Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Condominio - -

Assemblea di condominio rinviata ma i condomini si riuniscono ugualmente: la delibera è annullabile

Assemblea di condominio rinviata ma i condomini si riuniscono ugualmente: la delibera è annullabile
I condomini che non hanno partecipato all'assemblea condominiale, nella convinzione che la stessa fosse stata rinviata, hanno diritto di impugnare la delibera adottata in loro assenza.
Se in un condominio viene annunciato il rinvio di un’assemblea ma questa poi si tiene ugualmente, la relativa delibera può essere impugnata dai condomini che non vi hanno partecipato, in quanto convinti che la riunione fosse stata rinviata?

Il Tribunale di Milano, con la sentenza n. 3517 del 27 marzo 2017, si è occupata proprio di un caso di questo tipo, fornendo alcune interessanti precisazioni sulla questione.

Nello caso esaminato dal Tribunale, in particolare, era stata affissa nella bacheca di un condominio una comunicazione con cui l’amministrazione annunciava il “rinvio a data da destinarsi” dell’assemblea che era stata in precedenza fissata.

Tuttavia, nonostante tale rinvio, alcuni condomini avevano deciso di riunirsi ugualmente in assemblea nella data inizialmente fissata, adottando una specifica delibera.

Di conseguenza, i condomini che non avevano partecipato all’assemblea, in quanto convinti che la stessa fosse stata rinviata, avevano deciso di impugnare la delibera adottata, chiedendo che la stessa venisse annullata.

Il Tribunale riteneva, in effetti, di dover dar ragione ai condomini che avevano impugnato la delibera, accogliendo le relative domande, in quanto fondate.

Osservava il Tribunale, che la delibera in questione doveva essere annullata, a prescindere dal fatto che, nel caso di specie, il rinvio dell’assemblea condominiale non fosse stato comunicato con le stesse modalità previste per la convocazione, come previsto dall’art. 66 delle disposizione attuative al cod. civ.

Secondo il Tribunale, infatti, l’invalidità della delibera doveva essere affermata sulla base di quanto previsto dall’art. 1136, comma 6, cod. civ., ai sensi del quale l’assemblea di condominio non può deliberare se non risulti che tutti i condomini siano stati regolarmente convocati.

Evidenziava il Tribunale, in proposito, che l’applicazione di tale disposizione, comporta necessariamente che debbano considerarsi invalide le delibere alle quali uno o più condomini non siano stati messi nelle condizioni di partecipare.

Secondo il Tribunale, dunque, la delibera impugnata doveva essere annullata, in quanto l’assenza dei condomini che avevano impugnato doveva considerarsi pienamente giustificata, dal momento che era stato loro comunicato (sebbene in modo informale) il rinvio dell’assemblea in questione.

Alla luce di tali considerazioni, il Tribunale di Milano decideva di dichiarare l’invalidità e annullare la delibera oggetto di impugnazione, condannando il condominio anche al pagamento delle spese processuali.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.


Notizie Correlate