Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto penale - -

La domestica che fotografa la casa del datore di lavoro risponde del reato di interferenze illecite nella vita privata?

La domestica che fotografa la casa del datore di lavoro risponde del reato di interferenze illecite nella vita privata?
Non commette il reato di interferenze illecite nella vita privata altrui la domestica che fotografa l’interno dell’abitazione del datore di lavoro con la finalità di fornire prove in giudizio e senza, però, riprendere scene di vita privata.
La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 46158/2019, si è pronunciata sul caso di una donna accusata del reato di interferenze illecite nella vita privata altrui per aver fotografato gli ambienti interni e gli arredi dell’abitazione presso cui lavorava come domestica, seppur senza alcun regolare contratto di lavoro.

Il delitto di interferenze illecite nella vita privata altrui, previsto dall’art. 615 bis del c.p., punisce chi, con strumenti di ripresa visiva o sonora, si procuri notizie o immagini relative alla vita privata che si svolge nei luoghi indicati all’art. 614 del c.p., tra cui, appunto, l’altrui abitazione.
La giurisprudenza di legittimità più recente ha ulteriormente precisato tale fattispecie, non ritenendola integrata dalla condotta di chi, con strumenti di ripresa visiva, filmi scene di vita privata in un’abitazione in cui è lecitamente presente. Questo perché, a parere degli Ermellini, l’interferenza illecita punita dalla legge penale è quella realizzata da un terzo che sia estraneo al domicilio e che ne violi la privatezza, mentre, al contrario, non sarebbe penalmente rilevante il comportamento di un soggetto non estraneo ma privo del consenso di chi viene ripreso (Cass. Pen., n. 27160/2018).

Sempre secondo i Giudici di legittimità, inoltre, la fattispecie di cui all’art. 615 bis del c.p. è integrata dalla condotta di chi, utilizzando strumenti di captazione visiva o sonora all’interno della sua stessa abitazione, riprenda immagini o notizie relative alla vita privata di altre persone che vi si trovino, siano esse conviventi od ospiti occasionali, e senza che egli stesso sia in alcun modo partecipe (Cass. Pen., n. 361/2018).

Analizzando il caso concreto alla luce di tali pronunce, la Suprema Corte ha evidenziato come fosse indubbio che l’imputata potesse lecitamente accedere all’abitazione della parte lesa, oltre al fatto che le immagini riprese dalla stessa dessero atto della sussistenza di un rapporto lavorativo tra di essi. Alla luce di ciò, stante l’accertata liceità della presenza della donna nell’abitazione della parte offesa, nonché l’assenza di disvalore oggettivo, essendo stati fotografati soltanto gli ambienti di lavoro e non anche scene di vita privata altrui, gli Ermellini hanno escluso di poter attribuire qualsiasi responsabilità penale in capo all’imputata.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate