Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Famiglia - -

Affido dei minori: i nonni devono essere preferiti

Affido dei minori: i nonni devono essere preferiti
Nei casi di affido, la Cassazione ha sottolineato l'importanza di dare la preferenza ai nonni rispetto a soggetti estranei al nucleo familiare.
La misura dell’affido temporaneo è disciplinata dall’articolo 333 c.c. e consiste in un provvedimento che viene adottato nell’interesse del minore al fine di metterlo al riparo da una condotta pregiudizievole dei genitori, senza però dar luogo alla pronuncia di decadenza dalla responsabilità genitoriale.
Il codice, infatti, prevede che: “Quando la condotta di uno o di entrambi i genitori non è tale da dare luogo alla pronuncia di decadenza prevista dall'articolo 330, ma appare comunque pregiudizievole al figlio, il giudice, secondo le circostanze, può adottare i provvedimenti convenienti e può anche disporre l'allontanamento di lui dalla residenza familiare ovvero l'allontanamento del genitore o convivente che maltratta o abusa del minore” e che tali provvedimenti sono revocabili in qualsiasi momento.
La questione riguardava un caso portato dinanzi al Tribunale per i minorenni di Venezia, il quale era stato chiamato a decidere sull’affido temporaneo di tre fratelli ed aveva disposto d’ufficio il collocamento dei minori in un ambiente protetto esterno alla famiglia.
Alla luce di tale decisione, il padre e i nonni paterni avevano presentato reclamo alla Corte d’appello, che ha confermato quanto stabilito in primo grado. Sia i genitori che i nonni paterni risultavano, infatti, inadatti a prendersi cura dei giovani: il padre a causa delle violenze nei confronti della madre, delle percosse ai figli e del fatto che gli era impossibile occuparsi materialmente di loro a causa del lavoro svolto; i nonni a causa della loro età avanzata e del fatto che il nonno aveva già posto in essere nei confronti di un nipote metodi educativi violenti.
Il padre e i nonni avevano perciò presentato ricorso in Cassazione, la quale ha recentemente deciso con la sentenza 28257/2019.
La Corte ha sottolineato che, nel valutare quali potrebbero essere i soggetti più idonei a prendersi cura del minore in caso di affido temporaneo, vanno per prima cosa valorizzate le altre figure all'interno del nucleo familiare, tra le quali figurano proprio i nonni. Particolare importanza, infatti, deve essere data al loro possibile contributo al mantenimento dei rapporti dei minori con la famiglia d’origine.
Nella sentenza, i giudici hanno ribadito la funzione tipica di questo istituto, ossia quella di aiuto al minore nei casi in cui, per vari motivi, i genitori non siano in grado di adempiere temporaneamente al loro obbligo educativo e di mantenimento.
Tale istituto è stato dalla Corte definito come un intervento “ponte”, strumentale a tutelare il diritto del minore a crescere nella propria famiglia e avente lo scopo di eliminare temporanee situazioni di difficoltà e di disagio all'interno del nucleo familiare.
Proprio per evitare al minore dei traumi derivanti dall’allontanamento dalla propria famiglia d’origine, è preferibile, se possibile, che l’affido venga disposto nei confronti di altri membri del nucleo familiare.
Per queste ragioni, la Suprema Corte cassa il decreto, rinviandolo alla Corte d’appello.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.


Notizie Correlate