Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Condominio - -

Donna cade dall’ascensore condominiale: il condominio è sempre responsabile?

Donna cade dall’ascensore condominiale: il condominio è sempre responsabile?
In caso di caduta dall’ascensore condominiale, il condominio-custode può andare esente da responsabilità laddove dimostri che l’evento dannoso si è verificato per “caso fortuito”.
La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 12895 del 22 giugno 2016, ha fornito alcune interessanti precisazioni in tema di “responsabilità da cosa in custodia”, di cui all’art. 2051 c.c.

Nel caso esaminato dalla Cassazione, la Corte d’appello di Roma, in riforma della sentenza di primo grado, aveva rigettato la domanda proposta da una condomina nei confronti del condominio, volta ad ottenere il risarcimento dei danni subiti a causa di “una rovinosa caduta mentre usciva dall’ascensore, attribuita al malfunzionamento dello stesso, che si era arrestato più in basso con un dislivello di circa 20 centimetri rispetto al piano di uscita”.

Secondo la condomina, in particolare, il condominio avrebbe dovuto essere ritenuto responsabile, in qualità di “custode” dell’ascensore condominiale, ai sensi dell’art. 2051 c.c.

Ritenendo la decisione ingiusta, il condomino aveva deciso di rivolgersi alla Corte di Cassazione, nella speranza di ottenere l’annullamento della sentenza sfavorevole.

La Corte di Cassazione, tuttavia, non riteneva di dover dar ragione al condomino, rigettando il relativo ricorso, in quanto infondato.

Osservava la Cassazione, infatti, che la Corte d’appello aveva, del tutto correttamente, ritenuto che l’evento dannoso in questione si fosse verificato per un semplice “caso fortuito”, consistito nel “comportamento negligente” della stessa danneggiata.

Evidenziava la Cassazione, in particolare, che, sulla base della ricostruzione della dinamica del sinistro, nonché di quanto dichiarato dalla danneggiata in sede di interrogatorio, l’evento dannoso doveva ricondursi “solo alla disattenzione della danneggiata”.

In proposito, la Corte precisava che, nel caso di specie, “il dislivello di circa 20 centimetri avrebbe potuto essere intrinsecamente pericoloso” ma che “le condizioni di illuminazione e la presenza della doppia porta, avrebbero reso superabile il pericolo – comunque ingeneratosi – se la danneggiata avesse tenuto un comportamento ordinariamente cauto”.

A sostegno della propria decisione, la Corte di Cassazione richiamava una precedente sentenza (la n. 23585 del 2013), con la quale era stato affermato che, ai sensi dell’art. 2051 cod. civ., laddove venga accertato, “che la situazione di possibile pericolo, comunque ingeneratasi, sarebbe stata superabile mediante l’adozione di un comportamento ordinariamente cauto da parte dello stesso danneggiato, deve escludersi che il danno sia stato cagionato dalla cosa, ridotta al rango di mera occasione dell’evento, e ritenersi, per contro, integrato il caso fortuito”.

Alla luce di tali considerazioni, la Corte di Cassazione rigettava il ricorso proposto dalla condomina, confermando integralmente la sentenza impugnata, condannando la ricorrente anche al pagamento delle spese processuali.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.


Notizie Correlate