Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto urbanistico - -

Quando un immobile č abusivo?

Quando un immobile č abusivo?
Quanti e quali difformità può presentare un immobile? C'è sempre abuso edilizio in caso di irregolarità?
Come ben noto, ogni immobile, per essere realizzato, deve essere autorizzato da un procedimento dell'amministrazione comunale chiamato titolo abilitativo, la cui normativa di riferimento si rinviene oggi nel Testo Unico dell’Edilizia, D.P.R. n. 380/01.

La corrispondenza tra il progetto depositato al comune da un tecnico abilitato e lo stato di fatto è ciò che si definisce regolarità urbanistica (detta anche regolarità edilizia) dell’immobile; ciò significa che, per verificare se un immobile (appartamento, villa, negozio o qualsiasi altro manufatto) sia dotato o meno della conformità urbanistica bisogna confrontare lo stato di fatto con il progetto depositato negli archivi comunali.

Tutte le volte in cui il manufatto sia stato modificato o realizzato in maniera difforme al progetto presentato al comune, non sarà possibile rilasciare la conformità urbanistica, la quale potrebbe essere necessaria per una compravendita, in caso di interventi edili (come per una ristrutturazione), o per richiedere un mutuo.

Esistono diversi tipi di difformità che non permettono il rilascio della conformità, potendosi al riguardo distinguere tra:

  • edificio abusivo: si ha quando non esiste alcun titolo abilitativo (l'immobile è stato realizzato senza nessun provvedimento amministrativo); in questo caso solo un nuovo condono edilizio o un permesso di costruire in sanatoria possono sanare la situazione.
  • piccole modifiche interne: in questo caso è possibile sanare la situazione con una CIL per lavori già eseguiti (se i lavori sono stati effettuati dopo il 26 maggio 2010) o con una DIA in sanatoria. Ne sono un esempio: spostamento di alcune stanze, demolizione di tramezzi, unione del soggiorno e della cucina.
  • modifiche esterne e aumento di volumetria: è possibile sanarle con una DIA o Permesso di Costruire in Sanatoria (esempio: chiusura del balcone con una veranda, apertura di una finestra o porta, cambio di destinazione d'uso, fusione o frazionamento di unità immobiliari).


Si tenga presente che ciò che permette di verificare la presenza o meno di un abuso edilizio non è mai il catasto ma solo il titolo abilitativo al comune, avendo il catasto rilevanza solo ai fini fiscali.


Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.