Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Procedura penale - -

MAE: quando l’autorità giudiziaria può rifiutare la consegna?

MAE: quando l’autorità giudiziaria può rifiutare la consegna?
La Consulta ha rimesso in via pregiudiziale alla CGUE due questioni in materia di Mandato d’arresto europeo e tutela dei diritti fondamentali.
La Corte Costituzionale, con le ordinanze n. 216 e 217 del 18 novembre 2021, ha proposto due distinti rinvii pregiudiziali alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea, ritenendo ad essa spettante la competenza di stabilire in quali casi l’autorità giudiziaria italiana possa rifiutarsi di eseguire un mandato d’arresto europeo.

Nello specifico, l’ordinanza n. 216 riguardava un MAE emesso da un Tribunale croato nei confronti di un cittadino italiano accusato di detenzione e cessione di sostanze stupefacenti e risultato affetto da una patologia psichica cronica.
L’ordinanza n. 217, invece, era relativa ad un MAE emesso per la cattura, finalizzata all’esecuzione di una pena detentiva di cinque anni su suolo romeno, di un soggetto extracomunitario residente in Italia ed ivi stabilmente radicato da dieci anni.

Entrambe le vicende erano risultate problematiche per i giudici di merito in quanto la legge nazionale sul mandato d’arresto europeo non prevede la possibilità per l’autorità giudiziaria italiana di rifiutare la consegna in considerazione delle patologie gravi del soggetto o del suo radicamento nel paese. Per tale ragione, i giudici a quo avevano sospettato l’illegittimità costituzionale della normativa interna, paventando la compressione, rispettivamente, dei diritti fondamentali:
- alla salute, con violazione degli artt. 2 e 32 Cost.;
- alla vita privata e familiare, con violazione degli artt. 2 Cost., 8 Cedu e 7 CDFUE.

Nel proporre il rinvio pregiudiziale, segnatamente, la Consulta ha sottolineato che la decisione quadro 2002/584/GAI, al pari della normativa nazionale in materia, non prevede la possibilità di rifiutare la consegna nelle particolari ipotesi in esame. Già con riferimento ad altre ipotesi non previste dalla citata decisione quadro (come, ad esempio, il caso del sovraffollamento carcerario) la CGUE ha ammesso tuttavia l’ammissibilità del rifiuto alla consegna.
Spetta pertanto alla Corte di giustizia, organo di nomofilachia comunitaria, chiarire se anche nei casi giunti all’attenzione della Consulta sia legittimo il rifiuto di dare esecuzione ad un mandato d’arresto europeo stabilendo gli standard di tutela dei diritti fondamentali, nell’ottica dell’armonizzazione, del primato, dell’unità e dell’effettività del diritto dell’Unione.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate