Brocardi.it - L'avvocato in un click! REDAZIONE

Collare antiabbaio al cane legale in Italia?

Collare antiabbaio al cane  legale in Italia?
La Cassazione ha disposto una multa di 3.000 euro ad un proprietario che aveva lasciato, per ore, il proprio cane con indosso il collare antiabbaio. Ecco cosa prevede la storica sentenza n. 35843/2023
Con la sentenza n. 35843 del 28 agosto 2023, la terza sezione penale della Corte di Cassazione ha preso una decisione ormai storica, riguardo all’uso dei collari cd. antiabbaio per cani.
Con questa rivoluzionaria pronuncia la Corte ha infatti stabilito il divieto di usare i collari antiabbaio, in quanto ritenuti, incompatibili con il benessere e la natura dell’animale. Nel caso in cui, il proprietario di un animale domestico, utilizzi questo collare sul suo amico a quattro zampe, è prevista una multa fino a 10.000 euro.

Questi collari, come sostiene la Suprema Corte, sono capaci di “creare grandi sofferenze negli animali”.
Parliamo di dispositivi dotati di pioli di metallo posti direttamente a contatto con il collo del cane. Questi, sono capaci di rilasciare scosse elettriche a ogni vibrazione delle corde vocali dell’animale, per indurlo a non abbaiare.
Ciò significa che, ogni volta che il cane abbaia, con questo collare viene costretto al silenzio, in una maniera decisamente brutale. Ovviamente, questa metodologia, da sempre osteggiata dalle associazioni animaliste e che la Corte ha voluto mettere in discussione, è causa forte dolore per l’animale.
Questa storica sentenza rappresenta una vittoria importante, non solo per le associazioni animaliste ma per l’intera società civile, la quale si dimostra più consapevole riguardo alle esigenze comportamentali e psicologiche degli animali domestici, che sono ormai parte integrante delle famiglie di milioni di italiani.

Il caso deciso dalla Cassazione
La pronuncia della Cassazione fa riferimento ad un caso specifico, quello di un proprietario che aveva lasciate per diverse ore il suo cane con un collare antiabbaio. L’uomo aveva provato a giustificarsi spiegando che quel collare era una tipologia particolare che si poteva comandare a distanza e che quindi non era stato attivato per tutto il tempo in cui il cane lo aveva indossato.
Per la Cassazione, lo specifico dispositivo, in realtà azionava in maniera incontrollata “impulsi elettrici produttivi di quelle gravi sofferenze che certamente integrano il contestato reato di detenzione dell’animale in condizioni incompatibili con la sua natura”. Per questo motivo il proprietario del cane è stato condannato a una multa di 3mila euro.

La decisione della Cassazione ha creato un punto di svolta sull’argomento, stabilendo un precedente legale che avrà implicazioni positive per il benessere degli animali domestici in tutto il Paese.

Uso di collare elettrico sul cane: che reato scatta?
Secondo la recente sentenza della Cassazione, chi utilizza il collare antiabbaio sul cane incorre nel reato di abbandono di animali di cui all’art. 727 c.p.. Tale norma, oltre a punire chiunque abbandoni animali precisa che: Alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze”.
L’uso di tale collare causerebbe, dunque, al cane uno stato di sofferenza inaccettabile e anche ingiustificabile, perché esistono molti altri metodi di educazione dell’animale sicuramente più rispettosi delle sue caratteristiche etologiche.
La punizione per chi commette questo prevede l’arresto fino a un anno o l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro .

In accordo a ciò, con riguardo l’uso di questo collare per all’addestramento dei cani, anche l’art. 7 della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia stabilisce che: “nessun animale da compagnia deve essere addestrato con metodi che possono danneggiare la sua salute ed il suo benessere, in particolare costringendo l’animale ad oltrepassare le sue capacità o forza naturale, o utilizzando mezzi artificiali che causano ferite o dolori, sofferenze ed angosce inutili”.


Notizie Correlate

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.