Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto civile - -

Il mutuo si perfeziona anche se parte della somma viene versata in un deposito cauzionale

Il mutuo si perfeziona anche se parte della somma viene versata in un deposito cauzionale
Per il perfezionamento del mutuo non è necessaria la materiale consegna del denaro, bastando il conseguimento della sua disponibilità giuridica.
La Cassazione, con l’ordinanza n. 19654 del 22 luglio 2019, si è occupata del caso di una banca la quale aveva proposto un’opposizione allo stato passivo, rigettata dal Tribunale, verso il provvedimento del giudice delegato a un fallimento poiché lo stesso non aveva consentito l’insinuazione al passivo del fallimento del credito relativo al mancato rimborso di un finanziamento concesso dalla banca alla società poi fallita.
La banca e la società mutuataria, infatti, avevano pattuito il deposito della somma mutuata presso la banca mutuante fino all'iscrizione dell'ipoteca. Tuttavia, a parere del tribunale, non era stata fornita alcuna prova della effettiva erogazione effettuata successivamente all'iscrizione ipotecaria.
A tal riguardo, la Cassazione ha affermato che il mutuo non si perfeziona solamente se il denaro oggetto del mutuo viene materialmente consegnato al mutuatario.
Tale denaro, infatti, entra ugualmente nella “disponibilità giuridica” del mutuatario stesso anche quando viene depositato presso la stessa banca mutuante come garanzia dell'adempimento degli obblighi connessi al contratto.
Costituisce consolidato orientamento della giurisprudenza, affermano gli ermellini, quello secondo il quale ai fini del perfezionamento del contratto di mutuo, anche se parte delle somme sia versata dalla banca su un deposito cauzionale infruttifero, l'uscita del denaro dal patrimonio dell'istituto di credito mutuante e l'acquisizione dello stesso al patrimonio del mutuatario, costituisce effettiva erogazione dei fondi. Tale deposito verrà poi svincolato, in un secondo momento, allorquando gli obblighi contrattuali vengano adempiuti.
Si legge infatti nella motivazione della sentenza che “la consegna idonea a perfezionare il contratto reale di mutuo non va intesa nei soli termini di materiale e fisica traditio del danaro (o di altre cose fungibili) rivelandosi, invero, sufficiente il conseguimento della sua disponibilità giuridica da parte del mutuatario, ricavabile anche dall’integrazione di quel contratto con il separato atto di quietanza a saldo”.
Inoltre, nel caso di specie, è vero che la banca aveva versato parte della somma su un deposito cauzionale infruttifero; tuttavia, l’istituto di credito aveva contestualmente offerto la prova di aver erogato la somma mutuata attraverso la quietanza e la produzione di un paio di assegni circolari.
La quietanza, come noto, pur non essendo vincolante sotto il profilo della confessione, costituisce un “elemento liberamente valutabile da parte del giudice, unitamente agli altri documenti acquisiti, quali i due assegni emessi dalla banca”.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.


Notizie Correlate