Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto civile - -

Appalto e violazione del termine di conclusione dei lavori: la clausola penale può essere ridotta in presenza di rilevanti variazioni del progetto

Appalto e violazione del termine di conclusione dei lavori: la clausola penale può essere ridotta in presenza di rilevanti variazioni del progetto
Lo strumento equitativo della riduzione della clausola penale può essere utilizzato dal giudice nel caso in cui il ritardo nell’esecuzione non sia attribuibile all’appaltatore.
Il caso che ha occupato la Corte di Cassazione, che si è pronunciata con ordinanza n. 21515 del 20 agosto 2019, riguarda il caso di una clausola penale inserita, per il solo ritardo, in un contratto di appalto. In particolare, la Corte d’appello aveva ritenuto irrogabile la clausola penale soltanto per il ritardo eccedente i cinque mesi rispetto all’iniziale scadenza pattuita.
Come noto, l’art. art. 1382 del c.c. prevede la possibilità per le parti di inserire nel regolamento contrattuale una clausola penale che liquidi preventivamente l’ammontare del danno subito, senza necessità di provare il pregiudizio, per i casi di ritardo o di inadempimento della prestazione.
Tale clausola, inoltre, può essere equitativamente ridotta dal giudice allorché essa risulti “manifestamente eccessiva” con riguardo “all’interesse che il creditore aveva all’adempimento”.
Nel contratto di appalto di cui si tratta, le parti avevano appunto stipulato una clausola penale per il caso di adempimento tardivo della prestazione.
Tuttavia, nel corso dei lavori, è emerso come il committente abbia apportato diverse modifiche e variazioni rispetto a quello che costituiva il progetto iniziale, dilazionando inevitabilmente l’esecuzione della prestazione.
I giudici hanno affermato, a tal proposito, che è consolidato in giurisprudenza l’orientamento per cui allorquando il committente abbia chiesto all’appaltatore “notevoli ed importanti variazioni nel progetto” vengono meno sia il termine inizialmente stabilito, che la penale pattuita per il ritardo, “per effetto del mutamento dell’originario piano dei lavori”.
Affinché la penale continui a conservare efficacia, affermano i giudici, è necessario che le parti fissino d’accordo un nuovo termine di adempimento.
Aggiunge ancora la Cassazione che, nel caso specifico, corretto è stato il ricorso del giudice allo strumento di cui all’art. art. 1384 del c.c., ovvero la riduzione della clausola penale, poiché l’utilizzo dello strumento equitativo si rendeva indispensabile per operare un “congruo contemperamento degli interessi contrapposti”.
L’apprezzamento sull’eccessività dell’importo della penale, poi, rientra nella discrezionalità del giudice, il quale lo stabilisce secondo un suo prudente apprezzamento, basato sulle risultanze probatorie e su una "selezione delle fonti di convincimento", e non più censurabile in sede di legittimità.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.


Notizie Correlate