Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Lavoro - -

Il lavoratore adibito a mansioni inferiori rispetto a quelle stabilite ha diritto di essere risarcito?

Il lavoratore adibito a mansioni inferiori rispetto a quelle stabilite ha diritto di essere risarcito?
La dequalificazione professionale del lavoratore comporta una lesione contrattuale dei diritti inviolabili costituzionalmente garantiti.
La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 22288 del 25 settembre 2017, ha fornito alcune interessanti precisazioni in merito alla risarcibilità del danno esistenziale da demansionamento del lavoratore dipendente.

Il caso sottoposto all’esame della Cassazione ha visto come protagonista un lavoratore dipendente, che aveva agito in giudizio nei confronti della propria datrice di lavoro, al fine di veder condannata la medesima al risarcimento del danno non patrimoniale subito a seguito dell’attribuzione di mansioni inferiori rispetto a quelle contrattualmente stabilite.

La domanda risarcitoria era stata accolta sia in primo che in secondo grado, con la conseguenza che la società aveva deciso di rivolgersi alla Corte di Cassazione, nella speranza di ottenere l’annullamento della sentenza sfavorevole.

Secondo la ricorrente, in particolare, la Corte d’appello non avrebbe dato corretta applicazione all’art. 2103 c.c., non avendo la stessa proceduto “ad alcuna comparazione tra la declaratoria della categoria di appartenenza del dipendente e le mansioni cui egli è stato adibito”.

La Corte di Cassazione, tuttavia, non riteneva di poter aderire alle argomentazioni svolte dalla datrice di lavoro, rigettando il relativo ricorso, in quanto infondato.

Osservava la Cassazione, infatti, che i giudici di secondo grado avevano motivato adeguatamente la loro decisione, basando la stessa sugli esiti degli accertamenti effettuati in corso di causa.

Nello specifico, la Cassazione evidenziava come la Corte d’appello avesse, del tutto adeguatamente, reputato che il danno non patrimoniale ricomprendesse anche “il danno di tipo esistenziale”, il quale deve essere risarcito “quando sia conseguenza, come nel caso di dequalificazione professionale del lavoratore subordinato, di una lesione in ambito di responsabilità contrattuale di diritti inviolabili costituzionalmente garantiti”.

Secondo la Cassazione, inoltre, la sussistenza di tale danno può essere provata anche mediante “presunzioni semplici, sulle quali il giudice può fondare in via esclusiva il proprio convincimento”.

E’ proprio in base a queste considerazioni che la Corte di Cassazione riteneva che la Corte d’appello si fosse correttamente pronunciata nel senso dell’accoglimento della domanda risarcitoria avanzata dal lavoratore, avendo la stessa ritenuto che, nel caso in esame, sussistessero “quegli indici presuntivi della presenza del danno c.d. non patrimoniale di tipo c.d. esistenziale, quale la lesione alla dignità personale ed al prestigio professionale” del lavoratore.

Conseguentemente, la Corte di Cassazione rigettava il ricorso proposto dalla società datrice di lavoro, confermando integralmente la sentenza oggetto di impugnazione.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza


Notizie Correlate