Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Procedura civile - -

Non possono essere acquisiti tramite CTU i documenti non presentati dalle parti entro i termini

Non possono essere acquisiti tramite CTU i documenti non presentati dalle parti entro i termini
La Cassazione afferma che il consulente tecnico d’ufficio non può sopperire all’inadempimento degli oneri di allegazione e di prova che incombono sulle parti processuali.
Il caso passato sotto il vaglio della Cassazione riguardava una consulenza tecnica volta a stabilire se il decesso di un paziente all’interno di una struttura sanitaria fosse o meno addebitabile ad un errore da parte dei professionisti sanitari che ivi avevano in cura il paziente.
L’accertamento tecnico nel processo civile costituisce un importante mezzo istruttorio attraverso il quale il giudice può acquisire determinate informazioni specialistiche che altrimenti non potrebbe conoscere, in quanto non facenti parte del suo bagaglio culturale.
In casi come quello in esame, senza l’ausilio di una consulenza tecnica da parte di un esperto il giudice non sarebbe in grado di verificare se i sanitari abbiano davvero commesso negligenze professionali e quali ne siano le conseguenze in termini di danni risarcibili.
Tuttavia, talvolta la prassi processuale porta ad ampliare il perimetro dell’indagine del consulente tecnico, tentando di sopperire ad eventuali carenze probatorie delle parti: come nel caso in esame, in cui il consulente, nel corso della sua indagine, aveva acquisito dei documenti che, non essendo stati prodotti dalle parti entro i termini processuali, risultavano conseguentemente assunti anche in assenza di contraddittorio.
La parte danneggiata lamentava infatti l’introduzione tramite CTU all’interno del processo di una cartella clinica che la parte convenuta non aveva prodotto sin dall’inizio e che però, nel caso specifico, era stata ritenuta fondamentale dal giudice per respingere la domanda di risarcimento contro l’ospedale.
La Cassazione, con la sentenza 31886/2019, ha accolto il ricorso, affermando che l’indagine del consulente tecnico può essere svolta solo sui fatti e sui documenti che le parti hanno allegato e depositato entro i termini previsti dal codice di procedura civile, mentre gli è preclusa ogni attività tesa ad acquisire di sua iniziativa le prove dei fatti costitutivi della domanda o dell’eccezione non precedentemente allegate dalle parti. Queste regole, secondo la Corte, non sono derogabili né per ordine del giudice, né per acquiescenza delle parti.
Oltretutto, la Corte afferma che l’introduzione di questi elementi da parte del consulente tecnico determina addirittura la nullità della stessa consulenza e, di conseguenza, anche della decisione finale: tale nullità è assoluta e sempre rilevabile, anche d’ufficio, fino al passaggio in giudicato della sentenza.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate