Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Contratti - -

Infortunio a scuola: possibile l’azione diretta dei genitori dello studente nei confronti dell’assicurazione

Infortunio a scuola: possibile l’azione diretta dei genitori dello studente nei confronti dell’assicurazione
L’assicurazione dell’istituto scolastico può ritenersi stipulata per conto altrui facendo riferimento all’interpretazione letterale del contratto.
La vicenda ha preso avvio dalla domanda di risarcimento proposta da due genitori nei confronti della compagnia assicuratrice della scuola elementare frequentata dal figlio minore, dove quest’ultimo aveva riportato lesioni personali durante l’orario scolastico.
La domanda veniva accolta in primo grado e la compagnia assicuratrice veniva condannata al risarcimento del danno.
La società di assicurazione ha così impugnato la sentenza dinanzi alla Corte d’appello di Salerno, che ha accolto l’appello, osservando che dagli atti emergeva che, essendo il soggetto assicurato l’istituto scolastico, il danneggiato non poteva agire direttamente contro l’assicuratore, ma solo contro il soggetto responsabile del fatto dannoso, il quale poteva, a sua volta, chiamare l’assicurazione in garanzia. Secondo i giudici, infatti, non era configurabile un contratto a favore di terzo.
I genitori hanno quindi proposto ricorso in Cassazione, evidenziando che la stessa polizza assicurativa qualificava espressamente come "assicurato" lo studente danneggiato, e mai, nemmeno una volta, il termine veniva riferito all'istituto scolastico.
Il dato letterale, secondo la parte ricorrente, deve rivestire un ruolo fondamentale nell'interpretazione della volontà dei contraenti, ai sensi degli artt. 1362 c.c. e seguenti, e portare quindi, nel caso in esame, a ritenere l’assicurazione come stipulata per conto altrui, senza che debba ritenersi necessaria un’ulteriore specificazione in tal senso all’interno del contratto.
È opportuno ricordare che, in tema di interpretazione del contratto, il principale strumento di cui avvalersi nella ricerca della comune volontà delle parti è costituito proprio dal senso letterale delle parole e delle espressioni utilizzate; il rilievo da attribuire a questi elementi dovrà poi essere ponderato alla luce del complessivo contesto in cui il contratto si colloca.
La Corte di Cassazione si è espressa con l’ordinanza 7062/2020, rilevando che, in secondo grado, i giudici non si erano attenuti ai citati canoni ermeneutici, ma si erano piuttosto limitati ad una generica valutazione di quanto emergente dagli atti, senza, oltretutto, dare conto di quale criterio ermeneutico avessero perseguito. Infatti le clausole della polizza, che espressamente qualificavano come “soggetto assicurato” lo studente danneggiato, non sono state sottoposte ad alcun procedimento interpretativo.
Alla luce di queste osservazioni, la Suprema Corte ha stabilito che, poiché nell’interpretazione del contratto è fondamentale, in primo luogo, fare riferimento alla sua interpretazione letterale, si può ritenere che, nel caso concreto, l’assicurazione fosse stipulata per conto altrui, e che quindi fosse possibile per lo stesso studente danneggiato azionarla direttamente.
Per questi motivi la Suprema Corte ha cassato la precedente sentenza, rinviando il giudizio ai giudici di merito, i quali dovranno attenersi al principio di diritto enunciato.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate