Brocardi.it - L'avvocato in un click! REDAZIONE

Hai ereditato un'auto? Scopri cosa devi fare per circolare liberamente e non incorrere in sanzioni

Hai ereditato un'auto? Scopri cosa devi fare per circolare liberamente e non incorrere in sanzioni
Nell'asse ereditario possono rientrare anche i veicoli: quali adempimenti occorrono per circolare?
Quando una persona cara ci lascia, oltre al dispiacere per la perdita subita, ci si ritrova a dover compiere una serie di adempimenti che hanno a che fare con la successione. Tra i beni che possono rientrare nell'asse ereditario, ci sono anche i veicoli. Ebbene, se pensi di poter circolare liberamente con un'auto ereditata da un parente, dobbiamo informarti che non è così. Ma non preoccuparti! Proseguendo nella lettura, ti spiegheremo cosa fare nel caso tu riceva in eredità un veicolo.

Come abbiamo detto, morto il de cuius, non si può circolare con l'auto a lui intestata, anche se ci è stata lasciata in eredità. Occorrerà, difatti, richiedere il il passaggio di proprietà al PRA, il Pubblico Registro Automobilistico. Presso il PRA, inoltre, è anche possibile verificare che l'auto non sia sottoposta ad eventuale fermo amministrativo o che su di essa non sia iscritta ipoteca.
L'obbligo del passaggio di proprietà, con il rilascio di una nuova carta di circolazione, è previsto dall'art.[[n94cds]] del Codice della Strada e, nel caso di proprietà trasferita per successione, deve avvenire entro 60 giorni dall'autentica della sottoscrizione dell'atto di accettazione dell'eredità. Solo con l'accettazione(eredità), difatti, i chiamati all'eredità acquistano effettivamente la proprietà dei beni del de cuius.
Una volta sottoscritta l'accettazione di eredità e autenticata la firma, si hanno quindi 60 giorni di tempo per recarsi al PRA per la trascrizione. Nel caso in cui vi siano più eredi, le cui firme sono autenticate in tempi diversi, il termine decorrerà dall'ultima autentica.
Ecco quali documenti dovrete presentare al PRA per effettuare il passaggio di proprietà:
  • atto di accettazione dell’eredità provvisto di autentica;
  • carta di circolazione;
  • certificato di proprietà;
  • modello NP3B;
  • modello TT2119;
  • fotocopia documento di identità e codice fiscale degli eredi;
  • dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante la qualità di erede;
  • nel caso gli eredi siano più di uno, modello NP4B e modello DTT333;
E per quanto riguarda i costi di tale operazione? Queste le spese da sostenere:
  • imposta provinciale di trascrizione, che dipende dal tipo di veicolo, dal modello di auto e dalla provincia di residenza;
  • costi ACI, pari ad euro 27;
  • imposta di bollo per l’aggiornamento della carta di circolazione, pari ad euro 16;
  • diritti DT per la Motorizzazione Civile, pari ad euro 10,20;
  • imposta di bollo per la registrazione al PRA, pari ad euro 48;
Procedere con tali adempimenti è della massima importanza, in quanto, ai sensi dell'art. [[n94cds]], comma 3 del Codice della Strada, chi non osserva le disposizioni stabilite in tale articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 727 ad euro 3629. Inoltre, ex art. [[n94cds]], comma 4, chiunque circoli con un veicolo per il quale non è stato richiesto, nel termine stabilito di 60 giorni, l'aggiornamento dei dati presenti nell'archivio nazionale dei veicoli o il rinnovo della carta di circolazione è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 363 ad euro 1813. Si rischiano, quindi, multe molto salate!

Ma quindi, finché non viene accettata l'eredità, con conseguente domanda proposta entro 60 giorni dall'autentica, non è possibile circolare con l'auto del defunto? In realtà, secondo il Codice della Strada, la circolazione è possibile per un periodo massimo di 30 giorni. Trascorso tale periodo, nel caso non sia stata ancora accettata l'eredità e non si sia acquisita la titolarità del bene, l'erede deve procedere all'intestazione temporanea del veicolo, attraverso cui viene aggiornata la sola carta di circolazione e non il certificato di proprietà. Per tale procedura, andrà versata la somma di euro 26,20, e la documentazione da presentare è la seguente:
  • dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà con la quale l'utilizzatore dichiara la propria qualità di erede, indicando la circostanza che la relativa procedura di successione non si è ancora conclusa;
  • fotocopia di un valido documento di identità;
  • fotocopia della carta di circolazione;
Queste le informazioni che vi occorrono nel caso riceviate in eredità un veicolo. Assicuratevi di compiere gli adempimenti prescritti, se non volete rischiare di essere sanzionati ex art. [[n94cds]] del Codice della Strada.


Notizie Correlate

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.