Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto penale - -

Maestra picchia gli alunni

Maestra picchia gli alunni
Condannata la maestra che aveva schiaffeggiato e strattonato per i capelli il minore.
Un tempo, le “bacchettate” sulle mani da parte degli insegnanti erano all’ordine del giorno nelle scuole… Picchiare gli alunni era un metodo educativo/correttivo accettato.

Ma oggi, se un’insegnante dà una sberla ad un suo alunno, rischia l’imputazione per un qualche tipo di reato?

La Corte di Cassazione penale, con la sentenza n. 31642 del 21 luglio 2016, si è occupata proprio di questa questione, fornendo alcune interessanti precisazioni sul punto.

Nel caso esaminato dalla Cassazione, la Corte d’Appello aveva confermato la sentenza di primo grado, con la quale il Tribunale aveva dichiarato un’insegnante colpevole del reato di “lesioni personali” (art. 582 codice penale) e “abuso dei mezzi di correzione” (art. 571 codice penale), in danno di un minore, condannandola al risarcimento dei danni in favore dei genitori.

Ritenendo la sentenza ingiusta, l’insegnante proponeva ricorso per Cassazione, deducendo la carenza e illogicità della motivazione della sentenza, non sussistendo la prova della responsabilità penale dell’insegnante.

In particolare, secondo la medesima, nessuno aveva mai riferito dicomportamenti violenti della ricorrente nei confronti degli alunni, laddove le dichiarazioni accusatorie del bidello A.M. sono frutto di invenzione volta a giustificare la fuga del ragazzo dalla scuola e il certificato medico non costituisce prova del fatto in quanto non dimostra che le lesioni siano state causate
dall’insegnante”.

La Corte di Cassazione, tuttavia, non riteneva di poter accogliere le rimostranze della ricorrente, dichiarando il ricorso inammissibile.

Secondo la Cassazione, la Corte d’Appello avrebbe dato rilievo, in sentenza, non solo del racconto della vittima (che aveva riferito di aver subito uno schiaffo e di essere stato strattonato per i capelli dall’imputata) ma anche ad altri elementi probatori, come la testimonianza del bidello (il quale aveva confermato che l’insegnante aveva dato “al bambino in lacrime due scappellotti sulla nuca”) e il certificato medico dello stesso giorno dei fatti, “in cui si descrivono lesioni pienamente compatibili con il racconto del bambino”.

Di conseguenza, la Corte d’Appello risultava essersi pronunciata con una sentenza corredata di motivazione coerente con i risultati probatori e priva di vizi logici.

Pertanto, la Cassazione dichiarava l’inamissibilità del ricorso, con condanna della ricorrente al pagamento delle spese processuali e di un ammenda pari a Euro 1.000.


Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.


Notizie Correlate