Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Procedura penale - -

La messa alla prova pu˛ essere chiesta anche nel corso del dibattimento, se viene modificata l'imputazione

La messa alla prova pu˛ essere chiesta anche nel corso del dibattimento, se viene modificata l'imputazione
Illegittimo l'art. 516 c.p.p. nella parte in cui non consente all’imputato di chiedere nel corso del dibattimento la sospensione del procedimento con messa alla prova.
Il tribunale di Grosseto aveva sollevato questione di legittimità costituzionale nell’ambito di un procedimento in cui il p.m., nel corso dell’istruttoria dibattimentale, inizialmente aveva contestato il reato di ricettazione, ma poi aveva modificato l’imputazione, contestando il reato di furto in abitazione.
A seguito di questa riqualificazione, l’imputato aveva chiesto la sospensione del procedimento con messa alla prova; infatti, benché avesse potuto formulare questa istanza anche con riferimento all’originaria imputazione per ricettazione ex art. 648 c.p., egli non lo aveva fatto, avendo valutato che, in quel caso, sarebbe stato possibile richiedere la sospensione dell’ordine di esecuzione della pena, cosa che invece non avrebbe potuto fare nel caso di condanna per furto in abitazione, ai sensi dell’art. 656, comma 9, lettera a), c.p.p.
Essendo possibile, in caso di reato di furto in abitazione, richiedere il rito alternativo della messa alla prova, nel caso di specie tale richiesta avrebbe dovuto essere dichiarata inammissibile, in quanto era stata proposta oltre il termine di apertura del dibattimento.
Proprio per questo, il tribunale aveva sollevato la questione dinanzi alla Corte Costituzionale, che, con la sentenza n. 14/2020, l’ha ritenuta fondata. Recentemente, la Corte si era già trovata a decidere su una questione simile, dichiarando l’illegittimità costituzionale dell’art. 517 c.p.p., nella parte in cui, a seguito di una nuova contestazione di una circostanza aggravante nel corso del dibattimento, non prevedeva la facoltà dell’imputato di richiedere al giudice la sospensione del procedimento con messa alla prova (Corte Cost., sent. n. 141/2018).
Secondo la Corte, questo principio va seguito in ogni ipotesi di mutamento dell'accusa, in quanto, contrariamente, si violerebbe il principio di uguaglianza di cui all’art. 3 Cost., nonché il diritto di difesa di cui all’art. 24 Cost., dal momento che la scelta del rito premiale è una delle più evidenti modalità di esplicazione di tale diritto.
Perciò, ha sostenuto la Consulta, la richiesta di riti alternativi da parte dell’imputato deve sempre poter essere formulata quando, nel corso dell’istruttoria dibattimentale, emergano un fatto diverso, un reato connesso, o una circostanza aggravante non previamente contestati all’imputato.
In caso contrario, si avrebbe non solo la violazione del diritto di difesa, ma anche del principio di uguaglianza, dal momento che l'imputato, ai fini dell’accesso ai procedimenti speciali, si vedrebbe irragionevolmente discriminato in base alla maggiore o minore correttezza o completezza della valutazione operata dal pubblico ministero.
Alla luce di tali considerazioni, e tenuto presente che la messa alla prova è un procedimento speciale idoneo a dar luogo all'estinzione del reato, la Corte ha dichiarato illegittimo l'art. 516 c.p.p. nella parte in cui, a seguito della modifica dell’originaria imputazione nel corso del dibattimento, non prevede la facoltà dell’imputato di richiedere al giudice la sospensione del procedimento con messa alla prova.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate