Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto penale - -

Abbandono di animali: affidare il cane a un terzo con il rischio che possa abbandonarlo č reato

Abbandono di animali: affidare il cane a un terzo con il rischio che possa abbandonarlo č reato
Colui che affida il cane a terzi accettando il rischio che possano abbandonarlo è responsabile per il reato di abbandono di animali.
Il caso ha preso avvio dalla condanna, da parte del Tribunale di Napoli, di due ex coniugi per aver abbandonato il proprio bulldog, legandolo ad un palo all’esterno di un centro veterinario. Il cane, dotato di microchip di riconoscimento, era stato affidato dall’uomo all’ex moglie perché, per motivi di lavoro, si sarebbe dovuto allontanare, non potendo prendersene cura. L’ex moglie, tuttavia, non amava gli animali ed era esasperata dalla detenzione del cane perché sbavava continuamente e rompeva i mobili di casa; per questo aveva deciso di abbandonare l’animale e, nonostante l’addetto del centro veterinario avesse ritrovato il cane e l’avesse contattata, non era passata a prelevarlo, facendolo trasferire al canile, dove poi era stato ritirato da un delegato dell’ex marito.
Alla luce di questi fatti, il tribunale aveva condannato entrambi gli ex coniugi per abbandono di animali ex art. 727 c.p.: era stata, infatti, ritenuta sussistente la responsabilità concorsuale dell’ex marito in ragione del fatto che egli fosse a conoscenza dell’avversione dell’ex moglie nei confronti del cane e che mancassero, negli accordi di separazione tra loro intercorsi, delle disposizioni in ordine al suo affidamento. L’ex marito aveva così proposto ricorso in Cassazione.
L’art. 727 c.p. punisce chiunque abbandoni animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività, oppure detenga animali in condizioni incompatibili con la loro natura e produttive di gravi sofferenze. Costantemente la giurisprudenza ha affermato che il reato in questione ricorre non soltanto quando vengano posti in essere comportamenti crudeli nei confronti di animali tali da destare un comune sentimento di pietà e ripugnanza, ma anche quando, attraverso condotte colpose di abbandono e noncuranza, sia offesa la sensibilità psicofisica degli animali quali autonomi esseri viventi.
Trattandosi di un reato contravvenzionale, non è necessario che la condotta sia sorretta da dolo, ma è sufficiente la colpa, quindi esso può configurarsi anche per mera negligenza.
Rispetto alla condotta di abbandono vera e propria di cui al comma 1 dell’art. 727 c.p., in giurisprudenza si è affermato che questa sia integrata quando la relazione di custodia e di cura instauratasi tra il padrone e l’animale venga interrotta, lasciando quest’ultimo in un luogo dove non sia più possibile ricevere alcuna cura, e ciò a prescindere da ulteriori possibili eventi quali le sofferenze o la morte dell’animale conseguenti all’abbandono.
La Corte di Cassazione si è espressa nel caso in esame con la sentenza n. 6609/2020, dichiarando il ricorso inammissibile. La Suprema Corte, infatti, ha osservato che nei precedenti gradi di giudizio era emerso lo stato di abbandono del cane, lasciato legato al palo in balia di sé stesso per un apprezzabile lasso di tempo, senza che nessuno dei proprietari si fosse preoccupato di affidarlo a cure altrui; oltretutto, non sussiteva alcun tipo di accordo tra i due ex coniugi in ordine all’affidamento del cane dopo la separazione.
La Cassazione ha confermato la responsabilità penale sia dell’ex moglie, per essere stata l’autrice materiale dell’abbandono, sia dell’ex marito, a titolo di dolo eventuale, poiché quest’ultimo, nonostante fosse stato a conoscenza dell’avversione della donna nei confronti dell’animale, aveva comunque affidato a questa l’animale, assumendosi il rischio che lo abbandonasse.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate