Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto bancario - -

Carta di credito: il consumatore che la utilizza non è più tenuto ad esibire il documento di identità

Carta di credito: il consumatore che la utilizza non è più tenuto ad esibire il documento di identità
A far data dal primo gennaio 2016 non è più necessario esibire il proprio documento di identità per eseguire pagamenti con moneta elettronica.
Le Legge di Stabilità 2016, al fine di ridimensionare il fenomeno dell’evasione fiscale soprattutto da parte degli esercenti commerciali, ha incentivato l'uso delle carte di credito e di debito a fronte dell’utilizzo del denaro contante, riducendo ad Euro 5,00 l’importo minimo da sostenere per eseguire i pagamenti con moneta elettronica e senza la necessità di esibire un documento di riconoscimento.
Nel nostro ordinamento, si badi bene, nessuna legge autorizza l’esercente di un’attività commerciale a richiedere ai consumatori l’esibizione di tale documento ed eventuali richieste potrebbero pertanto essere denunciate come abuso.

Grazie alla svolta posta in essere con la Legge di stabilità, quindi, tutti i professionisti e/o commercianti che rifiutino il pagamento con strumenti elettronici rischiano sanzioni salate fissate da apposito decreto attuativo, salvo i casi in cui il pagamento elettronico non possa essere disposto a causa di una oggettiva impossibilità tecnica.
All’uopo sembra tuttavia utile richiamare l’attenzione su quanto spesso sostenuto dalla giurisprudenza, tra cui spicca anche quella dell’Arbitro Bancario Finanziario, la quale ha colto l’occasione per precisare come a volte il controllo di un documento di identità risponde ad esigenze di tutela, come quella ad esempio di verificare la corrispondenza tra la firma presente sul documento esibito dal consumatore e quella apposta da quest'ultimo sulla ricevuta emessa dal POS a seguito di pagamento con moneta elettronica.

Non esiste, tuttavia, un obbligo di legge.
E allora, cosa fare nei casi in cui il negoziante insista e non ci permetta di pagare con carta?
In questo caso il cliente ha possibilità di sporgere denuncia contro l’esercizio commerciale per aver rifiutato il mezzo di pagamento elettronico.
Successivamente saranno le autorità amministrative che potranno applicare le sanzioni.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate