Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1138 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n.262)

Regolamento di condominio

Dispositivo dell'art. 1138 Codice civile

Quando in un edificio il numero dei condomini è superiore a dieci, deve essere formato un regolamento (1) (2), il quale contenga le norme circa l'uso delle cose comuni [1117] e la ripartizione delle spese, secondo i diritti e gli obblighi spettanti a ciascun condomino, nonché le norme per la tutela del decoro dell'edificio e quelle relative all'amministrazione [68, 72 disp. att.].
Ciascun condomino può prendere l'iniziativa per la formazione del regolamento di condominio o per la revisione di quello esistente.
Il regolamento deve essere approvato dall'assemblea con la maggioranza stabilita dal secondo comma dell'articolo 1136 ed allegato al registro indicato dal numero 7) dell'articolo 1130. Esso può essere impugnato a norma dell'articolo 1107 (3).
Le norme del regolamento non possono in alcun modo menomare i diritti di ciascun condomino, quali risultano dagli atti di acquisto e dalle convenzioni, e in nessun caso possono derogare alle disposizioni degli articoli 1118, secondo comma, 1119, 1120, 1129, 1131, 1132, 1136 e 1137 [72, 155 disp. att.].
Le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici (4).

Note

(1) Il regolamento di condominio, secondo la maggioranza degli interpreti, ha carattere normativo, e, pertanto, le singole clausole sono reputate opponibili ai terzi anche in mancanza di trascrizione nel registro di cui all'art. 1129. Viceversa, da parti di altri si sostiene la natura contrattuale del regolamento, opponibile ai terzi solo in forza di un richiamo e con la relativa approvazione al momento del singolo atto di acquisto.
(2) Le parti del regolamento, che prevedono limiti ai diritti soggettivi, sono configurabili alla stregua di obbligazioni propter rem oppure di oneri reali, se essi concernono le cose comuni, oppure di servitù cd. reciproche, se riguardano, invece, le proprietà individuali.
(3) Comma così modificato con legge 11 dicembre 2012 n. 220.
(4) Comma aggiunto con legge 11 dicembre 2012 n. 220.

Ratio Legis

I condomini, se sono più di dieci, devono redigere il regolamento; viceversa, la formazione di esso è facoltativa, e può essere deliberata dall'assemblea con la maggioranza di cui all'art. 1136, comma 2.
Il regolamento condominiale, nello stabilire i termini della gestione delle parti comuni dell'immobile, incontra due impedimenti: le disposizioni del codice civile dalle quali non può prescindere, ed elencate nel comma 4 dell'articolo in oggetto, ed i diritti di ogni condomino sulla proprietà esclusiva.
Se, però, viene stipulata una convenzione, ai sensi del comma 4 della disposizione in oggetto, che riceva l'unanime assenso dei condomini, è possibile contenere la sostanza della proprietà esclusiva di competenza di ogni condomino. Tali accordi sono definiti regolamenti contrattuali, e si distinguono dal regolamento di condominio oltre che per quanto già detto, necessitano dell'accordo di tutti i condomini, permettono di intervenire sui diritti che ognuno di essi vanta sul proprio appartamento, anche per non essere direttamente opponibili agli aventi causa dal condomino; in questa ipotesi bisogna, infatti, trascrivere la il regolamento contrattuale negli appositi registri immobiliari.

Spiegazione dell'art. 1138 Codice civile

Del regolamento di condominio

Il nuovo legislatore non solo ha prescritto obbligatoriamente la nomina di un amministratore, quando i condomini siano più di quattro, ma ha anche obbligatoriamente richiesto la formazione di un regolamento di condominio, quando il numero dei condomini in un edificio sia superiore a dieci, nell'interesse degli stessi condomini e per facilitare il compito dell'amministratore del condominio.

Così si fissano le norme relative all'uso delle cose comuni ed alla ripartizione delle spese, secondo i diritti e gli obblighi spettanti a ciascun condomino, nonché le norme per la tutela del decoro dell'edificio e quelle relative all'amministrazione.

Data la natura del regolamento di condominio, esso non può ledere i diritti di ciascun condomino nè derogare alle disposizioni del codice aventi carattere coattivo.

Il regolamento di condominio può essere impugnato nel termine indicato nell' art. 1107 del c.c.

Ai fini della pubblicità, anche il regolamento di condominio va trascritto sul registro di cui all’ art. 1129 del c.c..

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

532 Le attribuzioni dell'assemblea e la validità delle deliberazioni da essa adottate ricevono (art. 1135 del c.c. e art. 1136 del c.c.) una disciplina sostanzialmente conforme a quella che dettava il R. decreto-legge 5 gennaio 1934 (articoli 23 e 24). Per altro, riguardo alla costituzione dell'assemblea e alla validità delle deliberazioni, ho apportato alcuni ritocchi alle disposizioni dell'art. 24 del citato decreto-legge e ho stabilito che l'assemblea non può deliberare se tutti i condomini non sono stati invitati alla riunione. Contro le deliberazioni contrarie alla legge o al regolamento di condominio ciascun condomino può ricorrere all'autorità giudiziaria nel termine di trenta giorni, che decorre dalla data della deliberazione per i dissenzienti e dalla data di comunicazione per gli assenti; ma il ricorso, in conformità di quanto è disposto in tema di comunione in generale (art. 1109 del c.c.), non sospende l'esecuzione del provvedimento, salvo che la sospensione sia ordinata dall'autorità giudiziaria (art. 1137 del c.c.). Circa i regolamenti di condominio, senza variare la maggioranza qualificata richiesta per la loro approvazione dall'art. 28, primo comma, del decreto-legge più volte citato, e assoggettandone l'impugnazione alle norme stabilite, in tema di comunione in generale, per gli altri regolamenti di comunione, ho creduto opportuno renderne obbligatoria la formazione quando il numero dei condomini è superiore a dieci (art. 1138 del c.c.). La pubblicità di tali regolamenti è assicurata dalla trascrizione di essi in apposito registro, da tenersi, come si precisa nelle disposizioni di attuazione del codice, dall'associazione professionale dei proprietari di fabbricati. In questo registro devono anche essere annotate, perciò i terzi ne abbiano conoscenza, la nomina e la cessazione per qualunque causa dell'amministratore dall'ufficio (art. 1129, ultimo, comma).

Massime relative all'art. 1138 Codice civile

Cass. n. 19798/2014

Il regolamento di condominio, predisposto dall'originario unico proprietario dell'edificio, vincola chi abbia acquistato le singole unità immobiliari successivamente alla sua predisposizione purché richiamato ed approvato nei singoli atti di proprietà, in modo da far parte "per relationem" del loro contenuto. (Nella specie, la S.C., in base all'enunciato principio, ha escluso che fosse opponibile a tutti i condomini un regolamento che si trovava depositato presso uno studio notarile e che non risultava neppure trascritto nel registro di cui all'art. 1138, terzo comma, cod. civ., secondo la formulazione "ratione temporis" applicabile).

Cass. n. 19229/2014

Il regolamento condominiale di origine contrattuale può imporre divieti e limiti di destinazione alle facoltà di godimento dei condomini sulle unità immobiliari in esclusiva proprietà sia mediante elencazione di attività vietate, sia con riferimento ai pregiudizi che si intende evitare. In quest'ultimo caso, peraltro, per evitare ogni equivoco in una materia atta a incidere sulla proprietà dei singoli condomini, i divieti ed i limiti devono risultare da espressioni chiare, avuto riguardo, più che alla clausola in sé, alle attività e ai correlati pregiudizi che la previsione regolamentare intende impedire, così consentendo di apprezzare se la compromissione delle facoltà inerenti allo statuto proprietario corrisponda ad un interesse meritevole di tutela.

Cass. n. 14898/2013

In tema di supercondominio, le clausole del regolamento contrattuale che assoggettino al peso della immodificabilità ogni singola unità immobiliare oggetto di proprietà esclusiva, a vantaggio di tutte le altre unità immobiliari, anche quando creino vincoli valevoli per gli aventi causa dalle parti originarie, non possono essere considerate nulle per violazione del principio del numero chiuso delle obbligazioni reali, giacché non costituiscono obbligazioni "propter rem", dando, bensì, origine ad una servitù reciproca.

La presenza, nel regolamento contrattuale di un supercondominio, del divieto di apportare modifiche strutturali, funzionali ed estetiche alle proprietà individuali rende superfluo, allorché si lamenti la sua violazione, l'esame giudiziale circa il rispetto, o meno, del decoro architettonico dell'intero complesso immobiliare.

Cass. n. 1748/2013

Le norme di un regolamento di condominio - aventi natura contrattuale, in quanto predisposte dall'unico originario proprietario dell'edificio ed accettate con i singoli atti di acquisto dai condomini, ovvero adottate in sede assembleare con il consenso unanime di tutti i condomini - possono derogare od integrare la disciplina legale, consentendo l'autonomia privata di stipulare convenzioni che pongano nell'interesse comune limitazioni ai diritti dei condomini, sia relativamente alle parti condominiali, sia riguardo al contenuto del diritto dominicale sulle porzioni di loro esclusiva proprietà. Ne consegue che il regolamento di condominio può legittimamente dare del limite del decoro architettonico una definizione più rigorosa di quella accolta dall'art. 1120 c.c., estendendo il divieto di innovazioni sino ad imporre la conservazione degli elementi attinenti alla simmetria, all'estetica, all'aspetto generale dell'edificio, quali esistenti nel momento della sua costruzione od in quello della manifestazione negoziale successiva. (In applicazione dell'enunciato principio, la S.C. ha cassato la sentenza di merito, la quale aveva delibato la legittimità dell'immutazione del fabbricato oggetto di causa sulla base del solo art. 1120 c.c., senza soffermarsi sulla portata dei dedotti divieti regolamentari di alterazione del decoro dell'intero complesso).

Cass. n. 2742/2012

In tema di condominio negli edifici, l'art. 1138 c.c., il quale stabilisce che, quando il numero dei condomini è superiore a dieci, deve essere formato un regolamento per disciplinare l'uso delle cose comuni e la ripartizione delle spese, pone tale obbligo a carico dei singoli condomini e non già a carico del venditore delle singole unità abitative, che sia anche costruttore dello stabile. (Nella specie, in applicazione dell'enunciato principio, la S.C. ha cassato la sentenza di merito che, nell'escludere la sussistenza in capo alla società venditrice di un obbligo convenzionale di redigere il regolamento condominiale, aveva tuttavia ritenuto che detto obbligo fosse ad essa direttamente imposto dall'art. 1138 c.c.).

Cass. n. 12291/2011

Il regolamento di condominio di natura contrattuale è, in ogni caso, un atto di produzione privata, anche nei suoi effetti tipicamente regolamentari, cioè incidenti sulle modalità di go­dimento delle parti comuni dell'edificio; ne conse­gue che, non avendo il medesimo natura di atto normativo generale e astratto, il ricorso per cassazione col quale si lamenti la violazione o falsa applicazione delle norme di tale regolamento non è proponibile ai sensi dell'art. 360, primo comma, n. 3), c.p.c., ma solo come vizio di motivazione ai sensi del n. 5) del medesimo art. 360.

Cass. n. 13632/2010

In tema di comunione, il regolamento avente ad oggetto l'ordinaria amministrazione e il miglior godimento della cosa comune non ha natura contrattuale, costituendo espressione delle attribuzioni dell'assemblea, e, come tale, seppure sia stato approvato con il consenso di tutti i par­tecipanti alla comunione, può essere modificato dalla maggioranza dei comunisti; ha, invece, na­tura di contratto plurisoggettivo, che deve essere approvato e modificato con il consenso unanime dei comunisti, il regolamento che esorbiti dalla potestà di gestione delle cose comuni attribuita all'assemblea, contenendo disposizioni che inci­dano sui diritti del comproprietario ovvero stabiliscano obblighi o limitazioni a carico del mede­simo o ancora determinino criteri di ripartizione delle spese relative alla manutenzione diversi da quelli legali.

Cass. n. 17886/2009

Le clausole del regolamento condominiale di natura contrattuale, che può imporre limita­zioni ai poteri e alle facoltà spettanti ai condo­mini sulle parti di loro esclusiva proprietà purché siano enunciate in modo chiaro ed esplicito, sono vincolanti per gli acquirenti dei singoli apparta­menti qualora, indipendentemente dalla trascri­zione, nell'atto di acquisto si sia fatto riferimento al regolamento di condominio, che - seppure non inserito materialmente - deve ritenersi conosciuto o accettato in base al richiamo o alla menzione di esso nel contratto. (Nella specie una società aveva acquistato tutte le unità immobiliari di un edifi­cio, tranne una; poiché all'atto dell'acquisto essa aveva dichiarato di "ben conoscere ed accettare" le pattuizioni condominiali, una delle quali recava il divieto di uso alberghiero, è stato ritenuto che legittimamente i proprietari della suddetta unità abitativa si fossero opposti a che la società adibis­se l'immobile acquistato ad albergo).

Cass. n. 3245/2009

Il regolamento di condominio trae origine o da un patto stipulato da tutti i condomini ovvero dall'accettazione da parte degli acquirenti delle singole unità immobiliari (piani o porzioni di piano) del regolamento già predisposto dal vendi­tore, unico originario proprietario del fabbricato; ne consegue che l'esistenza di tale regolamento non può ritenersi dimostrata ove non risulti né l'accettazione dei condomini nei singoli rogiti di acquisto né l'approvazione dell'assemblea di condominio.

Cass. n. 12873/2005

Il regolamento condominiale, adottato a maggioranza, può disporre in materia di uso delle cose comuni, purchè sia assicurato il diritto al pari uso di tutti i condomini, tale dovendosi intendere non solo l'uso identico in concreto (se possibile), ma in particolare l'astratta valuta­zione del rapporto di equilibrio che deve essere potenzialmente mantenuto fra tutte le possibili concorrenti utilizzazioni del bene comune da parte dei partecipanti al condominio. (Nella fatti­specie è stata ritenuta valida la delibera, adottata a maggioranza, che aveva previsto l'uso a rota­zione tra i quattro condomini dei tre posti auto disponibili).

Cass. n. 1558/2004

In materia di condominio negli edifici, ai fini dell'adozione della delibera assembleare avente ad oggetto la ricognizione della vigenza e vincolatività di una disposizione del regolamento condominiale non è richiesta l'unanimità dei consensi.

In materia di condominio negli edifici, la previsione, nel regolamento condominiale, dell'obbligo di contribuzione alle spese di ge­stione del riscaldamento svincolato dall'effettivo godimento del servizio (il cui fondamento va rav­visato nell'esigenza di disincentivare il distacco quale fonte di squilibrio sotto il profilo tecnico ed economico del riscaldamento centralizzato, ben potendo i condomini, in esplicazione della loro autonomia privata, assumere peraltro in via ne­goziale la prevista obbligazione corrispettiva) va ricondotta non già nell'ambito della regolamenta­zione dei servizi comuni, bensì in quello delle di­sposizioni che attribuiscono diritti o impongono obblighi ai condomini; ne consegue che essa non è modificabile da delibera assembleare, se non con l'unanimità dei consensi.

Cass. n. 1314/2004

Le clausole del regolamento condominiale che incidono sui diritti immobiliari dei condomini, sulle loro proprietà esclusive o sulle parti comuni, hanno natura contrattuale e, concer­nendo diritti immobiliari, per esse deve ritenersi imposta la forma scritta ad substantiam, cosicché va esclusa la possibilità di una loro approvazione mediante comportamenti concludenti dei con­domini, quale la mancata contestazione della delibera condominiale che le abbia approvate da parte del condomino assente alla assemblea che ha adottato tale atto. (In applicazione di siffatto principio, la S.C. ha confermato la sentenza di merito che aveva ritenuto inopponibile al condo­mino il regolamento condominiale — da questi non approvato con atto scritto — che, tra l'altro, vietava la collocazione di una caldaia sul ballatoio e la collocazione di fili elettrici nell'androne del fabbricato).

Cass. n. 12298/2003

In materia di condominio, la previsione contenuta nel regolamento di condominio che impone ai condomini l'obbligo di comunicare i mutamenti dei loro indirizzi e i trasferimenti delle unità immobiliari facenti parte dello stabile è pienamente legittimo, in quanto finalizzato ad una più spedita e corretta gestione dell'ammini­strazione condominiale, e non lesivo di alcun di­ritto dei condomini.

Cass. n. 15794/2002

Con il regolamento di condominio predispo­sto dall'originario unico proprietario dell'intero edificio, ove sia stato accettato dagli iniziali ac­quirenti dei singoli appartamenti e regolarmente trascritto nei registri immobiliari, può essere at­tribuita la comproprietà di una o più cose, non in­cluse tra quelle elencate nell'art. 1117 c.c., a tutti i condomini o soltanto a quelli cui appartengono alcune determinate unità immobiliari; in tal caso colui al quale sia trasferita la proprietà di uno di tali immobili, diviene comproprietario della cosa in base al regolamento condominiale anche se di essa non vi sia alcun accenno nel titolo d'acquisto e tale qualità è opponibile a tutti coloro che acqui­stino successivamente le varie unità immobiliari.

Cass. n. 13164/2001

Il regolamento di condominio predisposto dall'originario unico proprietario dell'intero edi­ficio, ove sia accettato dagli iniziali acquirenti dei singoli appartamenti e regolarmente trascritto nei registri immobiliari, assume carattere con­venzionale e vincola tutti i successivi acquirenti, non solo per le clausole che disciplinano l'uso o il godimento dei servizi o delle parti comuni, ma an­che per quelle che restringono i poteri e le facoltà dei singoli condomini sulle loro proprietà esclusi­ve venendo a costituire su queste ultime una ser­vitù reciproca; ne consegue che tale regolamento convenzionale, anche se non materialmente inserito nel testo del successivo contratto di com­pravendita dei singoli appartamenti dell'edificio, fa corpo con esso quando sia stato regolarmente trascritto nei registri immobiliari, rientrando le sue clausole, per relationem, nel contenuto dei singoli contratti.

Cass. n. 11684/2000

Con il regolamento condominiale possono esser costituiti pesi a carico di unità immobiliari di proprietà esclusiva e a vantaggio di altre unità abitative, cui corrisponde il restringimento e l'am­pliamento dei poteri dei rispettivi proprietari, o possono imporsi prestazioni positive a carico dei medesimi e a favore di altri condomini o di soggetti diversi, ovvero possono limitarsi il godimento e l'esercizio dei diritti del proprietario dell'unità immobiliare. Nel primo caso è configurabile un diritto di servitù, trascrivibile nei registri immobiliari; nel secondo un onere reale e nel terzo un'obbligazione propter rem, non trascrivibili. Il divieto di adibire l'immobile ad una determinata destinazione, ovve­ro di esercitarvi determinate attività è inquadrabile in quest'ultimo istituto, e il corrispondente diritto è prescrittibile se il creditore non lo esercita per il periodo predeterminato dalla legge.

Cass. n. 1830/2000

Il limite al diritto di godimento spettante a ciascun condomino iure proprietatis sulle parti comuni, disposto dal regolamento condominiale ed accettato nei singoli atti d'acquisto, ha natura negoziale e può essere modificato solo per iscritto e con il consenso unanime dei condomini.

Cass. n. 11121/1999

In materia di condominio di edifici, l'auto­nomia privata consente alle parti di stipulare con­venzioni che pongano limitazioni, nell'interesse comune, ai diritti dei condomini, sia relativamen­te alle parti comuni, sia riguardo al contenuto del diritto dominicale sulle parti di loro esclusi­va proprietà, senza che rilevi che l'esercizio del diritto individuale su di esse si rifletta o meno sulle strutture o sulle parti comuni. Ne discende che legittimamente le norme di un regolamento di condominio — aventi natura contrattuale, in quanto predisposte dall'unico originario pro­prietario dell'edificio ed accettate con i singoli atti di acquisto dai condomini ovvero adottate in sede assembleare con il consenso unanime di tutti i condomini — possono derogare od integra­re la disciplina legale ed in particolare possono dare del concetto di decoro architettonico una definizione più rigorosa di quella accolta dall'art. 112 c.c., estendendo il divieto di immutazione sino ad imporre la conservazione degli elementi attinenti alla simmetria, all'estetica, all'aspetto generale dell'edificio, quali esistenti nel momento della sua costruzione od in quello della manife­stazione negoziale successiva.

Cass. n. 1057/1999

Qualora il regolamento condominiale non abbia natura contrattuale, l'assemblea dei condo­mini, anche in mancanza di unanimità, può mo­dificare le disposizioni regolamentari in materia di uso delle cose comuni, purché sia assicurato il diritto al pari uso di tutti i condomini, e cioè il diritto di ciascun condomino di trarre dalle cose comuni il massimo godimento possibile, doven­do, peraltro, la eventuale maggiore utilizzazione consentire, sia pure a livello di previsione poten­ziale, un godimento di pari natura ed intensità da parte degli altri condomini.

Cass. sez. un. n. 943/1999

La formazione del regolamento condomi­niale è soggetta al requisito della forma scritta ad substantiam, desumendosi la prescrizione di tale requisito formale, sia dalla circostanza che l'art. 1138 ultimo comma c.c. prevedeva (nel vigore dell'ordinamento corporativo) la trascrizione del regolamento nel registro già prescritto dall'art. 71 delle disposizioni di attuazione al c.c., sia dalla circostanza che, quanto alle clausole del regola­mento che abbiano natura soltanto regolamenta­re (e siano perciò adottabili a maggioranza), trova applicazione il settimo comma dell'art. 1136 c.c., che prescrive la trascrizione delle deliberazioni in apposito registro tenuto dall'amministratore (onde anche la deliberazione di approvazione di tale regolamento per poter essere trascritta deve essere redatta per iscritto), mentre, quanto alle clausole del regolamento che abbiano natura con­trattuale, l'esigenza della forma scritta è imposta dalla circostanza che esse incidono, costituendo oneri reali o servitù, sui diritti immobiliari dei condomini sulle loro proprietà esclusive o sulle parti comuni oppure attribuiscono a taluni con­domini diritti di quella natura maggiori di quelli degli altri condomini. Ne discende che il requisito della forma scritta ad substantiam (che può in­tendersi, d'altro canto, stabilito ad probationem, poiché quando sia necessaria la forma scritta, la scrittura costituisce elemento essenziale per la validità dell'atto, in difetto di disposizione che ne preveda la rilevanza solo sul piano probatorio) deve reputarsi necessario anche per le modifi­cazioni del regolamento di condominio, perché esse, in quanto sostitutive delle clausole origina­rie del regolamento, non possono avere i mede­simi requisiti delle clausole sostituite, dovendosi, conseguentemente, escludere la possibilità di una modifica per il tramite di comportamenti con­cludenti dei condomini (sulla base di tali principi le Sezioni Unite hanno cassato con rinvio la sentenza di merito che aveva ritenuto modificata una clausola di natura contrattuale di un regolamento condominiale, vietante la sosta dei veicoli nel cortile comune, per effetto del comportamento di costante esecuzione di una delibera modificativa adottata invalidamente a maggioranza e non al­l'unanimità, come esigeva quella natura).

Le clausole dei regolamenti condominiali predisposti dall'originario proprietario dell'edifi­cio condominiale ed allegati ai contratti di acqui­sto delle singole unità immobiliari, nonché quelle dei regolamenti condominiali formati con il con­senso unanime di tutti i condomini, hanno natura contrattuale soltanto qualora si tratti di clausole limitatrici dei diritti dei condomini sulle proprie­tà esclusive o comuni ovvero attributive ad alcuni condomini di maggiori diritti rispetto agli altri, mentre, qualora si limitino a disciplinare l'uso dei beni comuni, hanno natura regolamentare. Ne consegue che, mentre le clausole di natura contrattuale possono essere modificate soltanto dall'unanimità dei condomini e non da una de­liberazione assembleare maggioritaria, avendo la modificazione la medesima natura contrattuale, le clausole di natura regolamentare sono modi­ficabili anche da una deliberazione adottata con la maggioranza prescritta dall'art. 1136, secondo comma c.c.

Cass. n. 11268/1998

Il regolamento di condominio, anche se con­trattuale, approvato cioè da tutti i condomini, non può derogare alle disposizioni richiamate dall'art. 1138, comma quarto, c.c. e non può menomare i diritti che ai condomini derivano dalla legge, da­gli atti di acquisto e dalle convenzioni, mentre è possibile la deroga alle disposizioni dell'art. 1102 c.c. non dichiarato inderogabile.

Cass. n. 8731/1998

Il regolamento di condominio, quali che ne siano l'origine ed il procedimento di formazione e, quindi, anche quando non abbia natura con­trattuale, a mente dell'art. 1138, comma primo, c.c., può ben contenere norme intese a tutelare il decoro architettonico dell'edificio condominiale che, a tale fine, siano suscettibili di incidere an­che sulla sfera del dominio personale esclusivo dei singoli partecipanti, nei limiti in cui ciò si riveli necessario in funzione della salvaguardia del bene comune protetto. Più in particolare, può ad esempio vietare quegli interventi modificatori delle porzioni di proprietà individuale che, ri­flettendosi su strutture comuni, siano passibili di comportare pregiudizio per il decoro anzidetto (nella fattispecie controvertevasi in ordine ad un tipo di serramenti installati, da un condomino, in sostituzione di quelli originari, alle finestre della sua unità immobiliare aperte sulla facciata del fabbricato condominiale).

Cass. n. 714/1998

La trascrizione prevista dall'art. 1138, comma terzo, c.c. del regolamento di condominio nel registro (peraltro non istituito) di cui all'art. 1129 c.c. integra un mero onere di pubblicità di­chiarativa, la cui inosservanza non comporta la nullità o l'inefficacia del regolamento approvato dall'assemblea dei condomini o predisposto dal­l'originario costruttore dell'edificio condominiale L'omessa trascrizione del regolamento nei RR.II. determina invece l'inopponibilità ai successivi acquirenti delle singole unità immobiliari com­prese nell'edificio condominiale delle eventuali clausole limitative di diritti esclusivi di proprietà spettanti a ciascun condomino senza influire an­ch'essa sulla validità ed efficacia del regolamento.

Cass. n. 8719/1997

Il regolamento condominiale (approvato per contratto o anche in virtù di deliberazione assem­bleare) può legittimamente sottrarre all'ammini­stratore il potere di decidere autonomamente in ordine al compimento di eventuali atti conserva­tivi dei diritti inerenti alle parti comuni dell'edifi­cio, per conferirlo esclusivamente all'assemblea, subordinando alla deliberazione di questa l'eser­cizio da parte dell'amministratore della relativa azione giudiziaria, attesa la derogabilità da parte del regolamento condominiale, in favore dell'as­semblea, della norma di cui all'art. 1130 c.c. sulle attribuzioni dell'amministratore, che ha carattere suppletivo e non imperativo.

Cass. n. 1560/1995

I divieti e le limitazioni di destinazione delle unità immobiliari di proprietà esclusiva dei singoli condomini, come i vincoli di una de­terminata destinazione ed il divieto di mutare la originaria destinazione, posti con il regolamento condominiale predisposto dall'originario proprietario ed accettati con l'atto d'acquisto, devono risultare da una volontà chiaramente ed espres­samente manifestata nell'atto o da una volontà desumibile, comunque, in modo non equivoco dall'atto stesso, e non è certamente sufficiente, a tal fine, la semplice indicazione di una determinata attuale destinazione delle unità immobiliari medesime, trattandosi di una volontà diretta a re­stringere facoltà normalmente inerenti alla pro­prietà esclusiva da parte dei singoli condomini. I divieti e le limitazioni di cui sopra possono essere formulati nel regolamento sia mediante la elencazione delle attività vietate (in tal caso, al fine di stabilire se una determinata destinazione sia vietata o limitata, basterà verificare se la destina­zione stessa sia inclusa nell'elenco) sia mediante riferimento ai pregiudizi che si ha intenzione di evitare (in questo secondo caso, naturalmente, al fine suddetto, è necessario accertare la idoneità in concreto della destinazione contestata a produrre gli inconvenienti che si vollero evitare).

Cass. n. 4632/1994

Le norme del regolamento condominiale che incidono sulla utilizzabilità e la destinazione delle parti dell'edificio di proprietà esclusiva, distinguendosi dalle norme regolamentari, che possono essere approvate dalla maggioranza dell'assemblea dei condomini, hanno carattere convenzionale e, se predisposte dall'originario proprietario dello stabile, debbono essere, pertan­to, accettate dai condomini nei rispettivi atti di acquisto o con atti separati; se deliberate, invece dall'assemblea, debbono essere approvate all'una­nimità, dovendo, in mancanza, considerarsi nulle, perché eccedenti i limiti dei poteri dell'assemblea.

Cass. n. 2546/1994

Il regolamento di condominio predisposto dal costruttore-venditore che contenga vincoli afferenti all'intero edificio — e, quindi, a tutte le unità immobiliari comprese nel fabbricato — quando sia stato da questi trascritto nei registri immobiliari, è opponibile non soltanto a coloro che acquistano le unità immobiliari da proprie­tari che abbiano accettato esplicitamente o im­plicitamente il regolamento stesso, ma anche a coloro che, in epoca successiva alla trascrizione, per la prima volta acquistino piani dell'edificio o loro porzioni direttamente dal costruttore, anche in assenza di espressa previsione in tal senso nei singoli atti di acquisto, atteso che tutti costoro, non avendo partecipato all'approvazione del re­golamento o alla stipulazione degli atti, devono ricomprendersi, prima della conclusione del loro acquisto, come terzi rispetto ai quali opera, ai fini dell'opponibilità dei vincoli suddetti, siffatta forma di pubblicità.

Cass. n. 12028/1993

In tema di condominio di edifici il divieto di tenere negli appartamenti i comuni animali domestici non può essere contenuto negli ordi­nari regolamenti condominiali, approvati dalla maggioranza dei partecipanti, non potendo detti regolamenti importare limitazioni delle facoltà comprese nel diritto di proprietà dei condomini sulle porzioni del fabbricato appartenenti ad essi individualmente in esclusiva, sicché in difetto di un'approvazione unanime le disposizioni anzi­dette sono inefficaci anche con riguardo a quei condomini che abbiano concorso con il loro voto favorevole alla relativa approvazione, giacché le manifestazioni di voto in esame, non essendo confluite in un atto collettivo valido ed efficace, costituiscono atti unilaterali atipici, di per sè ini­donei ai sensi dell'art. 1987 c.c. a vincolare i loro autori, nella mancanza di una specifica disposi­zione legislativa che ne preveda l'obbligatorietà.

Cass. n. 7297/1993

L'osservanza, da parte della minoranza dis­senziente, della deliberazione legittimamente adottata dall'assemblea dei condomini dell'edifi­cio per il regolamento interno della ripartizione delle spese per il godimento di parti comuni (nella specie, ripartizione delle spese di esercizio e manutenzione dell'impianto di riscaldamento), essendo esclusivamente dovuta alla efficacia vin­colante dell'atto collettivo anche nei confronti dei dissenzienti, non esprime una volontà negoziale di tacita adesione e non può, pertanto, trasforma­re la delibera condominiale in regolamento con­trattuale non più modificabile senza il consenso unanime delle parti.

Cass. n. 6100/1993

La clausola del regolamento di condominio di un edificio che impone il divieto di destinare i locali di proprietà esclusiva dei singoli condomini a determinate attività, ritenute incompatibili con l'interesse comune (nella specie, divieto di desti­nare gli appartamenti a gabinetto odontotecnico), traducendosi in una limitazione delle facoltà ine­renti al diritto di proprietà dei singoli condomini, deve essere approvata all'unanimità e per avere efficacia nei confronti degli aventi causa a titolo particolare dei condomini deve essere trascritta nei registri immobiliari oppure essere menziona­ta ed accettata espressamente nei singoli atti d'ac­quisto.

Cass. n. 1218/1993

I regolamenti condominiali, non approvati dall'assemblea, ma adottati coattivamente, in virtù di sentenza attuativa del diritto potestativo di ciascun partecipe del condominio (con più di dieci componenti) di ottenere la formazione del regolamento della comunione, hanno efficacia vincolante per tutti i condomini, ai sensi dell'art. 2909 c.c., a seguito del passaggio in giudicato di detta sentenza.

Cass. n. 9821/1991

Con riguardo all'impianto per la distribuzio­ne od anche il riscaldamento dell'acqua, che sia comune a fabbricati vicini, trovano applicazione le regole generali della comunione, non quelle particolari del condominio degli edifici. Pertanto, il regolamento convenzionale per la gestione di detto impianto può essere modificato solo con la unanimità dei consensi di tutti i partecipanti, pure per quanto attiene alla nomina dell'amministratore, non essendo invocatili i criteri maggioritari previsti per i condomini degli edifici (artt. 1136 e 1138 c.c.).

Cass. n. 9591/1991

Il regolamento di condominio edilizio predisposto dall'originario unico proprietario dell'edificio è vincolante, purché richiamato ed approvato nei singoli atti di acquisto, sì da far parte per relationem del loro contenuto, solo per coloro che successivamente acquistano le singole unità immobiliari, ma non per coloro che abbia­no acquistato le unità immobiliari prima della predisposizione del regolamento stesso, ancorché nell'atto di acquisto sia posto a loro carico l'ob­bligo di rispettare il regolamento da redigersi in futuro, mancando uno schema definitivo, su­scettibile di essere compreso per comune volontà delle parti nell'oggetto del negozio; pertanto, in questa ultima ipotesi, il regolamento può vinco­lare l'acquirente solo se, successivamente alla sua redazione, ques'ultimo vi presti adesione. Tale adesione — e quindi la volontà del condomino di accettare le disposizioni del regolamento con­dominiale limitative del diritto di proprietà sulle parti esclusive del suo immobile — deve risultare per iscritto, in modo chiaro ed inequivocabile e non per fatti concludenti, non potendo pertanto costituire adesione, con i conseguenti effettivi vincolanti, l'«applicazione» e la «presa di cogni­zione» del regolamento stesso.

Cass. n. 7884/1991

La disciplina della ripartizione delle spese condominiali contenuta in un regolamento di na­tura contrattuale, può essere innovata, in base al principio dell'autonomia contrattuale enunciato dall'art. 1322 c.c., da una nuova convenzione, la quale, non incidendo su diritti reali, non richiede la forma scritta ai sensi dell'art. 1350 c.c., ma richiede il consenso di tutti i condomini, che può essere espresso anche per facta concludentia, dovendo, però, in ogni caso la manifestazione tacita di volontà rapportarsi ad un comporta­mento univoco e concludente, dal quale possa desumersi, per il comune modo di intendere, un determinato volere con un preciso contenuto sostanziale. (Nella specie, la Corte Suprema in base all'enunciato principio ha confermato la decisione dei giudici del merito che aveva escluso la formazione di un nuovo accordo negoziale per facta concludentia con riguardo ad una applica­zione di diversi criteri di ripartizione delle spese condominiali, ancorché avutasi per diversi anni, ma senza la consapevolezza della diversità di quei criteri e delle tabelle millesimali relative).

Cass. n. 6768/1991

Le norme dei regolamenti condominiali che, al fine di assicurare ai condomini un godi­mento pieno e tranquillo, sia delle unità immobi­liari di proprietà esclusiva, sia delle parti comuni dell'edificio, pongono limitazioni all'uso di esse, riducendo la naturale esplicazione del diritto di proprietà, hanno natura contrattuale e debbono perciò essere approvate — a differenza di quelle concernenti la disciplina dell'uso delle cose co­muni e dei servizi condominiali —all'unanimità). Esse inoltre vincolano gli acquirenti dei singoli appartamenti indipendentemente da qualsiasi trascrizione del regolamento, allorché essi, nel­l'atto di acquisto, facendo esplicito riferimento al regolamento condominiale dimostrino di esserne a conoscenza e di approvarne il contenuto, anche senza espressa menzione delle singole disposizioni.

Cass. n. 4905/1990

In tema di condominio, le pattuizioni, con­tenute nel regolamento predisposto dall'origina­rio proprietario accettato con l'atto d'acquisto, che comportino restrizioni delle facoltà inerenti alla proprietà esclusiva dei singoli condomini ovvero di quelle relative alle parti condominiali dell'edificio, devono essere espressamente e chiaramente enunziate, con la conseguenza che devono ritenersi invalide quelle pattuizioni che, con formulazione del tutto generica, limitino il diritto dei condomini di usare, godere o disporre dei beni condominiali ed attribuiscano all'origi­nario proprietario il diritto non sindacabile di apportare modifiche alle parti comuni.

La disposizione di cui al quarto comma dell'art. 1138 c.c., secondo cui le norme del regolamento di condominio non possono in nes­sun caso derogare, tra l'altro, a quanto stabilito nell'art. 1120 dello stesso codice, concernente le innovazioni, si riferisce oltre che al regolamento approvato dall'assemblea dei condomini anche a quello predisposto dall'originario proprietario ed accettato dai condomini all'atto dell'acquisto del bene facente parte del condominio (cosiddetto regolamento contrattuale).

Cass. n. 73/1986

Il regolamento convenzionale di condomi­nio — anche se non materialmente inserito nel testo del contratto di compravendita dei singoli appartamenti dell'edificio condominiale — fa corpo con esso, purché espressamente richiamato ed approvato; di modo che le clausole rientrano almeno per relationem, nel contenuto dei singoli contratti di acquisto, e trattandosi in questo caso di relatio perfetta — in quanto il richiamo, nei vari contratti, è opera di entrambi i contraenti — ne deriva che le singole clausole del regolamento di condominio restano fuori dalla previsione legi­slativa del secondo comma dell'art. 1341 c.c., che, nel sancire la necessità della specifica approvazio­ne per iscritto di condizioni vessatorie, ha invero riguardo alle sole clausole, di contratti per adesio­ne od analoghi, che risultino invece predisposte da una soltanto delle parti contraenti.

Cass. n. 3848/1985

Il divieto, a carico del condomino di edificio, di dare una determinata destinazione alla porzio­ne di sua proprietà esclusiva, traducendosi in una limitazione delle facoltà inerenti al diritto domi­nicale, non può derivare da una deliberazione as­sembleare, adottata con le maggioranze previste per la regolamentazione dell'uso e del godimento dei beni comuni (art. 1138 terzo comma c.c.), ma presuppone un titolo convenzionale, con l'accet­tazione del vincolo da parte del condomino stesso (in sede di acquisto della proprietà esclusiva, ove si tratti di vincolo predisposto dal costruttore od originario unico proprietario dell'edificio, o con separato atto successivo, ovvero anche con adesione alla decisione assembleare che introduca il vincolo medesimo). In difetto di tale accettazione, pertanto, deve escludersi che una certa utilizza­zione dell'alloggio di proprietà esclusiva (nella specie, ad ambulatorio medico) possa di per sé costituire fatto illecito, avverso il quale sia dato al condominio od agli altri condomini facoltà di insorgere, salva restando la tutela di questi per gli eventuali pregiudizi che possano derivare dal concreto svolgimento delle attività inerenti a det­ta destinazione e dalle relative modalità (ad esem­pio, in caso di immissioni eccedenti la normale tollerabilità, a nonna dell'art. 844 c.c.).

Cass. n. 6397/1984

Nel caso di violazione di disposizioni le­gittimamente contenute nel regolamento condo­miniale che stabiliscano il divieto di destinare i singoli locali dell'edificio a determinati usi, il condominio può chiedere nei diretti confronti del conduttore di un appartamento del fabbricato condominiale la cessazione della destinazione abusiva e l'osservanza in forma specifica delle istituite limitazioni, in quanto il conduttore non può trovarsi, rispetto al condominio, in posizione diversa da quella del condomino suo locatore e ciò alla unica condizione che sia comprovata l'opera­tività della clausola limitativa, o, in altri termini, la sua opponibilità al condomino locatore.

Cass. n. 3629/1981

La semplice indicazione nel regolamento di condominio di una determinata destinazione delle unità immobiliari non può precluderne altre diverse, essendo tale risultato conseguibile solo mediante costituzione di reciproche servita volontarie fra i vari condomini, con conseguente restrizione della sfera di dominio di costoro sui beni di loro proprietà esclusiva ed essendo a tal fine necessarie specifiche manifestazioni di vo­lontà, desumibili in modo non equivoco dall'atto costitutivo.

Cass. n. 2305/1978

Il regolamento condominiale che contenga limitazioni dei diritti dominicali dei singoli con­domini deve essere approvato da tutti i condomi­ni ed ha valore negoziale. Ne consegue che esso, per potere avere effetto anche nei confronti dei successori a titolo particolare dei partecipanti al condominio deve essere trascritto nei pubblici registri immobiliari.

Cass. n. 4927/1977

Il regolamento di condominio, afferendo alla sfera condominiale che è sfera di mera gestione, è paradigmaticamente diretto a disciplinare — anche sotto il profilo del concorso economico da parte dei proprietari di piani o porzioni di piano — la conservazione e l'uso delle parti comuni del­l'edificio, nonché l'apprestamento e la fruizione dei servizi comuni, e pertanto le sue disposizioni non possono, per definizione, menomare i diritti di ciascun condomino, quali risultano dagli atti di acquisto e dalle convenzioni (art. 1138, ultimo comma, c.c.). Ne consegue che le clausole che, eventualmente inserite nel suo contesto, tendano a limitare tali diritti, sia in ordine alle parti comu­ni, sia in ordine a quelle di proprietà esclusiva, rivestono natura convenzionale e possono, quin­di, trarre validità ed efficacia solo dalla specifica accettazione degli interessati, espressa in forma adeguata.

L'obbligo genericamente previsto in una scrittura privata di rispettare un regolamento di condominio da predisporsi in futuro a cura del costruttore (venditore o promittente venditore) non vale a consentire a quest'ultimo di atteggiare a suo arbitrio il relativo testo e, in particolare, di inservirvi un contenuto atipico, limitativo del­l'estensione dei poteri e delle facoltà che normal­mente caratterizzano nel condominio degli edifici il diritto di proprietà di ciascun condominio.

Cass. n. 506/1975

L'accettazione del regolamento condominia­le predisposto dal costruttore originario da parte degli acquirenti le porzioni di fabbricato ed il conseguente carattere contrattuale del medesimo non richiedono la contestualità della conoscenza effettiva con la stipulazione del contratto di ac­quisto, potendo detta conoscenza essere anteriore o posteriore alla stipulazione stessa quando co­munque il contratto contenga l'impegno dell'ac­quirente di osservare il regolamento già predispo­sto; inoltre, l'accettazione può risultare anche da fatti concludenti.

Le clausole di un regolamento contrattua­le, che dettano la disciplina dell'uso delle cose comuni, non possono essere modificate con deliberazioni dell'assemblea adottate a maggioranza, quando da tali deliberazioni consegua un pregiudizio ai diritti che ciascun condomino ha sulla cosa comune così come sono configurati nel regolamento contrattuale stesso.

Cass. n. 248/1975

Il regolamento contrattuale di condominio può contenere l'inclusione esplicita tra le cose co­muni, soggette sia alla comunione necessaria sia alla correlata indivisibilità funzionale sia all'inse­parabilità pro quota dai trasferimenti delle pro­prietà individuali esclusive, di cose determinate per le quali sia incerta la riconducibilità alla cate­goria delle cose comuni in regime di condominio. La validità di detta inclusione può derivare, oltre che dalla comune volontà di tutti i partecipanti al condominio, dagli elementi strutturali e fun­zionali caratterizzanti le medesime cose incluse in correlazione ad una o più cose comuni; detta correlazione può esprimersi o nella provvisorietà della cosa, desumibile dai suoi caratteri costrut­tivi escludenti l'insorgenza di conflitti pratici di compatibilità tra la medesima e le cose comuni e tra questi ed i diritti di proprietà esclusiva, e (o) con l'inerenza materiale traducibile in un rap­porto di connessione oggettiva o di strumentalità della stessa con una delle cose comuni ai sensi dell'art. 1117 c.c. Il regolamento contrattuale di condominio, quando include esplicitamente una cosa tra quelle comuni soggette al regime della comunione necessaria, contiene un atto negoziale di accertamento del rapporto di inerenza della cosa espressamente considerata con quelle comu­ni ai sensi dell'art. 1117 c.c., con l'effetto di indi­viduare i limiti oggettivi delle proprietà esclusive e le corrispondenti quote sulle cose comuni, di escludere la separata disponibilità della cosa in­clusa tra quelle comuni, di prevenire controversie circa la distinta utilizzabilità della cosa stessa in­dipendentemente dall'esistenza di un valido titolo costitutivo di diritti sulla medesima nel contesto dei concorrenti diritti degli altri condomini.

Cass. n. 3525/1974

Le clausole contenute nei regolamenti con­dominiali, le quali limitano il diritto sui beni co­muni o sulle cose di proprietà esclusiva, integra­no veri e propri oneri reali o servitù prediali, ed intanto sono opponibili ai terzi acquirenti a titolo particolare, in quanto siano specificamente tra­scritte. A tale fine, perché si producano gli effetti della trascrizione, è necessaria la completezza della nota, sia dal punto di vista soggettivo, sia da quello oggettivo, nel senso che la stessa deve indicare il contenuto essenziale del titolo di cui si chiede la trascrizione, e menzionare con chiarez­za i negozi giuridici cui si vuole dare pubblicità, di guisa che, dall'esame del tenore della nota, sia possibile accertare con sicurezza a favore e a carico di chi la trascrizione debba conseguire i suoi effetti e, trattandosi di servitù, quale ne sia la natura e quale il fondo servente su cui essa grava.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Quesiti degli utenti
relativi all'articolo 1138 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Addis S. chiede
lunedì 08/06/2015 - Sardegna
“Facendo seguito al Quesito n. 13289
Ad integrazione del quesito da me postovi e di cui ho avuto risposta che, dopo una Vostra breve disanima, si chiude con “ SE QUESTO FOSSE IL CASO ……..”, è opportuno, credo, aggiungere i sotto elencati elementi al fine di avere il più possibile certezza nella risposta, ossia, con tutti gli elementi forniti è applicabile o no l’art. 1123, 3°comma del c.c. , come richiede il proprietario nel cui garage si sono svolti i lavori sulla colonna fognaria, il cui costo Egli ha pagato su fattura intestata al Condominio?
Elementi aggiuntivi al quesito già postoVi.
Nel 1964/1965 venne costituita la Cooperativa Edilizia composta da nove(9) soci al fine di edificare un complesso Edilizio di 9 appartamenti e garages. Ad ognuno dei 9 soci , previo sorteggio, ad inizio dei lavori venne assegnato l’appartamento ed il garage in costruzione si che al termine dei lavori Giugno 1969 ognuno entrò in possesso di quanto già assegnato.
Il 13 ottobre 1969 tutti e nove i Soci della Cooperativa stilarono il Regolamento Condominiale alla UNANIMITA’.
L’art 1 del Regolamento descrive la” Proprietà Comune” ( come già portato a Vostra conoscenza)
Mentre l’ART 8 parla della “RIPARTIZIONE DELLE SPESE COMUNI”( già portato a Vostra conoscenza) e che si ripete “ Il valore effettivo di ogni singola proprietà è di 1/9 del valore dell’edificio,le spese vanno divise per 1/9………….”Si aggiunge che gli appartamenti e i garages
Hanno tutti la stessa superficie.
Il 16 Maggio 1989 la Cooperativa con atto notarile ASSEGNO’ IN PROPRIETA’ ai Soci gli Appartamenti e i garages. Nelle assegnazioni sono compresi i diritti di comproprietà sulle parti Comuni del fabbricato di cui fanno parte le porzioni immobiliari come sopra assegnate, così Come previsto dagli artt.1117 e seguenti del Codice Civile”.
Con questo atto, avendo raggiunto il suo scopo sociale la Cooperativa si sciolse.
Restò in piedi il Regolamento senza mai essere modificato fino ad oggi soprattutto negli artt.1 e 8.
Grazie”
Consulenza legale i 10/06/2015
La descrizione dettagliata delle vicende legate all'approvazione del regolamento attualmente in vigore nel condominio sembra non lasciare dubbi circa il carattere contrattuale del documento stesso.

Il fatto che sia stato approvato all'unanimità dai soci della cooperativa, che poi sono divenuti proprietari esclusivi ciascuno di un appartamento, depone decisamente a favore di questa tesi. Si parla di regolamento contrattuale perché di fatto è un contratto tra tutte le parti che lo sottoscrivono: e rimane contrattuale se tutti i nuovi eventuali acquirenti degli appartamenti lo accettano per iscritto (di solito, nel rogito notarile).

Ciò precisato, è bene chiarire che anche un regolamento approvato all'unanimità può avere un contenuto "misto", cioè contenere clausole che hanno forza contrattuale, ed altre di natura solo regolamentare, modificabili a maggioranza.

Dice la giurisprudenza, "le clausole dei regolamenti condominiali predisposte dall’originario proprietario dell’edificio condominiale ed allegati ai contratti di acquisto delle singole unità immobiliari, nonché quelle dei regolamenti condominiali formati con il consenso unanime di tutti i condomini, hanno natura contrattuale soltanto qualora si tratti di clausole limitatrici dei diritti dei condomini sulle proprietà esclusive o comuni, ovvero attributive ad alcuni condomini di maggiori diritti rispetto agli altri, mentre qualora si limitino a disciplinare l’uso dei beni comuni, hanno natura regolamentare. Ne consegue che mentre le clausole di natura contrattuale possono essere modificate soltanto dall’unanimità dei condomini e non da una deliberazione assembleare maggioritaria, avendo la modificazione medesima natura contrattuale, le clausole di natura regolamentare sono modificabili anche da una deliberazione adottata con la maggioranza prescritta dall’articolo 1136, comma 2, Codice Civile” (v. Cass. civ., Sezioni Unite, 30.12.1999, n. 943)

Sembra piuttosto pacifico che le clausole di un regolamento condominiale che mirano a stabilire come debba avvenire la ripartizione delle spese condominiali in deroga a quanto sancito dall'art. 1123 del c.c. possano configurarsi come aventi natura contrattuale: esse, cioè, sono opponibili a tutti i condomini, avendo la stessa forza di un contratto tra le parti.
La ripartizione delle spese attiene direttamente ai diritti e doveri dei condomini e non ha il mero scopo di disciplinare l'uso dei beni comuni. Ne consegue che solo l'unanimità dei condomini potrebbe modificare la parte del regolamento che, nel nostro caso, regola la suddivisione delle spese relative alle parti comuni.

Poiché nel caso in esame il regolamento stabilisce che ogni spesa relativa a parti comuni dell'edificio, così come identificate dalla legge (art. 1117 del c.c.) e dal regolamento stesso, vada suddivisa in 9 parti uguali, se l'oggetto degli interventi di manutenzione può farsi rientrare nell'ambito dei "beni comuni", sembra corretto applicare tale regola e non invece quella sancita dal codice civile, il quale, al terzo comma dell'art. 1123, stabilisce che qualora un edificio abbia più scale, cortili, lastrici solari, opere o impianti destinati a servire una parte dell'intero fabbricato, le spese relative alla loro manutenzione sono a carico del solo gruppo di condomini che ne trae utilità.

Giancarlo M. chiede
venerdì 05/06/2015 - Toscana
“Approfitto della preziosa collaborazione ottenuta finora in materia condominiale, per chiedere ancora chiarimenti in merito al ns. regolamento, regolamento non contrattuale ma approvato con la delibera allegata allo stesso. Stanno nascendo anche problemi fra condomini - sulla validità o meno di tale regolamento - sono a chiedere: premesso che i millesimi con cui è stato approvato superano i 2/3 , le voci che lo costituiscono vanno anche a incidere sulla proprietà e/o disponibilità da parte dei proprietari??!!
Fino a che punto è valido in tutto e per tutto tale regolamento e/o dove difetta poichè non contrattuale e non approvato da tutti i condomini, premesso che una delle questioni più urgenti da sanare è quella relativa l'utilizzo da parte di determinati condomini di Pilastri portanti che vengono utilizzati per le attività commerciali in atto (cartelli,lampade,ecc....)?”
Consulenza legale i 11/06/2015
Il regolamento condominiale, ai sensi dell'art. 1138 del c.c., va approvato dall'assemblea con la maggioranza stabilita dal secondo comma dell'articolo 1136 c.c., cioè con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio.

Il codice civile specifica che le norme del regolamento non possono in alcun modo menomare i diritti di ciascun condomino, quali risultano dagli atti di acquisto e dalle convenzioni, e in nessun caso possono derogare alle disposizioni degli artt. 1118 secondo comma, 1119, 1120, 1129, 1131, 1132, 1136 e 1137 c.c.

Il contenuto del regolamento approvato con una maggioranza assembleare (a prescindere dal numero di voti che lo hanno deliberato) viene descritto al primo comma dell’art. 1138:
- norme che disciplinano l’uso delle cose comuni;
- norme relative alla ripartizione delle spese secondo i diritti e gli obblighi di ciascuno;
- norme che tutelano il decoro dell’edificio;
- norme atte a disciplinare l’amministrazione.

Tipiche norme regolamenti sono quelle che stabiliscono una turnazione dell’uso del parcheggio condominiale, che stabiliscono di non tenere in disordine i terrazzi per mantenere il decoro condominiale o che istituiscono un consiglio dei condomini.

Ciò che un regolamento "assembleare" non può fare è limitare in alcun modo i diritti dei singoli condomini né sulle parti di proprietà comune né su quelle di proprietà esclusiva.
Tale limite, ad esempio, sarebbe violato laddove una norma del regolamento, disciplinando la turnazione dell'uso del parcheggio, escluda qualche condomino dal godimento, o assegni singoli posti in uso esclusivo: oppure se imprimesse a una parte comune una certa destinazione d'uso.
Il regolamento assembleare, inoltre, non può derogare al criterio di ripartizione delle spese stabilito dal primo comma dell'art. 1123, che riguarda le spese relative a beni e servizi di cui tutti godono indistintamente, comprese le innovazioni deliberate dalla maggioranza: per derogare alla norma sarebbe necessario un regolamento contrattuale.

Ciò chiarito, cerchiamo di comprendere come possa inquadrarsi la questione dell'utilizzo da parte di determinati condomini di pilastri comuni dell'edificio.
Si tratta, a nostro giudizio, dell'uso di una parte comune, che non va a pregiudicare diritti dei singoli condomini: quindi, se il regolamento assembleare prevede che i pilastri vadano tenuti sgomberi da oggetti, affissioni, etc., ogni condomino è tenuto a rispettare tale norma.

In particolare, l'art. 11 del regolamento di cui parla il quesito, sancisce che è vietato applicare insegne o targhe all'esterno dei fabbricati senza esplicita autorizzazione del condominio.
Ne consegue, che il condomino proprietario del locale dove si svolge attività commerciale dovrà chiedere al condominio l'autorizzazione all'applicazione di insegne o targhe, mentre per quanto riguarda altri aspetti (es. lampade), poiché il regolamento nulla dice, egli ha diritto di usare della cosa comune senza provocare una limitazione di godimento agli altri condomini ex art. 1102 del c.c. ("[...] poiché la utilizzazione del muro perimetrale comune mediante tale apposizione non ne altera la naturale e precipua destinazione di sostegno dell'edificio condominiale - l'utilizzazione stessa, ove non impedisca l'esercizio concorrente del diritto degli altri partecipanti di fare eguale uso del muro, costituisce normale esercizio del diritto di usare la cosa comune", Cass. civ., sez. III, 24.10.1986, n. 622).

Salvatore A. chiede
giovedì 28/05/2015 - Sardegna
“Spett.le Brocardi.it, desidero avere la Vostra consulenza legale su quanto di seguito riportato

Il mio appartamento insiste in un complesso condominiale di nove (9) appartamenti.

Tre appartamenti oltre ai garages sovrastanti uno all’altro per tre blocchi uniti e confinanti uno all’altro. Da ogni singolo blocco (destra,centro,sinistra) discendono gli scarichi fognari fino al piano seminterrato dei garages per confluire nello scarico centrale che serve tutti e nove gli appartamenti fino all’imbocco della fogna pubblica.

L’Art.1 del Regolamento Condominiale recita” PROPRIETA’ COMUNE: “L’Edificio ha un ingresso in Via della ... ed è composto di nove (9) appartamenti e vani accessori, comprensivi di garages e piazzali antistanti.

I locali interrati con ingresso da Via della ..., dove sono installati i garages, caldaie e macchinari con motori per la efficienza degli impianti idrici e termici sono di Proprietà ed uso comune a tutti i Condomini, proprietà ed uso che devono intendersi indivisibili ed Irrinunciabili - tutte quelle parti, locali, cose, impianti dell’edificio – che non risultino di proprietà singola ed individuale di un condomino, in conformità del disposto Art. 1117 del c.c.

IN PARTICOLARE SONO COMUNI: l’area su cui sorge l’edificio, considerata tutt’una con le sue pertinenze, il sottosuolo,le fondamenta, e tutte le altre opere destinate a dare stabilità al fabbricato nonchè tutti i muri d’ambito perimetrali e quelli di vani, scale e terrazzo.

L’androne delle scale, gli anditi, impianti e serramenti e cancellate che trovansi in tali pareti, portone d’ingresso, i locali di deposito, i locali occupati dagli impianti di riscaldamento, canne fumarie, il terrazzo di copertura, locale autoclave e deposito di acqua,le colonne montani dell’acqua e dell’energia elettrica, LE TUBAZIONI PRINCIPALI PER LO SCARICO DELL’ACQUA, i tubi a tetto per lo scarico dei prodotti della combustione e per l’aerazione del locale caldaia, le tubazioni verticali ed orizzontali da alimentazione e ritorno, il deposito della nafta e le tubazioni che da detto deposito portano la nafta al bruciatore.

Mentre l’ART 8 del Regolamento sulla ripartizione delle SPESE COMUNI recita “ Il valore effettivo di ogni singola proprietà è di 1/9 del valore dell’edificio. le SPESE VANNO DIVISE PER NONI, 1°) Amministrazione, luce comune e motice, luce garages, Fognatura, tinteggiatura, manutenzione e ricostruzione scale, restauro,pulizia e tinteggiatura delle facciate dell’edificio , ringhiere e balconi e tutte le parti comuni ,tetto solare, muri maestri, fondamenta ecc,

Da nessuna parte del Regolamento Condominiale è specificato che tal blocco degli appartamenti o tal’altro ha un uso e una utilità specifica di vantaggio rispetto ad un’altra. Tutti e nove (9) gli appartamenti hanno gli stessi requisiti e impianti d’uso (termico, idrico e fognario) oltre ad avere la stessa superficie, NON esiste quindi il Condominio Parziale ai fini della ripartizione della spesa;

TUTTO CIO’ PREMESSO PER FAR PRESENTE QUANTO SEGUE, Il proprietario del garage sottostante al blocco di tre appartamenti dove insiste il mio ha lamentato infiltrazioni di acqua nella volta e nella parete del Suo garage.
Sollecitò il proprietario dell’appartamento sovrastante il Suo garage, abitato dal proprietario/condomino e nel contempo Amministratore e di professione muratore, il quale intervenne e sostituì quattro (4) metri di tubo in ETERNIT con tubo in plastica, in corrispondenza della colonna fognaria condominiale dallo stesso proprietario citata.
I lavori iniziarono ai primi del mese di Dicembre 2013 e terminati solo nel mese di Agosto 2014 per Stessa ammissione del proprietario. Il muratore/Amministratore gli lasciò in deposito i tubi in ETERNIT in quanto Lui non era abilitato al trasporto del materiale pericoloso, però intervenne e certamente non poteva farlo (non è iscritto a l’albo della Regione Sardegna e non ha fatto alcuna comunicazione alla ASL nè di inizio lavori nè di piano di lavoro) e su questo credo che ci sia una normativa tassativa e stringente che prevede sanzioni per il committente i lavori ed impresa.

L’impresa fece la fattura intestata al CONDOMINIO e materialmente venne pagata dal proprietario del garage.

Ora questo signore chiede a me e agli due proprietari degli appartamenti sovrastanti il Suo garage il pagamento di quanto da Lui anticipato mettendo anche in conto la spesa per lo smaltimento del rifiuto speciale che si aggira tra i 600 e i 1000 euro.

Ho contestato questa Sua personale ripartizione perché bene che gli fosse andata questa spesa CREDO sarebbe dovuta essere ripartita su i nove proprietari del Condominio. LUI Replica richiamando, nel caso, per la ripartizione della spesa l’art. 1123, 3° c: del c.c. (e quindi a soli tre condomini).

Tutto ciò premesso chiedo il Vostro parere su quanto esposto e nel caso dovessi pagare anche solo ed esclusivamente 1/9 della spesa sostenuta potrei, non si sa mai, essere chiamato in correità per i Lavori ordinati ed eseguiti su materiale altamente pericoloso ed inquinante qual è l’ETERNIT?
In attesa di una Vostra cortese risposta, distintamente”
Consulenza legale i 03/06/2015
L'art. 1123, terzo comma, c.c., stabilisce una regola generale: qualora un edificio abbia più scale, cortili, lastrici solari, opere o impianti destinati a servire una parte dell'intero fabbricato, le spese relative alla loro manutenzione sono a carico del gruppo di condomini che ne trae utilità.

Poiché, però, l'art. 1123 non è compreso nella lista degli articoli inderogabili da parte del regolamento condominiale (che sono invece, ai sensi dell'art. 1138, gli articoli 1118, secondo comma, 1119, 1120, 1129, 1131, 1132, 1136 e 1137) si ritiene ormai pacificamente che la disciplina legale della ripartizione delle spese per la conservazione ed il godimento delle parti comuni dell'edificio sia, in linea di principio, derogabile, con la conseguenza che deve ritenersi legittima la convenzione modificatrice di tale disciplina, contenuta nel regolamento condominiale di natura contrattuale, ovvero nella deliberazione dell'assemblea, quando approvata da tutti i condomini (cfr. Cass. civ. n. 641/2003).

Nel caso di specie, quindi, il regolamento può superare la norma del codice civile, con ripartizione delle spese tra tutti i 9 condomini e non solo fra i tre che abitano il blocco in cui è avvenuta la sostituzione dei tubi della colonna fognaria.
Tuttavia, deve trattarsi di un regolamento adottato non con una semplice maggioranza, bensì all'unanimità dei condomini; oppure di un regolamento predisposto fin dall'origine dal proprietario del complesso immobiliare (di solito, il committente o il costruttore) e poi recepito nei singoli atti di acquisto.

Se questo fosse il caso, l'intervento su una parte considerata comune nel regolamento dovrebbe essere sostenuto da tutti e 9 i condomini. Diversamente, invece, tornerebbe a prevalere il dettato del codice civile, e la spesa dovrebbe essere divisa solo tra coloro che traggono utilità dall'impianto su cui sono state effettuate opere di manutenzione straordinaria.

Quanto al problema attinente alla rimozione di eternit, la legge stabilisce che qualora dovesse essere accertata la necessità di intervenire sull’amianto, in caso di pericolosità dei manufatti presenti in un condominio, scatta l’obbligatorietà di rivolgersi ad una ditta specializzata iscritta all’Albo nazionale Gestori ambientali. Peraltro, anche la valutazione stessa della necessità di rimozione dovrebbe essere eseguita da personale specializzato.
La spesa di rimozione compete a tutti i condomini, che possono rifarsi sul costruttore solo se l’amianto sia stato installato successivamente all’entrata in vigore dei divieti di legge.

Nel condominio, quanto si sia verificata la presenza di amianto friabile (il più pericoloso) è l'amministratore ad avere l'obbligo di comunicare alla Asl di riferimento i dati relativi alla presenza di amianto. In casi diversi, quando non vi sia il rischio di contaminazione, non scatta l'obbligo della denuncia, anche se il proprietario può sempre decidere di far rimuovere l'eternit e permane comunque l'obbligo - sanzionabile - di nominare un Responsabile del Rischio Amianto.
Tutte le sanzioni previste dalla legge in caso di omessa denuncia e inosservanza delle regole vanno riferite alla persona dell'amministratore e non ai condomini: si tratta di sanzioni amministrative (art. 15, l. 257/1992: "La mancata adozione delle misure idonee a garantire il rispetto dei valori limite di cui all'articolo 3, nonché l'inosservanza del divieto di cui al comma 2 dell'articolo 1, sono punite con l'ammenda da lire 10 milioni a lire 50 milioni.
Per l'inosservanza degli obblighi concernenti l'adozione delle misure di sicurezza previste dai decreti emanati ai sensi dell'articolo 6, commi 3 e 4, si applica la sanzione amministrativa da lire 7 milioni a lire 35 milioni
").

Sempre l'amministratore risponde penalmente in qualità di committente in fase di cantiere di bonifica, ai sensi del d.lgs. 81/2008.

Infine, sono previste sanzioni per le ditte che operino attività di smaltimento, rimozione e bonifica senza essere iscritte nell'apposito albo speciale.

Paolo F. chiede
mercoledì 01/04/2015 - Lombardia
“Il mio condominio ha servizio di portierato a tempo pieno (47 ore settimanali).
Il mese scorso l'assemblea ha deliberato a maggioranza di ridurre il servizio a 32 ore eliminando il servizio pomeridiano.
Due condomini hanno richiesto e ottenuto una assemblea straordinaria minacciando richiesta di ingiunzione per nullità, essendo il nostro regolamento di natura contrattuale (fa parte dei rogiti) il che richiede l'unanimità della decisione.
In questa assemblea ci sono stati interventi di natura pseudolegale, avendo molti di noi sentito il parere del proprio legale di fiducia, senza raggiungere una intesa su un eventuale minor riduzione del servizio che consentisse di avere anche servizio pomeridiano.
In conclusione si è deciso di demandare all'amministratore la scelta di un esperto a cui richiedere un parere vincolante sulla vertenza, lasciando spazio per un ulteriore tentativo di mediazione nel caso l'esperto non fornisca un parere favorevole in pieno ad una delle parti.
Desidero avere una vostra opinione scritta sulla validità della nostra posizione ed un suggerimento per la ricerca di un valido esperto, dato che l'amministratore si è dichiarato favorevole a ricevere indicazioni in proposito.”
Consulenza legale i 07/04/2015
Il quesito affronta l'interessante tematica della natura giuridica del regolamento contrattuale, sulla quale molto si è dibattuto in dottrina e in giurisprudenza.
I giudici di legittimità sembrano seguire da tempo un orientamento piuttosto preciso, in base al quale, per determinare la natura dello statuto del condominio, bisogna fare sempre riferimento alla singola clausola e non all’atto globalmente considerato.

Dice la giurisprudenza, "le clausole dei regolamenti condominiali predisposte dall’originario proprietario dell’edificio condominiale ed allegati ai contratti di acquisto delle singole unità immobiliari, nonché quelle dei regolamenti condominiali formati con il consenso unanime di tutti i condomini, hanno natura contrattuale soltanto qualora si tratti di clausole limitatrici dei diritti dei condomini sulle proprietà esclusive o comuni, ovvero attributive ad alcuni condomini di maggiori diritti rispetto agli altri, mentre qualora si limitino a disciplinare l’uso dei beni comuni, hanno natura regolamentare. Ne consegue che mentre le clausole di natura contrattuale possono essere modificate soltanto dall’unanimità dei condomini e non da una deliberazione assembleare maggioritaria, avendo la modificazione medesima natura contrattuale, le clausole di natura regolamentare sono modificabili anche da una deliberazione adottata con la maggioranza prescritta dall’articolo 1136, comma 2, Codice Civile” (v. Cass. civ., Sezioni Unite, 30.12.1999, n. 943).

Da questo orientamento discende che non tutte le modifiche al regolamento contrattuale richiedono una deliberazione all'unanimità dei condomini, anzi, di regola solo poche clausole hanno natura realmente negoziale.

La giurisprudenza ha affrontato in diverse occasioni il caso specifico del servizio di portierato, spesso previsto già nel regolamento contrattuale predisposto dal costruttore e fatto accettare nei successivi atti di acquisto degli appartamenti.

La Cassazione ha affermato che la soppressione del servizio condominiale di portierato, previsto nel regolamento di condominio, ne comporta una modificazione che deve essere approvata dall'assemblea con la maggioranza stabilita dall'art. 1136, comma secondo, c.c. (maggioranza degli intervenuti che rappresenti almeno la metà del valore dell'edificio), richiamato dal terzo comma dell'art. 1138 (v. tra le altre Cass. civ., 29.3.1995 n. 3708).

Nella sentenza della Suprema Corte del 31.7.2007, n. 16880 leggiamo che, in risposta alla doglianza dei ricorrenti per cui le disposizioni del regolamento condominiale che prevedono il servizio di portierato si dovevano considerare aventi natura negoziale, si stabilisce: "Anche tale doglianza è infondata, in quanto, come già detto, in considerazione della natura normalmente tipicamente regolamentare delle disposizioni in questione, spetta a chi ne invochi la natura negoziale provare la relativa volontà dei condomini al momento della adozione del regolamento, non essendo a tal fine sufficiente dedurre la particolare utilità del servizio di portierato".

Tornando al caso in esame, i condomini che sostengono la tesi per cui il regolamento contrattuale, nel prevedere il servizio di portierato di 47 ore, avrebbe natura negoziale e potrebbe di conseguenza essere modificato solo dall'unanimità dei condomini, sarebbero tenuti a provare tali affermazioni, poiché la natura contrattuale non è presunta.
Si tratta di una prova - all'evidenza - estremamente complessa, per cui è improbabile che la stessa possa essere data, anche alla luce della giurisprudenza citata, che tende a configurare le decisioni relative al servizio di portierato come attinenti a servizi condominiali modificabili con le maggioranze dell'art. 1136.

Quanto al suggerimento richiesto circa la nomina di un esperto, si può consigliare di rivolgersi ad un legale super partes esperto in questioni condominiali (se nessuno dei condomini ne conosce uno, si può chiedere al consiglio dell'ordine degli avvocati della città o della provincia). In alternativa, ci si potrebbe rivolgere ad un organismo di mediazione, di cui fanno parte professionisti preparati in diverse materie (si chiederà alla segreteria dell'organismo se vi sono esperti in materia condominiale) e allenati a trovare soluzioni condivisibili per tutti.
Peraltro, quella condominiale è materia soggetta alla mediazione obbligatoria (d.l. n. 69/2013, "decreto del fare", convertito con modificazioni nella legge n. 98/2013), quindi se l'orizzonte, nel caso di specie, è quello di arrivare in giudizio, il passaggio dal mediatore costituirà tappa obbligata.

Filippo D. chiede
lunedì 25/04/2011 - Liguria
“Quando un regolamento di condominio non regola nulla in merito ad un problema si puoì parlarwe di revisione dello stesso regolamento?
P.e. il nostro Reg. non parla della gestione del lastrico solare ad utilizzo privato del proprietario dell'attico ed allora vorremmo inserire un nuovo articolo in merito alla sua gestione del lastrico solare. Come possiamo fare e con quali maggioranze possiamo approvare il tutto? grazie”
Consulenza legale i 29/04/2011

Nel caso di specie sarà preliminarmente necessario capire che tipo di regolamento si vorrebbe adottare.
I regolamenti condominiali, infatti, si distinguono tra regolamenti contrattuali e non contrattuali. I primi sono quelli che sono stati approvati con il consenso di tutti i condomini: ciò avviene quando l'originario costruttore ha predisposto un regolamento al quale ha vincolato tutti i propri aventi causa; oppure quando esso è frutto di un contratto concluso nell'ambito o al di fuori dell'assemblea, ma sempre con l'adesione di tutti i condomini partecipanti.

I secondi sono quelli approvati in sede assembleare a maggioranza (maggioranza da calcolarsi secondo il disposto dell'art. 1136 del c.c.). In questo stesso ambito è stata proposta la distinzione tra le clausole con contenuto tipicamente regolamentare (che disciplinano, ad es., la modalità d'uso delle cose comuni), le quali possono essere approvate a maggioranza, e comunque, anche se approvate all'unanimità, possono essere derogate con apposita modifica del regolamento approvato con maggioranza; e clausole contrattuali che invece - incidendo sui diritti soggettivi individuali - debbono essere approvate all'unanimità a pena di inefficacia e non possono essere modificate senza il consenso di tutti gli interessati.


Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza

Testi per approfondire questo articolo

  • Trattario di diritto civile. Comunione e condominio

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: aprile 2014
    Prezzo: 124,00 -10% 111,60 €

    Il "Trattario": un nuovo modello editoriale per valorizzare al meglio le opportunità e per sfuggire agli inconvenienti che sono propri dei due generi più diffusi nella tradizione letteraria del diritto privato, il Trattato e il Commentario. Ogni capitolo dell'opera si apre con rubriche (Inquadramento, Novità, Applicazioni, Profili processuali, Quesiti e soluzioni) che semplificano punto per punto l'approccio al testo, a beneficio del lettore. Segue il Commento di... (continua)

  • La prelazione nelle comunioni

    Data di pubblicazione: settembre 2010
    Prezzo: 36 €

    La rilettura in chiave promozionale della prelazione ereditaria conduce a superare antiche contrapposizioni alle quali l’istituto è rimasto ancorato in nome di una assoluta quanto astratta libertà di disposizione che non trova riscontro nei principi del sistema vigente. La prelazione non si contrappone all’autonomia negoziale ma la valorizza orientandola alla massima attuazione della solidarietà costituzionale, secondo la vocazione sociale connaturata alla... (continua)

  • Il procedimento di divisione a domanda congiunta

    Editore: Giuffrè
    Collana: Officina. Civile e processo
    Pagine: 78
    Data di pubblicazione: aprile 2014
    Prezzo: 18,00 -10% 16,20 €

    Tra gli argomenti trattati: Presupposti per la proposizione del ricorso ex art. 791-bis c.p.c. Soggetti delegabili per l'espletamento delle operazioni di divisione. Rapporti fra mediazione obbligatoria e controversie divisorie. Opposizione alla vendita e/o al progetto di divisione. Adempimenti successivi all'approvazione del progetto di divisione.

    (continua)
  • L' oggetto del giudizio di divisione

    Autore: Di Cola Livia
    Editore: Aracne
    Pagine: 472
    Data di pubblicazione: dicembre 2005
    Prezzo: 19 €
    Questi i temi trattati nel presente volume: la situazione giuridica sostanziale antecedente alla domanda di divisione; la natura della divisione; la natura del giudizio di divisione; la natura dei provvedimenti emessi nel corso del procedimento di divisione e i rimedi esperibili contro di essi. (continua)