Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Contratti - -

Stressare l'inquilino per farlo andare via di casa costituisce mobbing immobiliare

Stressare l'inquilino per farlo andare via di casa costituisce mobbing immobiliare
La Cassazione ha riconosciuto il risarcimento del danno al conduttore di un appartamento che subiva da anni pressioni da parte del proprietario per andar via di casa.

Il proprietario di un immobile che voleva riottenerne la disponibilità, invece che attendere la fine naturale del rapporto di locazione e lo spirare del termine per risolverlo, aveva invece promosso tutta una serie di azioni giudiziarie nei confronti del locatore, sperando di indurlo a lasciare l'appartamento.
Da ultimo aveva promosso un procedimento per licenza di finita locazione ex art. 657 del codice di procedura civile.

Il conduttore si era opposto all'ulteriore azione giudiziaria solo tardivamente, adducendo motivi di natura ansioso depressivi, e contestualmente chiedendo in via riconvenzionale il risarcimento dei danni da "mobbing immobiliare" in quanto il locatore, per tutta la durata del rapporto contrattuale, lo aveva ripetutamente convenuto in giudizio, proponendo delle cause tutte dichiarate infondate e che spesso si erano concluse con una condanna per lite temeraria, al solo fine di risolvere la locazione ed indurlo a lasciare l'appartamento.
La Cassazione con la pronuncia la n. 5099 del 2017 ha riconosciuto che in questi casi può ritenersi sussistente un vero e proprio diritto al risarcimento del danno da “mobbing immobiliare”.

Preliminarmente va chiarito che il mobbing è quel fenomeno sociale, tipico di alcuni ambienti di lavoro, per il quale un soggetto pone in essere nei confronti di un'altra persona una serie di vessazioni che costituiscono una sistematica persecuzione.
Il termine "mobbing" è infatti utilizzato per descrivere l'illecito integrato non da una, ma da una pluralità di comportamenti molesti e/o discriminanti, che non possono essere considerati singolarmente bensì nella loro intrinseca connessione.

Ebbene la Corte di legittimità ha dato ragione al conduttore ravvisando una situazione giuridica degna di tutela, estendendo dunque la risarcibilità del danno da "mobbing" anche alla reiterazione di azioni giudiziarie infondate e quindi potenzialmente a tutti gli ambiti della vita quotidiana.

Secondo la Cassazione, il fatto poi che sussista un'apposita norma per la lite temeraria, e cioè per i casi di un'azione legale esperita con malafede e colpa grave, ossia con consapevolezza del proprio torto o con intenti dilatori o defatigatori, non ha rilevanza nei casi di "mobbing", poichè l'art. 96 del codice di procedura civile è norma posta a tutela della singola azione giudiziaria temerariamente intrapresa e non tutela il convenuto dalle sistematiche perpetrazioni di procedimenti infondati.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.