeguare la pena in senso maggiormente favorevole all’imputato, in ragione di peculiari caratteristiche del soggetto agente e del fatto a lui ascritto.
Bisogna, però, tenere presente che, a seguito della riforma dell’art. 62 bis, la sola incensuratezza dell’imputato non è sufficiente per la concedibilità delle circostanze generiche e che esse, dal momento che si basano su fatti concreti che possono presentare anche circostanze di segno opposto tali da controbilanciarle, non costituiscono oggetto di diritto, da concedere sempre e comunque.
Inoltre, la Cassazione ha in passato affermato che, se il giudice decide di negare la concessione di dette attenuanti, non è tenuto a prendere in considerazione, nella motivazione, tutti gli elementi favorevoli o sfavorevoli rilevabili dagli atti o allegati dalle parti, ma è sufficiente che faccia riferimento solamente a quelli ritenuti decisivi o rilevanti nella determinazione della pena (Cass. Pen., Sez. III, sent. n. 28535/2014).
Nel caso in esame, la Corte di Cassazione si è espressa con la sentenza n. 2207/2020, ritenendo che la censura proposta dal ricorrente fosse infondata in quanto la motivazione dedotta nella sentenza del giudice di merito, fondata su un giudizio di fatto e quindi non censurabile in sede di legittimità, risultava immune da vizi, poiché evidenziava in modo logico e non contraddittorio gli elementi che erano stati rilevanti per operare la sua valutazione.
In particolare, il giudice di merito aveva ritenuto che, da una parte, non erano rinvenibili negli atti degli elementi che di per sé potevano fondare il riconoscimento di attenuanti, dall’altra, che la condotta dell’imputato esprimeva un’intensità del dolo e un’insensibilità nei confronti degli animali tali da non ritenerlo meritevole di fruire di attenuanti.
È, infatti, principio consolidato quello per cui, in caso di diniego dell'attenuante, quando la difesa non specifichi elementi tali da convincere il giudice a concederla, l’onere di motivazione possa ritenersi soddisfatto anche solo menzionando la ritenuta assenza di elementi positivi in grado di giustificare la concessione del beneficio. Allo stesso tempo, la sussistenza dell’attenuante non può essere presunta ed è sempre necessario che dalla motivazione emergano gli elementi che sono stati ritenuti idonei a giustificare la diminuzione della pena.
Nonostante il motivo di ricorso fosse infondato, però, la Suprema Corte ha annullato la sentenza per illegalità della pena, poiché, in sede di giudizio abbreviato, era stata applicata una diminuzione di un terzo invece che della metà, come sarebbe invece previsto, per il caso delle contravvenzioni, dall'art. 442 comma 2 c.p.p. La vicenda si è così conclusa con un annullamento senza rinvio, che la Cassazione ha disposto applicando la corretta diminuzione di pena e rigettando nel resto il ricorso.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate