Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Famiglia - -

Collocazione del figlio e conseguenze sull'assegno di mantenimento

Collocazione del figlio e conseguenze sull'assegno di mantenimento
Spetta ancora l'assegno di mantenimento se il figlio viene successivamente collocato presso il coniuge obbligato?
Il caso da cui trae origine la recente sentenza della Cassazione n. 17689 del 2 luglio 2019, è quello di un padre a carico del quale veniva previsto l'obbligo di versare un assegno di mantenimento all'ex moglie, in virtù dell'affidamento presso di lei del loro figlio minorenne.
In un secondo momento, il Tribunale per i minorenni rivedeva la sua valutazione iniziale e decideva di collocare il minore presso il padre, che per tale motivo aveva cessato di versare il predetto assegno di mantenimento.
L'ex coniuge si attivava al fine di vedersi corrispondere comunque le somme arretrate.
A quel punto, il padre resisteva opponendosi al precetto emesso dalla moglie.

Il problema giuridico che viene in rilievo è quello di comprendere se la diversa collocazione del figlio minore faccia venire meno, oppure no, e in automatico, l'obbligo per il coniuge di versare l'assegno di mantenimento inizialmente stabilito.

Questa questione ha visto esprimersi sia i giudici di legittimità che quelli di merito. Questi ultimi hanno sostenuto che le eventuali modifiche della collocazione previste dal Tribunale dei minorenni non incidono in alcun modo sulle disposizioni patrimoniali stabilite dalla sentenza di divorzio.

La Cassazione, collocandosi su un medesimo filone interpretativo, afferma innanzitutto come il titolo esecutivo, nell'ambito dei procedimenti in materia di famiglia, viene definito non a caso rebus sic stantibus, per sottolineare la sua precarietà ed eventuale modificabilità nel tempo, al mutare delle circostanze.
La rilevanza modificativa degli eventuali fattori sopravvenuti, tuttavia, deve essere espressamente accertata da un giudice specializzato e nell'ambito di un procedimento ad hoc.
La valutazione dei molteplici fattori sopravvenuti, idonei a mutare l'assetto delle condizioni patrimoniali stabilito in sede di divorzio, deve essere complessiva e comprensiva di vari elementi significativi.
La diversa collocazione del figlio è sicuramente un importante fattore da tenere in considerazione ai fini della modifica delle statuizioni di carattere patrimoniale. Tuttavia, le decisioni in merito all'assegno di mantenimento per il figlio e quelle in punto di collocazione, seppur collegate, rimangono collocate su due piani indipendenti.

Questo comporta come conseguenza che l'eventuale mutamento della collocazione del figlio, non incide automaticamente sulla spettanza al coniuge originariamente affidatario del contributo di mantenimento.
Si rende in ogni caso necessario ricorrere ad una procedura speciale di revisione del contributo al mantenimento, costituita dagli specifici procedimenti di modifica delle condizioni di separazione e divorzio disciplinati dagli articoli 710 c.p.c. e 9 della L. 898/1970.
Solo questa è la sede adeguata per la modifica delle statuizioni relative al contributo di mantenimento, e non quella dell'opposizione all'esecuzione.

Nel processo esecutivo, infatti, sono irrilevanti tutti quei fattori sopravvenuti che possono essere fatti valere in altro modo e adeguatamente all'interno dei procedimenti per la modifica delle condizioni di divorzio.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.


Notizie Correlate