Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Condominio - -

Cortile condominiale: bene comune o bene di proprietā esclusiva?

Cortile condominiale: bene comune o bene di proprietā esclusiva?
Quando nell'atto costituitivo del condominio manca un'espressa riserva di proprietà del cortile condominiale, quest'ultimo si presume bene di proprietà comune.

Il cortile condominiale è un bene comune?

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 4687 del 28 febbraio 2018, si è occupata proprio di questa questione, fornendo alcune interessanti precisazioni sul punto.

Il caso sottoposto all’esame della Cassazione ha visto come protagonisti alcuni condomini, che avevano agito in giudizio nei confronti di altri due condomini, al fine di veder accertato che il cortile di accesso alla strada pubblicanon fosse di proprietà esclusiva dei convenuti (…) e rientrasse, piuttosto, nella proprietà comune”.

Il Tribunale di Napoli, pronunciatosi in primo grado, aveva respinto la domanda dei condomini attori ma la sentenza era stata riformata dalla Corte d’appello di Napoli, la quale riteneva che il cortile oggetto di contestazione “fosse di proprietà condominiale, trattandosi di area rientrante tra i beni di cui all'art. 1117 c.c.”.

A sostegno delle proprie ragioni, il giudice di secondo grado rilevava come nell’atto costitutivo del condominio stesso “mancava una riserva di proprietà del cortile in favore del venditore”.

Ritenendo la decisione ingiusta, i condomini interessati avevano deciso di rivolgersi alla Corte di Cassazione, nella speranza di ottenere l’annullamento della sentenza sfavorevole.

La Corte di Cassazione, tuttavia, non riteneva di poter aderire alle considerazioni svolte dai condomini in questione, rigettando il relativo ricorso, in quanto infondato.

Osservava la Cassazione, infatti, che “l'area esterna di un edificio condominiale, con riguardo alla quale manchi un'espressa riserva di proprietà nel titolo originario di costituzione del condominio”, va considerata “di presunta natura condominiale, ai sensi dell'art. 1117 c.c.”.

Del resto – proseguiva la Corte - spettava al condomino che pretendeva l'appartenenza esclusiva di un bene (quale appunto un cortile), compreso tra quelli elencati dall’art. 1117 c.c., “dar prova della sua asserita proprietà esclusiva derivante da titolo contrario”, in difetto della quale “deve essere affermata l'appartenenza dei suddetti beni indistintamente a tutti i condomini”.

Alla luce di tali considerazioni, la Corte di Cassazione rigettava il ricorso proposto dai condomini, confermando integralmente la sentenza impugnata.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate