Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Famiglia - -

La moglie che va a vivere con un amico perde il mantenimento

La moglie che va a vivere con un amico perde il mantenimento
... e non spetta al marito dimostrare il grado di intimità raggiunto dall'ex con "l'amico" convivente.
E’ noto che dopo la crisi del matrimonio, il coniuge che ha maggiori disponibilità economiche potrà essere obbligato a corrispondere al coniuge cosiddetto debole un assegno di mantenimento ex art.art. 156 del c.c. c.c. che vada a riequilibrare la situazione economica della famiglia oramai divisa, e consenta ad entrambi, in linea di massima, di conservare il medesimo tenore di vita di cui godevano in costanza di matrimonio.

E’ notorio altresì che da tempo la Corte di Cassazione ha escluso che permanga il diritto al mantenimento se il coniuge mantenuto inizia una stabile convivenza con un’altra persona.

Infatti la convivenza rappresenta una vera e propria “famiglia di fatto” da cui derivano tutti i diritti ed i doveri propri della comunione materiale e spirituale di vita, dacché sarà il nuovo convivente a dover semmai provvedere ai bisogni morali e soprattutto materiali dell’ex.

Finora però la Cassazione aveva sempre affermato che il diritto all’assegno di mantenimento venisse meno solamente quando la convivenza more uxorio fosse stabile e duratura, e non occasionale. Questo orientamento onerava il coniuge che volesse interrompere il pagamento dell’assegno in parola, di fornire la probatio diabolica che il nuovo rapporto affettivo dell’ex fosse durevole e tendenzialmente ben saldo.

Sull’argomento è tornata nei giorni scorsi la Corte di Cassazione, la quale con la sentenza n. 6009 del 2017 ha ulteriormente circoscritto il diritto all’assegno di mantenimento.

Nel caso postosi all’attenzione della Suprema Corte l'ex moglie aveva iniziato a coabitare con un amico al fine di risparmiare dividendo le spese della vita quotidiana, ma aveva chiesto comunque che il marito continuasse a corrisponderle l’assegno di mantenimento.
La Corte al proposito ha precisato che quando l’ex inizia una coabitazione con un’altra persona, perde il diritto all’assegno a prescindere da quale sia la loro situazione affettiva e relazionale. E questo perché non è possibile addossare al coniuge che corrisponde l’assegno, l'onere di dimostrare il grado di intimità che l’ex ha raggiunto con il nuovo convivente, spettando semmai all’ex dimostare che si tratta di una mera amicizia e di un rapporto precario.

Pertanto il coniuge non dovrà più dimostare la stabilità della nuova convivenza more uxorio, ma gli basterà provare la nuova coabitazione dell’ex per chiedere al Giudice la revoca dell’assegno di mantenimento.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 25 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate