Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Pubblica amministrazione - -

Il Sindaco pu˛ vietare l'accesso dei cani ad un parco pubblico?

Il Sindaco pu˛ vietare l'accesso dei cani ad un parco pubblico?
Il TAR Toscana ha precisato che il Sindaco può emanare ordinanze provvisorie e urgenti solo in caso di emergenza sanitaria o igiene pubblica.
Il Sindaco di un Comune può impedire, con una ordinanza provvisoria e urgente, l’accesso dei cani in un parco pubblico?

Il TAR Toscana, con la sentenza n. 694 del 16 maggio 2017, si è occupato proprio di questa questione, fornendo alcune interessanti precisazioni sul punto.

Nel caso esaminato dal TAR, il Sindaco di un Comune, avvalendosi dei poteri previsti dall’art. 50 del d. lgs. n. 267/2000, disponeva il “divieto di accesso di cani, anche accompagnati dai rispettivi conducenti”, ad un parco pubblico, in quanto era stata riscontrata “la presenza di numerosi escrementi canini in ambito urbano comunale”.
L’associazione “Lega per l'Abolizione della Caccia”, ritenendo tale decisione ingiusta, decideva di impugnare tale provvedimento dinanzi al TAR, al fine di ottenerne l’annullamento.
Il TAR riteneva, in effetti, di dover dar ragione all’associazione, accogliendo il relativo ricorso, in quanto fondato.
Osservava in proposito che, ai sensi dell’art. 50 del d. lgs. n. 267/2000, il Sindaco può emettere delle ordinanze “contingibili e urgenti”, solamente “in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale”.

Secondo il TAR, dunque, l’esercizio di tale potere da parte del Sindaco “presuppone il requisito della necessità di un intervento immediato, al fine di rimuovere uno stato di grave pericolo per l'igiene e/o la salute pubblica e caratterizzato da una situazione eccezionale e/o imprevedibile da fronteggiare per mezzo di misure straordinarie di carattere provvisorio”.
In sostanza, dunque, l’art. 50 del d. lgs. n. 267/2000 riconnette il potere del Sindaco di emettere ordinanze provvisorie e urgenti alla sussistenza di una vera e propria di situazione di emergenza di natura igienico-sanitaria, in ordine alla quale si ritiene necessario provvedere con assoluta urgenza.
Secondo il TAR, il provvedimento oggetto di impugnazione, doveva ritenersi illegittimo, in quanto lo stesso, “oltre a non recare alcuna indicazione in ordine ai suoi limiti temporali di efficacia”, non appariva sorretto da adeguati motivi di emergenza sanitaria o di igiene pubblica, non potendo considerarsi di tale natura “la mera rilevazione di escrementi canini in ambito urbano comunale’”.

Alla luce di tali considerazioni, il TAR accoglieva il ricorso proposto dall’associazione, annullando il provvedimento emesso dal Sindaco e condannando il Comune anche al pagamento delle spese processuali, da corrispondersi allo Stato.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate