Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Contratti - -

Tariffe forensi: prevalgono sulla parcella pattuita da avvocato e cliente?

Tariffe forensi: prevalgono sulla parcella pattuita da avvocato e cliente?
Quando esiste uno specifico accordo fra le parti è precluso al giudice il ricorso agli altri criteri di carattere sussidiario.
La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 18967 del 13 giugno 2022, ha affrontato il tema dei criteri che il giudice di merito deve seguire nella liquidazione giudiziale dei compensi spettanti agli avvocati. In particolare, il Collegio si è posto il problema di chiarire se il giudice debba o meno attenersi alle specifiche pattuizioni sul punto intervenute tra professionista e cliente e dedotte in giudizio, anche qualora il compenso in base ad esse spettante sia di gran lunga più elevato rispetto a quello che si potrebbe liquidare sulla scorta delle tariffe forensi.

Ebbene, la Suprema Corte si è espressa a favore della prevalenza degli accordi specifici raggiunti dai singoli professionisti con i clienti.
Gli Ermellini - in ossequio ad un consolidato orientamento (cfr., sul punto, Cass. n. 29212/2019) - hanno infatti espressamente affermato che l’elencazione, contenuta nel primo comma dell’art. 2233 c.c., dei criteri per la determinazione convenzionale del compenso ha carattere gerarchico.
Secondo la norma citata, quindi, per la definizione del compenso rileveranno, nell’ordine:
  1. la convenzione delle parti;
  2. le tariffe;
  3. gli usi;
  4. la determinazione del giudice.
Pertanto, la Corte conclude che “il criterio preferenziale individuato dal legislatore ai fini della determinazione del compenso del professionista è l’accordo delle parti” e che “il ricorso agli altri criteri di carattere sussidiario è precluso al giudice quando esista uno specifico accordo fra le parti, le cui pattuizioni risultano preminenti su ogni altro criterio”.
È questo riguardo, è però opportuno precisare conclusivamente che – ai sensi del comma terzo dell’art. 2233 c.c. – i patti conclusi tra gli avvocati ed i praticanti abilitati con i loro clienti che stabiliscono i compensi professionali sono nulli se non redatti in forma scritta.

Il caso concretamente giunto all’attenzione della Corte, in particolare, riguardava una controversia avente ad oggetto la liquidazione del compenso di due avvocati per l’attività professionale da questi fornita. In particolare, i legali avevano presentato alla Corte d’appello la domanda di liquidazione basata su una specifica convenzione stipulata con il cliente, producendo appunto in giudizio il contratto di mandato da questo sottoscritto, dal quale emergeva chiaramente il compenso concordato.
La Corte distrettuale, tuttavia, aveva liquidato i compensi sulla base delle tariffe.
Avverso questo provvedimento, pertanto, gli avvocati avevano proposto ricorso, dolendosi – con esclusivo riferimento agli aspetti di diritto qui di rilievo – del mancato esame da parte dei giudici del merito dell’accordo stipulato con il cliente, che aveva acconsentito al pagamento di una parcella ben più corposa di quella liquidata.
Ritenendo il ricorso fondato, la Cassazione ha dunque chiarito i principi sopra riportati.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate