Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Famiglia - -

Alimenti negati alla moglie depressa se questa è comunque in possesso di una capacità generica di lavorare

Alimenti negati alla moglie depressa se questa è comunque in possesso di una capacità generica di lavorare
La Cassazione ha negato la possibilità di concedere gli alimenti ad una moglie afflitta da depressione se questa sarebbe comunque in grado di svolgere un'occupazione anche solo meramente esecutiva.
La vicenda riguardava una moglie alla quale, in primo grado, era stato riconosciuto un assegno di mantenimento provvisorio, negato però in sede di appello, nonostante la donna avesse prodotto in giudizio la certificazione medica che le attribuiva una sindrome ansioso-depressiva con disturbo di personalità.
La donna ha così proposto ricorso in Cassazione, la quale si è pronunciata con l'ordinanza n. 770/2019, respingendo il ricorso.
Le motivazioni addotte in questa sede dalla Corte hanno fatto riferimento all'accertamento o meno della sussistenza di una capacità lavorativa della richiedente, distinguendo tra quella specifica e quella generica, ed all’onere probatorio in capo a questa.
Come avevano già precedentemente osservato i giudici d’appello, anche la Cassazione ha escluso che nel caso in esame fosse sussistente quello stato di bisogno richiesto dall'articolo 438 del codice civile per la concessione dell’assegno provvisorio ex art. 446, in quanto la moglie aveva la capacità di poter svolgere un lavoro anche meramente esecutivo (come ad esempio le pulizie domestiche), cioè una capacità lavorativa generica.
Dunque, se la malattia non è idonea a compromettere completamente la capacità lavorativa del richiedente, gli alimenti vanno negati: per escludere lo stato di bisogno, secondo i giudici, basterebbe la capacità generica di lavorare.
Per ottenere l’assegno provvisorio richiesto, la donna dovrebbe essere in grado di dimostrare di non essere riuscita a trovare o a mantenere un'occupazione, anche solo di tipo meramente esecutivo, a causa della patologia diagnosticata.
Nella stessa sede, la Corte ha sottolineato che l'onere probatorio deve essere assolto dal richiedente l’assegno. Nel caso in esame, la prova dell’insussistenza di una capacità lavorativa anche solo generica non era stata raggiunta a causa della presentazione del certificato medico fuori dal termine.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate