Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Circolazione stradale - -

Reflusso gastrico e alcoltest

Reflusso gastrico e alcoltest
Nel caso di guida in stato di ebbrezza la patologia del reflusso gastroesofageo non salva dalla condanna il conducente colpevole poichè non altera il risultato dell'etilometro.
La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 29638 del 13 luglio 2016, è intervenuta sul sempre tanto discusso argomento della “guida in stato di ebbrezza”, di cui all’art. 186 codice della strada.

Questa volta, nel caso esaminato dalla Cassazione, la Corte d’appello di Bologna aveva confermato la sentenza resa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bologna, la quale aveva dichiarato un automobilista “colpevole del reato di guida in stato di ebbrezza in ora notturna”.

L’imputato, ritenendo la sentenza ingiusta, decideva, dunque, di ricorrere in Cassazione, denunciando la “violazione di legge e vizio di motivazione in punto di giudizio di affermazione di penale responsabilità e in punto di mancata conversione della pena inflitta in lavori di pubblica utilità”.

Secondo l’imputato, inoltre, la Corte d’Appello, avrebbe errato nel non riconoscere “la patologia del reflusso gastroesofaqgeo da lui lamentata”, escludendone “l’influenza sull’esito degli accertamenti svolti mediante etilometro”. Il percorso argomentativo svolto dalla Corte, in particolare, sarebbe stato, nella prospettazione del ricorrente, “contorto ed illogico”.

Per quanto concerne il presunto vizio di motivazione addotto dal ricorrente, la Cassazione riteneva il ricorso infondato.

La Corte, sul punto, osservava che “entrambi i giudici di merito hanno adeguatamente motivato in punto l'irrilevanza della patologia dichiarata”.

In proposito, il giudice, “nel dar atto che dalla documentazione medica prodotta risultava attestata l’ernia iatale dichiarata dall’imputato, ha tuttavia aggiunto che non sussisteva in atti alcun elemento indicativo del fatto che detta patologia aveva influito sull’accertamento (che era stato validamente effettuato)

Da tale documentazione “risultava una patologia tutt’al più idonea a ritardare i processi digestivi o a provocare reflussi gastrici, ma non anche in grado di incidere sulla presenza di alcol a livello ematico (circostanza questa sulla quale si basa, come è noto, l’accertamento con alcoltest, tramite la verifica di espirazione polmonare)”.

Di conseguenza, la Corte d’Appello aveva correttamente ribadito che “l’imputato era stato fermato in orario lontano dai pasti” e che “il reflusso gastroesofageo comporta una maggiore difficoltà e lentezza nella digestione e, quindi, nello smaltimento dell’alcol” e “per effetto di detta maggiore difficoltà e lentezza (…) nella cavità orale e nel tratto esofageo, i gas e i vapori dell’alcol possono permanere più a lungo, ma non possono giungere ad essere alterati”.

Nel giro di qualche minuto, infatti, “la situazione si normalizza come per qualsiasi altro soggetto non portatore della patologia in esame”.

Tale motivazione addotta dalla Corte d’Appello, dunque, ad avviso della Cassazione, era del tutto “esente da vizi logici o giuridici”, essendo, peraltro, insindacabile in sede di giudizio di Cassazione.

Secondo la Cassazione, invece, il ricorso era fondato sotto l’aspetto della mancata conversione della pena nei lavori di pubblica utilità.

Tale richiesta, infatti, era stata presentata in sede di atto di appello e, pertanto, doveva ritenersi tempestiva.

A conferma di ciò, la Cassazione ricorda che l’art. 186 comma 9 del codice della strada, “richiede soltanto la non opposizione” alla richiesta ma non richiede in alcun modo che la richiesta debba essere formulata solo ed esclusivamente nel giudizio di primo grado.

In conclusione, la Cassazione riteneva di dover annullare la sentenza impugnata, ma solo “relativamente alla questione concernente la sostituzione della pena con il lavoro di pubblica utilità”.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.


Notizie Correlate