Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Fisco - -

Se il debito tributario è prescritto, le spese del relativo giudizio sono a carico del fisco

Se il debito tributario è prescritto, le spese del relativo giudizio sono a carico del fisco
Le spese del giudizio proposto da un contribuente contro una cartella esattoriale relativa ad un debito tributario prescritto sono a carico dell'Amministrazione finanziaria, a meno che non sussistano gravi ed eccezionali ragioni, espressamente motivate, che permettono la compensazione.
La Sesta Sezione Civile della Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 8272/2020, si è pronunciata in merito all’ipotesi in cui l’Agenzia delle Entrate notifichi ad un contribuente una cartella esattoriale relativa a dei tributi prescritti, chiedendosi, in particolare, se le spese del relativo giudizio, proposto dal contribuente, debbano o meno essere poste a carico dell’Ente di riscossione.

La questione sottoposta al vaglio degli Ermellini nasceva dal ricorso proposto da un contribuente, dinanzi alla Commissione Tributaria Provinciale, contro la cartella esattoriale notificatagli dall’Agenzia delle Entrate per il pagamento di due annualità della tassa automobilistica. Il ricorso veniva rigettato con riferimento ad una delle due annualità e, rispetto all’altra, veniva dichiarata la cessazione della materia del contendere.
La pronuncia di primo grado veniva, dunque, impugnata di fronte alla Commissione Tributaria Regionale, la quale accoglieva l’appello alla luce dell’intervenuta prescrizione del debito tributario, disponendo, tuttavia, la compensazione delle spese, trattandosi, a suo avviso, di questioni controvertibili.

Avverso la sentenza d’appello, il contribuente proponeva ricorso dinanzi alla Corte di Cassazione, eccependo la violazione degli articoli 15 e 36 del Codice del processo tributario, dell’art. 92 del c.p.c., del comma 2 dell’art. 118 delle disp. att. c.p.c. e dell’art. 111 Cost. Secondo il ricorrente, infatti, la Commissione Tributaria Regionale, pur avendo accolto integralmente l’appello, giudicando fondati i motivi di doglianza da lui stesso presentati, in relazione all’avvenuta prescrizione del proprio debito con il fisco, aveva disposto la compensazione delle spese del giudizio in maniera del tutto arbitraria ed ingiustificata.

La Suprema Corte ha accolto il ricorso, ritenendo fondato il motivo di doglianza.

Gli Ermellini hanno rilevato come l’art. 15 del codice proc. tributario, nella versione modificata dal d.lgs. n. 156/2015, applicabile ratione temporis al caso di specie, preveda, al comma 2, che le spese di giudizio possano essere compensate “qualora sussistano gravi ed eccezionali ragioni che devono essere espressamente motivate”.

Tali “gravi ed eccezionali ragioni”, secondo il consolidato orientamento giurisprudenziale, devono essere indicate espressamente nella motivazione e devono, altresì, riguardare specifiche circostanze o aspetti della controversia decisa, non potendo essere espresse con una formula generica inidonea a consentire il necessario controllo, quale l’espressione “questioni controvertibili” utilizzata dai giudici di secondo grado in relazione al caso de quo (cfr. Cass. Civ., n. 22310/2017; Cass. Civ., n. 14411/2016; Cass. Civ., n. 11217/2016).

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate