Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 908 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Scarico delle acque piovane

Dispositivo dell'art. 908 Codice civile

Il proprietario deve costruire i tetti in maniera che le acque piovane scolino sul suo terreno e non può farle cadere nel fondo del vicino (1).

Se esistono pubblici colatoi, deve provvedere affinché le acque piovane vi siano immesse con gronde o canali. Si osservano in ogni caso i regolamenti locali e le leggi sulla polizia idraulica.

Note

(1) Il divieto imposto dalla norma può essere derogato dalle parti con la creazione di una servitù di stillicidio.

Ratio Legis

L'art. 908 è un esempio di divieto di immissioni di cui all'art. 844.

Spiegazione dell'art. 908 Codice civile

Disposizioni del vecchio codice

Nel vecchio codice lo stillicidio era contemplato dalle norme riguardanti le modificazioni della proprietà e precisamente le servitù prediali stabilite dalla legge. Vero è che, nel diritto romano, fra le servitù urbane figurava quella consistente nel diritto di far scolare sul tetto o nel fondo del vicino le acque piovane che a goccia a goccia (stillicidium) o raccolte in canali, a cannella o a doccia, cadono dal tetto d'un edificio.

Questo diritto costituiva una vera e propria servitù a danno del vicino, perché in diritto romano ognuno era obbligato a ricevere le acque solo come naturalmente fluivano dal fondo superiore, mentre la costruzione di un edificio alterava il corso naturale delle acque riunendole sul tetto dell'edificio stesso, da cui la conseguenza che il proprietario del fondo inferiore non può essere obbligato a riceverle senza la costituzione apposita di una servitù.

Sennonchè la disposizione del codice del 1865 (art. 591), secondo cui ogni proprietario doveva costruire i tetti in maniera che le acque piovane scolassero sul suo terreno o sulla via pubblica in conformità ai particolari regolamenti e non poteva farle cadere sul fondo del vicino, poneva in essere, più che una servitù, la disciplina dell'esercizio del diritto di proprietà, e quindi bene ha fatto il nuovo codice a trattarne fra le norme relative alla proprietà fondiaria.

Ciò non impedisce che la vera e propria servitù di stillicidio possa acquistarsi per convenzione o per prescrizione.


Disposizioni del nuovo codice

Il nuovo codice, nel ripetere nel primo comma dell'articolo in esame la disposizione secondo cui il proprietario deve costruire i tetti in maniera che le acque piovane scolino nel suo terreno e non cadano sul fondo del vicino, ha omesso ogni accenno allo scolo sulla via pubblica. Però il secondo comma rinvia, come faceva del resto anche il vecchio codice, alle norme particolari sia sull'edilizia sia sulla polizia idraulica, aggiungendo in più l'obbligo del proprietario, ove esistano pubblici colatoi, di provvedere in modo che le acque piovane vi siano immesse con gronde o canali.

Perciò quando esistano pubblici colatoi il proprietario non può far scolare le acque dei suoi tetti sulla via pubblica, e, quando non esistano, deve conformarsi ai regolamenti locali.


Quale pendenza può avere il tetto

L'obbligo del proprietario di costruire i tetti in maniera che le acque scolino sul suo terreno non va interpretato nel senso che il tetto debba avere la pendenza verso il fondo del proprietario stesso, essendo opinione dominante in dottrina e in giurisprudenza che basti evitare, con canali, docce e simili, lo stillicidio sul fondo del vicino. La grondaia del tetto non deve però sporgere sul fondo del vicino, perché ciò costituirebbe una servitù di sporto.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 908 Codice civile

Cass. civ. n. 5298/1977

L'art. 908 c.c., imponendo ai proprietari degli edifici l'obbligo di costruire tetti in maniera tale che le acque pluviali scolino nei loro terreni e non nei fondi finitimi, esclude la configurabilità di un limite legale della proprietà analogo a quello previsto dal successivo art. 913, che disciplina il deflusso delle acque che scolano naturalmente. Pertanto la deroga alla disciplina contenuta nell'art. 908 c.c., realizzata a mezzo dello scolo di acqua piovana nel fondo del vicino conseguentemente alla costruzione di un tetto, non può trovare il suo fondamento nell'art. 913 c.c., bensì nella costituzione di una servitù di stillicidio, la quale, facendo venire meno il limite legale della proprietà imposto dall'art. 908 c.c., consenta tale scolo.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 908 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Marco C. chiede
martedì 29/05/2018 - Lombardia
“Buongiorno. Il mio vicino ha cintato la sua proprietà con un muro a lastre ed interamente sul suo fondo.
Successivamente ha coperto dette lastre con un piovente di lamiera a confine ma con la pendenza verso il mio fondo.
Ora, in caso di pioggia, l’acqua che cade sul piovente di metallo, entra nel mio fondo causando muffa sul mio muro anch’esso costruito a confine ma su mio fondo.
come devo comportarmi? Premetto che i due muri sono di proprietà distinte e ciascuno costruito a confine ma ognuno sulla propria proprietà.
Il mio muro essendo più alto, raccoglie tutta l’acqua che arriva dal piovente di lamiera verso il mio muro provocandone marciume e muffe.
Cosa posso fare?
Grazie per un vs contributo”
Consulenza legale i 01/06/2018
Ai sensi dell’art. 908 c.c., intitolato “scarico delle acque piovane”, il proprietario deve costruire i tetti in maniera che le acque piovane scolino nel suo terreno e non può farle cadere nel fondo del vicino.
Quando si parla di stillicidio, non si fa altro, difatti, che vietare lo scolo delle acque.
L’art. 908 c.c., dunque, impedendo al proprietario di costruire i tetti in modo tale che le acque piovane scolino nel suo terreno senza invadere il fondo del vicino, prevede il divieto di stillicidio delle acque piovane dal tetto sulla altrui proprietà.
La norma mira quindi ad evitare che le acque piovane provenienti dal tetto o dalla copertura di un edificio, possano cadere o immettersi nel fondo di un vicino.
Anche se il citato articolo fa riferimento solo ai tetti, la Giurisprudenza ha chiarito che vi sono ricomprese tutte le costruzioni e ogni tipo di copertura che sia in grado di raccogliere, per scaricare altrove, le acque piovane ( cfr. Trib. Messina 1/12/2006); quindi anche in presenza di lastre con spiovente come nel caso di specie.

Alla luce di quanto detto, riteniamo che il comportamento del vicino sia sicuramente antigiuridico, potendo lo stillicidio essere legittimamente esercitato solo trovando rispondenza in un titolo costitutivo di servitù ad hoc; servitù che, invece, non si configura nel caso in esame.
Il vicino ha realizzato un manufatto che ha modificato lo scolo delle acque e, pertanto, Lei potrà agire giudizialmente per tutelare i propri diritti.

In particolare si potrà agire per la negazione del diritto ed il conseguente ripristino dello status quo ante attraverso l’azione di denuncia di danno temuto ai sensi dell’art. 1172 c.c., la quale tende proprio a rimuovere un pericolo. Sarà il giudice a stabilire la misura più idonea ad evitare la situazione di danno. Oppure potrà proporsi azione di manutenzione ai sensi dell’art. 1170 c.c. se non è ancora trascorso un anno dalla turbativa, oltre alla richiesta di risarcimento dei danni.

Carlo C. chiede
venerdì 28/08/2015 - Lombardia
“Sono proprietario di un appartamento in un condominio orizzontale in area collinare.
Una sentenza del 2004, per una causa intentata da un condomino contro l'Amministratore, ha stabilito che ogni unità immobiliare è definita cielo terra, per cui non si può più parlare di condominio orizzontale ma di una sorta di villette a schiera dove ognuno è proprietario della propria copertura (piana).
La mia unità immobiliare si trova tra un'unità immobiliare monopiano e 2 unità immobiliari sovrapposte.
Il tetto di queste ultime scarica per la metà ( circa 35/40 mq. ) su una piccola porzione del mio tetto ( circa 5 / 6 mq. ).
In seguito alle piogge degli ultimi tempi ho avuto forti infiltrazioni che mi hanno costretto al rifacimento urgente del condotto verticale del pluviale che passa incassato a confine con i 2 condomini sovrapposti. Non potendo recuperare il condotto esistente,vista l'urgenza e per evitare un intervento invasivo all'interno delle unità immobiliari, ho preferito far spostare il pluviale incassato nella parete esterna del mio appartamento.
Ora i condomini che scaricano le loro acque meteoriche sul mio tetto non vogliono partecipare
in modo paritario alla ripartizione della spesa ma mi propongono un risibile 15% di rimborso complessivo adducendo la scusa di non essere stati informati del fatto ( cosa non vera come
dimostrato dalle mail inviate sia a loro stessi che all'Amministratore ).
Posso in virtù della sentenza che dichiara le unità immobiliari proprietà terra cielo obbligare i Condomini reticenti di spostare dal mio tetto lo scarico del loro tetto, come da me fatto,
incassandolo sulla propria facciata, nel caso non ottemperassero in modo equo alla ripartizione delle spese ?”
Consulenza legale i 02/09/2015
Nel caso in esame si ritiene che la soluzione del quesito vada riscontrata nella disciplina dello scolo di acque piovane e in materia di servitù.

Secondo la regola generale posta dall'art. 908 del c.c., ciascun proprietario deve costruire il tetto in modo che le acque piovane scolino sul suo terreno e non può farle cadere nel fondo del vicino. Lo scarico delle acque meteoriche sul fondo del vicino è ammesso solo qualora sia fondato su una servitù di stillicidio.

Tale servitù può sorgere:
1. volontariamente, per concessione del proprietario del fondo vicino;
2. per usucapione o per destinazione del padre di famiglia (artt. 1061 e 1062 c.c.): nel primo caso sarà il proprietario del fondo dominante a dover provare l'esercizio ventennale della servitù; nel secondo caso, la nascita della servitù consegue al semplice fatto dell'esistenza di un'opera da cui si evince l'esistenza della servitù sui due fondi, posseduti inizialmente dallo stesso proprietario e successivamente separati (e quindi in seguito posseduti da due soggetti diversi).

La prima circostanza da verificare, quindi, attiene all'esistenza di una servitù di stillicidio che è possibile sia stata concessa in fase di costruzione del complesso edilizio o di prima vendita della villetta a schiera, ma che deve essere riportata in tutti i successivi atti di trasferimento dell'immobile, altrimenti non è opponibile al nuovo proprietario.
Se non esiste un titolo di tipo convenzionale, si indagheranno le altre due ipotesi.

Il caso di specie vede l'esistenza di un pluviale che scarica le acque su una porzione del tetto del proprietario della villetta confinante.
Sia l'usucapione che la destinazione del padre di famiglia potrebbero essersi astrattamente verificate nel caso di specie, poiché la servitù di cui si tratta avrebbe natura "apparente", esistendo un'opera materiale che consente di esercitare lo scarico di acque (il pluviale).

Per verificare se la servitù è stata usucapita, è sufficiente sapere da quanto tempo il pluviale scarica con regolarità e costanza l'acqua da un tetto all'altro, senza che vi sia stata interruzione dello scarico per intervento del proprietario del fondo "servente": se sono trascorsi oltre vent'anni, l'usucapione potrebbe essersi perfezionata.

Quanto alla costituzione per destinazione del padre di famiglia, essa potrebbe essere avvenuta se il complesso edilizio era inizialmente di un unico proprietario (es. il costruttore) e poi è stato diviso tra diversi soggetti: ovviamente, il pluviale tra i due edifici deve in questo caso risultare esistente già prima della divisione.

Due sono quindi i possibili casi:
a. non c'è alcuna servitù: in tal caso, il vicino ha diritto a chiedere che lo scolo delle acque piovane sul suo fondo e provenienti da altro fondo cessi;
b. c'è una servitù di stillicidio. In questa ipotesi, la ripartizione delle spese inerenti alle opere necessarie per la servitù segue i criteri posti dall'art. 1069 del c.c.. La legge dice che il proprietario del fondo dominante (chi usufruisce dello scolo) deve fare le opere a sue spese, salvo che sia diversamente stabilito dal titolo o dalla legge: se, però, le opere giovano anche al fondo servente, le spese sono sostenute in proporzione dei rispettivi vantaggi.
Nel nostro caso, le opere sono state eseguite urgentemente dal proprietario del fondo servente (che si presume abbia tempestivamente avvisato la controparte), al quale le stesse comunque giovano: quindi la ripartizione della spese andrà fatta in proporzione ai "rispettivi vantaggi" goduti da ciascuna delle parti. Certamente si tratta di un criterio piuttosto vago, per cui in primo luogo saranno le parti a dover trovare un accordo. Se l'accordo non è raggiunto (ma sarebbe certamente la via maestra, perchè più veloce e meno onerosa), si potrà chiedere al giudice di operare la ripartizione; farà lui secondo quanto ritenuto più opportuno, eventualmente avvalendosi della consulenza di un perito tecnico di settore.

Infine, quanto al fatto di poter opporre agli altri condomini la sentenza che dichiara la natura di immobile "cielo terra" - che si ha quando un'unica unità immobiliare occupa tutto lo spazio edificabile - la risposta è positiva qualora parte del processo sia stata il condominio, cioè l'ente formato da tutti i proprietari delle parti comuni.
Difatti, sia che i proprietari delle due unità sovrapposte siano gli stessi dal 2004, sia che essi siano successivamente mutati, trova applicazione l'art. 2909 del c.c., il quale sancisce che la sentenza passata in giudicato (o meglio, l'accertamento in esso contenuto) fa stato tra le parti e gli aventi causa (e i successivi acquirenti di un immobile sono "aventi causa"), vale a dire è loro opponibile. In altre parole, non occorre iniziare un nuovo processo che miri ad accertare il medesimo fatto, sempre che la natura del tipo di condominio fosse l'oggetto della prima causa o comunque di una statuizione idonea a passare in giudicato (art. 34 del c.p.c.). Per dare una risposta certa, si dovrebbe però analizzare il provvedimento specifico (sentenza).

Francesco chiede
venerdì 12/07/2013 - Toscana
“Sono proprietario di un immobile con giardino dal 1997, sul lato nord insisteva un fosso campestre che consentiva il passaggio di acque piovane da una proprietà con immobile,di fronte alla mia, tramite un tubo che corre sotto una strada privata che divide le due proprietà. Non si ha certezza, ma pare che il tubo ed il fossetto fosse stato realizzato dalla ditta che aveva lottizzata la zona con licenza edilizia dell'estate 1993 (luglio o Agosto), ma no è riportato nè sui fogli del catasto nè nei contratti.Da alcuni anni nella proprietà di fronte confluiscono altre acque provenienti da altri lotti edificati per poi convogliare tutte nella mia proprietà che poi scarica in un fosso demaniale, dove io ho regolare concessione. Recentemente ho costruito un immobile compreso l'intubazione del fossetto su questa parte del giardino (tutto con regolare licenza),ma le acque sono aumentate di portata e volume e mi creano dei problemi di scorrimento anche perchè la fossa demaniale non è molto grande e viene pulita quasi mai. Le chiedo : quali sono le regole in materia, se sono nati diritti di servitù( ho inviato una RR ricevuta il 27/6 per bloccare i termini), se posso pretendere un regolamento per sapere da dove vengono tutte queste acque e chiedere una contribuzione per le spese inerenti (concessione, manutenzione e pulizia).Ovviamente credo che possa richiedere tutto questo solo al dirimpettaio, oppure anche agli altri?
Grazie aspetto la vostra cortese risposta.”
Consulenza legale i 24/07/2013
Il quesito è particolarmente complesso ed è possibile fornire solo un quadro generale degli istituti che possono rilevare nel caso di specie.
Quanto alla possibilità che siano nati diritti di servitù, va innanzitutto precisato che, esistendo un'opera materiale che consente di esercitare lo scarico di acque, l'ipotetica servitù avrebbe natura "apparente": essa, quindi, potrebbe essere nata per usucapione o per destinazione del padre di famiglia (artt. 1061 e 1062 c.c.). Nel primo caso, sarà il proprietario del fondo dominante a dover provare l'esercizio ventennale della servitù: nel secondo caso, la nascita della servitù consegue al semplice fatto dell'esistenza del tubo che collega due fondi posseduti inizialmente dallo stesso proprietario e successivamente separati (e quindi ora posseduti da due soggetti diversi).
Andranno, quindi, esaminati i diversi presupposti delle citate modalità di costituzione della servitù.
Nel caso descritto potrebbe configurarsi in astratto anche una servitù di scarico coattivo (che può quindi essere coattivamente costituita anche con sentenza del giudice, su richiesta del proprietario del fondo dominante). L'art. 1043 del c.c., che disciplina tale servitù, ha ad oggetto lo scolo artificiale delle acque che il vicino non consenta di ricevere (differenziandosi dall'art. 913 del c.c. che prevede invece l'ipotesi dello scolo naturale). La servitù di scarico coattivo richiede però un ulteriore presupposto: il proprietario del fondo servente è tenuto a consentire il passaggio delle acque solo quando esse servano ai bisogni della vita ovvero quando siano destinate ad usi agrari od industriali (art. 1033 del c.c.). Lo stesso art. 1033 c.c. esclude inoltre questo tipo di servitù per le case, i cortili, i giardini e le aie attinenti.
Come si intuisce, non è semplice stabilire con certezza se sia sorta o meno una servitù, ma dovranno essere valutati i diversi presupposti brevemente sopra indicati.
In ogni caso, è bene precisare che secondo la giurisprudenza la semplice lettera di diffida non è idonea ad interrompere l'usucapione, in quanto è necessario un vero e proprio atto giudiziale (si veda ad esempio la recente Cass. civ. Sez. II, 6 novembre 2012, n. 19089: "A tal riguardo va richiamato e ribadito il costante indirizzo della giurisprudenza di questa Corte, a termini del quale siffatta efficacia interruttiva, per il combinato tassativo disposto di cui agli artt. 1165 e 2943 c.c., può essere ascritta soltanto a quegli atti comportanti la perdita materiale, sia pur temporanea, del potere di fatto esercitato sulla cosa, o alle iniziative giudiziali dirette a provocarne ope iudicis la privazione nei confronti del possessore usucapiente").

Per quanto concerne l'indagine sulla provenienza delle acque e la condivisione delle spese di manutenzione e pulizia, è consigliabile anzitutto consultare il competente ufficio del Comune ove sono ubicati i terreni, per chiedere a chi spetti il mantenimento del fosso demaniale (molti comuni prevedono che sia il privato proprietario del terreno a pulire il fosso pubblico). L'indagine circa la provenienza delle acque può essere affidata ad un consulente tecnico assunto privatamente dalla parte, ma per avere una efficacia probatoria spendibile in un giudizio civile è necessario che la perizia sia svolta in contraddittorio con le altre parti (quantomeno con il dirimpettaio, ma anche con i proprietari di altri terreni da cui si presume provengano le acque): andrebbe quindi richiesto un accertamento tecnico preventivo urgente ai sensi dell'art. 696 del c.p.c., o anche un a.t.p. in funzione conciliativa (art. 696 bis del c.p.c.).

LUCIANA chiede
mercoledì 03/07/2013 - Toscana
“Abito da 2 anni in questa casa (bifamiliare), pagando 839,00 euro di affitto, nella quale ho sempre avuto grandi problemi di umidità. Poi un idraulico mi fece notare che un canale lato monte in comune si disperde l'acqua piovana di entrambe le case nel mio giardino. Perciò avevo chiesto di mettere 2 divisori, in modo che ciascun inquilino potesse disperdere nel proprio terreno solo l'acqua piovana del tetto competente e raccogliere solo l'eventuale sporco della propria grondaia. Per cui ho evocato anche l'art. 908 del cod. civ. Io inizialmente avevo chiesto alla proprietaria di firmarmi l'autorizzazione per poter mettere dei divisori alla grondaia in modo che ciascun inquilino avesse solo l'acqua e lo sporco del proprio tetto. Invece mi si chiede, tramite una lettera dell'avvocato della proprietaria, addirittura di concordare i lavori con l'altro inquilino e di farli supervisionare da lui perché può avere dei danni la sua parte di casa. Ma è legale questo?”
Consulenza legale i 11/07/2013
L'art. 908 c.c. riguarda esclusivamente il "proprietario" e non il conduttore/inquilino dell'immobile, che ha solo un diritto di obbligazione e non un diritto reale.
E', quindi, corretto che sia il proprietario a gestire lo scarico delle acque piovane sul suo terreno, cercando di collaborare con i confinanti per far sì che gli stessi non subiscano danni (è verosimile che la lettera dell'avvocato mandata all'inquilino segua ad una segnalazione di eventuali danni da parte di chi risiede nell'altra porzione di bifamiliare).

Tuttavia, è obbligo del locatore mantenere la cosa locata (l'immobile) in stato da servire all'uso convenuto, garantendone al conduttore il pacifico godimento (art. 1575 del c.c.).
Nel caso proposto, quindi, ammesso che il proprietario possa richiedere al suo inquilino di concordare dei lavori con il confinante al fine di far confluire nel modo migliore l'acqua piovana, è bene sottolineare che qualsiasi danno subito dal conduttore che sia nel pieno godimento dell'immobile in base a un valido contratto di locazione può essere fatto valere nei confronti del proprietario. Infatti, se i problemi di umidità della casa derivano dal mancato intervento del locatore per correggere lo scolo delle acque piovane, al locatore stesso saranno addebitabili tutti i danni che l'inquilino può subire in conseguenza della sua negligenza.
E' consigliabile, pertanto, che l'inquilino, con lettera raccomandata a.r., evidenzi al locatore i difetti dell'immobile che possono cagionargli dei danni, pretendendo la loro sistemazione a spese del proprietario.

cosimo chiede
venerdì 05/10/2012 - Puglia
“la mia casa costruita a confine(originariamente era unica proprietà) scaricava le acque piovane nel fondo del vicino.io ho posto dei pluviali in modo che le acque meteoriche scarichino nel mio terreno.premetto che i pluviali si affacciano sulla proprietà del vicino il quale dopo 17 anni mi obbliga a ripristinare la situazione originaria.domanda: essendo i pluviali beni mobili posso invocare l'usucapione decennale?grazie”
Consulenza legale i 11/10/2012

Sarebbe necessario poter visionare una immagine dei luoghi per meglio valutare il rapporto esistente tra i due edifici e vedere il percorso e il posizionamento dei pluviali. Sarebbe altresì necessario poter comprendere cosa si intende con "mi obbliga a ripristinare la situazione originaria".

In ogni modo, il caso posto all’attenzione impone una disamina in tema di rapporti di vicinato.

In particolare, appare applicabile il disposto normativo di cui all’art. 908 c.c. in base al quale:
“Il proprietario deve costruire i tetti in maniera che le acque piovane scolino nel suo terreno e non può farle cadere nel fondo del vicino".
Se esistono pubblici colatoi, deve provvedere affinché le acque piovane vi siano immesse con gronde o canali. Si osservano in ogni caso i regolamenti locali e le leggi sulla polizia idraulica”.

Dal testo del quesito proposto si evince che sono stati costruiti dei pluviali per permettere lo scolo delle acque piovane nel proprio terreno rispettando la disposizione di legge di cui all’art.908 c.c. sopracitato.

A parere dello scrivente, quindi, i pluviali costruiti appositamente per far defluire le acque piovane sul proprio terreno sono compatibili con il disposto normativo di cui sopra e non dovranno essere rimossi.
Potrebbe eventualmente parlarsi di una modifica del percorso degli stessi, se, così come sono posizionati oggi, invadono la proprietà del vicino, che, è bene ricordare, è diritto che si estende "usque ad sidera, usque ad inferos".


francesco chiede
lunedì 29/11/2010
“Il mio immobile confina con un terreno privato, in stato di abbandono, che procura al mio fabbricato danni di umidità ascendente, per via delle piogge.
Posso fare dei lavori per proteggere lo stabile e costruire un marciapiede per isolare il fabbricato dal terreno?”
Consulenza legale i 02/12/2010

I lavori da svolgersi all’interno del terreno di proprietà di colui che subisce i danni da umidità possono essere iniziati senza indugio. Essi potranno essere effettuati anche laddove comportino la necessità di accedere o passare sul fondo altrui, poiché ai sensi dell’art. 843 del c.c. il proprietario deve permettere l’accesso e il passaggio nel suo fondo per la costruzione o riparazione di opera del vicino.
Se i lavori di costruzione del marciapiede dovessero comportare una parziale occupazione del terreno altrui, invece, sarà bene interpellare il proprietario, qualora egli fosse rintracciabile.


Panizzi G. chiede
martedì 23/11/2010

“Ho un immobile che confina con un altro immobile dichiarato inagibile. Un parte del muro è dentro la mia proprietà. La gronda perde e l'intonaco si sta rompendo.
Ho invitato con raccomandata A.R. la richiesta al proprietario di sistemare gronda e muro, ma non sente ragioni. Cosa devo fare per indurlo a fare il lavoro del muro e il ripristino della gronda? Posso chiedere i danni?
Distinti saluti”

Consulenza legale i 15/12/2010

In tema di scolo di acque piovane soccorre l'art. 908 del c.c., secondo il quale il proprietario deve costruire i tetti in maniera da convogliare le acque sul proprio fondo; lo scarico delle medesime acque sul fondo del vicino è ammesso solo qualora sia fondato su una servitù di stillicidio (Cassazione civile, sez. II, 07 dicembre 1977, n. 5298).
Il proprietario dell’abitazione il cui muro si affaccia sulla proprietà altrui, se privo della titolarità di una servitù di scolo, risponde ai sensi dell'art. 2051 del c.c., dei danni arrecati a terzi, in quanto egli è tenuto ad eseguire le opere di manutenzione necessarie per evitare danni ai soggetti
estranei (nel caso, infiltrazioni d'acqua sul muro adiacente). Nelle more della causa ordinaria, il danneggiato, col ministero di un avvocato, potrebbe paralizzare il verificarsi di ulteriori danni esperendo ricorso in via d’urgenza ex art. 700 del c.p.c., facendosi autorizzare alla rimozione e sostituzione delle grondaie, con rifusione delle spese.


Rosario L. chiede
mercoledì 03/11/2010
“Un mio vicini ( immobile confinante col mio) ha inserito il tubo di scarico delle acque meteoriche della Sua terrazza sul mio tratto finale del tubo di scarico fognario.
Per la elevata superficie della terrazza e per la notevole altezza dei pluviali, quando le piogge sono intense, per il principo dei vasi comunicanti e per la poca funzionalità del pozzetto di scrico fognario, le acque mi entrano nei vari appartamenti attracerso i bagni.”
Consulenza legale i 03/11/2010

Il comportamento del vicino è chiaramente illecito.


Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • L'occupazione acquisitiva: origine ed evoluzione dell'istituto nella giurisprudenza delle giurisdizioni superiori

    Collana: Seconda Università di Napoli Jean Monnet
    Pagine: 228
    Data di pubblicazione: settembre 2016
    Prezzo: 26 €
    Categorie: Occupazione
    Il presente lavoro si propone di analizzare l'occupazione acquisitiva, la cui natura è stata a più riprese esaminata dal diritto pretorio. L'analisi dell'evoluzione normativa e giurisprudenziale costituisce oggetto del campo di indagine, finalizzato ad una ricognizione utile a cogliere le possibili prospettive ermeneutiche. L'argomento non può che essere affrontato nella cornice di quello che è ormai una sorta di "statuto europeo del diritto di proprietà".... (continua)