Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Famiglia - -

La figlia avvocato, anche se trentenne, ha diritto all’assegno di mantenimento se non è in grado di mantenersi autonomamente

La figlia avvocato, anche se trentenne, ha diritto all’assegno di mantenimento se non è in grado di mantenersi autonomamente
L’autosufficienza economica va valutata a prescindere da qualunque automatismo legato all’età del soggetto o alla professione svolta.
La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 19135 depositata il 17 luglio 2019, si è occupata del caso di un padre che aveva fatto ricorso per veder revocare l’assegno di mantenimento nei confronti della figlia trentenne, che aveva completato il suo percorso di studi e aveva cominciato a svolgere la professione di avvocato.
Tuttavia, affermano i giudici, il fatto che la figlia abbia intrapreso da poco una professione, non consente di ritenere che la stessa abbia raggiunto l’”autosufficienza economica”, unico presupposto di fatto idoneo a consentire la revoca dell’assegno di mantenimento.
L'art. 315 bis del c.c., infatti, prevede che "il figlio ha diritto di essere mantenuto, educato, istruito e assistito moralmente dai genitori nel rispetto delle sue capacità, delle sue inclinazioni naturali e delle sue aspirazioni". Tale obbligo del genitore di concorrere al mantenimento non cessa automaticamente con il raggiungimento della maggiore età.
Nella motivazione della sentenza si legge che, tra i vari presupposti suscettibili di configurare l’autosufficienza economica, sicuramente rientra, oltre alla professione esercitata, anche l’età.
Tuttavia, non è possibile operare alcun tipo di automatismo tra il raggiungimento di una certa età e la possibilità di mantenersi autonomamente. È necessario, viceversa, compiere un’indagine caso per caso, analizzando tutta una serie di elementi che insieme concorrono a delineare la situazione complessiva del beneficiario dell’assegno.
Tra questi criteri rientra, a titolo di esempio, oltre all’età, il livello di competenza professionale raggiunto, la propensione e l’impegno profuso nell’attività lavorativa esercitata e il comportamento generalmente e complessivamente tenuto dalla figlia in ordine alle proprie responsabilità lavorative.
Pur non potendo l’obbligo del genitore protrarsi oltre limiti di tempo che appaiano giustificati e ragionevoli, il diritto del figlio al mantenimento può essere motivato anche dalla particolare lunghezza del suo percorso di studi, nel rispetto quindi delle sue attitudini e compatibilmente con le possibilità economiche della famiglia.

Per questi motivi, la Corte di Cassazione ha respinto il ricorso dell'uomo, affermando la perdurante esigenza della figlia a percepire tale assegno, fino a quando la stessa non avrà raggiunto una discreta autonomia economica che le permetterà di emanciparsi definitivamente dalla famiglia d'origine.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.


Notizie Correlate