Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto penale - -

Frode assicurativa: le precisazioni della Cassazione

Frode assicurativa: le precisazioni della Cassazione
La Suprema Corte ha confermato che il reato di frode assicurativa è un reato a consumazione anticipata.
Nel caso esaminato dagli Ermellini, l’imputato era stato condannato, sia in primo che secondo grado, per aver commesso il reato di cui all’art. 642 del codice penale.

In particolare, il Tribunale di Catania lo aveva condannato alla pena di due anni di reclusione ed al pagamento di € 200,00 di multa. Avverso tale decisione, proponeva appello. Tuttavia, anche la corte territoriale confermava la condanna statuita dal giudice di prime cure.

A fronte di tale sentenza, il difensore dell'uomo presentava ricorso in cassazione, lamentando l'omessa declaratoria di prescrizione del reato da parte del giudice d'appello.

Più specificamente, nei motivi del ricorso, la difesa deduceva come, ai fini della consumazione del reato, fosse rilevante non il momento della ricezione dell'indennizzo assicurativo, ma quello cronologicamente precedente, ovvero la presentazione della richiesta di risarcimento all'ente. Quindi, nel caso di specie, tenendo presente tale parametro temporale, il reato era da considerarsi prescritto.

La Suprema Corte chiamata a decidere sul caso, ha sottolineato che: “il reato previsto dall'art. 642 c.p. è a consumazione anticipata e, pertanto, non richiede il conseguimento effettivo di un vantaggio, ma soltanto che la condotta fraudolenta sia diretta ad ottenerlo ed idonea a raggiungere lo scopo. Conseguentemente la c.d. "frode assicurativa" deve ritenersi consumata già nel momento in cui si realizza la fraudolenta distruzione o il fraudolento occultamento della cosa”.

Per questi motivi, la Corte di Cassazione, accoglieva il ricorso proposto dall'imputato, annullava la sentenza di secondo grado senza rinvio e dichiarava il reato, di cui all'art. 642 c.p., estinto per intervenuta prescrizione.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.


Notizie Correlate