Brocardi.it - L'avvocato in un click! REDAZIONE

Bonus lavoratori dipendenti 2024, mutuo e affitto a carico del datore di lavoro: ecco le novitÓ della Legge di Bilancio

Bonus lavoratori dipendenti 2024, mutuo e affitto a carico del datore di lavoro: ecco le novitÓ della Legge di Bilancio
Con la Manovra 2024 il datore di lavoro potrà retribuire i propri dipendenti esentasse, pagando le spese da loro sostenute per il mutuo o la locazione della prima casa. Vediamo nel dettaglio i cosiddetti "fringe benefits", le soglie e i dettagli per il 2024
I “fringe benefits” (alla lettera “retribuzione indiretta”) consistono in una retribuzione in natura conferita su base volontaria dal datore di lavoro al lavoratore.
La retribuzione in natura è ammessa dalla legge grazie al terzo comma dell’art. 2099 del c.c., che consente al lavoratore di ricevere – come corrispettivo per il lavoro prestato – delle “prestazioni in natura”, ossia beni o servizi.

Alcuni “fringe benefits” sono ad esempio la fornitura ai dipendenti di dispositivi elettronici (pc o smartphone), oppure anche la messa a disposizione di appartamenti o alloggi o, ancora, la possibilità per il dipendente di fruire di una vantaggiosa polizza assicurativa.
Tale forma di retribuzione risulta essere sempre più apprezzata, poiché arreca una serie di vantaggi sia al datore di lavoro che al lavoratore.
In primis, il datore di lavoro può decidere di corrispondere una prestazione in natura ad un proprio lavoratore semplicemente basandosi sulla propria volontà: questo tipo di retribuzione non è previsto dal CCNL e non deve necessariamente essere rivolto alla totalità dei dipendenti, potendo essere conferito solo ad uno o ad alcuni di essi. Sempre per il datore di lavoro, questi importi sono totalmente deducibili dal reddito d’impresa, sì come previsto dal primo comma dell’art. 95 del T.U.I.R..

Inoltre, quando l’importo del beneficio resta contenuto nei limiti definiti dalla legge, non concorre alla formazione del reddito da lavoro dipendente e, dunque, non è assoggettabile all’IRPEF e non grava sul calcolo delle ritenute previdenziali. Infatti, il comma 3 dell’art. 51 del T.U.I.R., ossia il Testo Unico delle Imposte sui Redditi, fissa tale limite in 258,23 euro ("lire 500.000").

La legge n. 213/2023, altrimenti nota come Legge di Bilancio 2024, introduce come prima novità, valida per il solo anno in corso, l’innalzamento della soglia entro cui tali benefits non concorrono alla formazione del reddito: sono ora 2000 euro per i lavoratori con figli a carico e 1000 euro per i lavoratori senza figli, a fronte dei 3000 euro per i dipendenti con figli a carico e 258,23 euro per i lavoratori senza figli, previsti invece per il 2023.
Altra essenziale novità, introdotta dalla Manovra 2024, è quella che vede rientrare tra i fringe benefits, per la prima volta, anche le spese per il pagamento del canone di locazione della propria casa, ovvero per gli interessi sul mutuo relativo alla prima casa.

A beneficiare della soglia di esenzione fiscale potrà essere ciascun genitore in qualità di lavoratore dipendente, anche nei casi in cui vi sia un unico figlio, purché quest’ultimo sia fiscalmente a carico di uno di loro o di entrambi: a chiarire tale punto è stata l’Agenzia delle Entrate, con una circolare emanata nel corso del 2023. Ciò significa che, anche nel caso in cui un figlio sia al 100% a carico di uno dei due genitori, entrambi potranno beneficiare dell’esenzione fino a 2.000 euro, se entrambi sono lavoratori dipendenti. Chiaramente, potranno beneficiarne tutti e due anche quando il figlio sia a carico dei genitori nella misura del 50% ciascuno.

Per poter fruire dell’agevolazione fiscale, i lavoratori dipendenti dovranno presentare un’autocertificazione ove attestano di avere uno o più figli fiscalmente a carico, corredata dei loro codici fiscali, e saranno tenuti a comunicare eventuali variazioni delle condizioni che dovessero verificarsi durante l’anno. Sarà poi il datore di lavoro a decidere, discrezionalmente, se riconoscere il beneficio in busta paga o meno.
Dal canto suo, il datore di lavoro sarà tenuto alla conservazione dei documenti attestanti le avvenute dichiarazioni, da esibire in caso di controllo da parte degli organi competenti.

Ricordiamo che, in ogni caso, la retribuzione annua di riferimento per il calcolo del TFR comprende anche le prestazioni in natura di cui all’art. 2099 c.c.: anche questa circostanza contribuisce a rendere i fringe benefits una forma di retribuzione sempre più appetibile ed apprezzata sia da chi la conferisce, sia da chi la riceve.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.