Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Lavoro - -

I messaggi di insulti diffusi in una chat privata non equivalgono a diffamazione

I messaggi di insulti diffusi in una chat privata non equivalgono a diffamazione

Il Tribunale di Firenze ha stabilito che gli insulti inviati privatamente ad altri colleghi non hanno rilevanza sul piano disciplinare.

Il Tribunale di Firenze, sezione lavoro, con la sentenza del 16 ottobre 2019 ha accolto il ricorso di un lavoratore che era stato licenziato per aver diffuso in un una chat privata di Whatsapp, condivisa con altri colleghi, dei messaggi vocali dai contenuti minatori e razzisti nei confronti del proprio superiore gerarchico e di altri dipendenti.


Dall’istruttoria è emerso che i messaggi diffamatori erano stati effettivamente inviati dal ricorrente, ma all’interno di una chat chiusa, alla quale potevano partecipare solo determinati soggetti ammessi, che nel caso di specie erano una ristretta cerchia di colleghi di lavoro.


Il Tribunale ha messo in rilievo la distinzione, che era già stata fatta emergere dalla Corte di Cassazione nel 2018, tra messaggi diffusi pubblicamente via web, ai quali può avere accesso una pluralità indistinta e potenzialmente illimitata di utenti, e messaggi scambiati su piattaforme ad accesso limitato, come nel caso in esame. La Suprema Corte aveva affermato: "l’invio di messaggi riservati ai soli ai partecipanti a una chat è logicamente incompatibile con i requisiti propri della condotta diffamatoria, ove anche intesa in senso lato, che presuppone la destinazione delle comunicazioni alla divulgazione nell'ambiente sociale".

Anche secondo il giudice fiorentino, mentre gli insulti diffusi pubblicamente acquisiscono natura diffamatoria e ingiuriosa, i messaggi offensivi trasmessi in chat privata non equivalgono a diffamazione, in quanto espressione del diritto di corrispondenza privata tra colleghi di lavoro. Per queste ragioni, l'invio di messaggi di ogni tipo avvenuto privatamente nelle chat a numero chiuso "porta ad escludere qualsiasi intento o idonea modalità di diffusione denigratoria", pertanto, oltre che non costituire diffamazione, non costituiscono nemmeno violazione dell’obbligo di fedeltà e perciò non possono avere alcun rilievo sul piano disciplinare.


Per queste ragioni, il Tribunale ha concluso che il fatto non sussiste per mancanza dell'elemento materiale, annullato il licenziamento e ordinato al datore di lavoro di reintegrare il dipendente e di pagargli le retribuzioni nel frattempo maturate.


Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate