Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1759 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n.262)

Responsabilità del mediatore

Dispositivo dell'art. 1759 Codice civile

Il mediatore deve comunicare alle parti le circostanze a lui note (1), relative alla valutazione e alla sicurezza dell'affare, che possono influire sulla conclusione di esso [1746] (2).

Il mediatore risponde dell'autenticità della sottoscrizione delle scritture e dell'ultima girata dei titoli trasmessi per il suo tramite [2008].

Note

(1) Si tratta delle circostanze che il mediatore conosce e di quelle che avrebbe dovuto conoscere con la diligenza ordinaria (1176 c.c.).
(2) Il mediatore deve comunicare le circostanze di carattere economico attinenti all'affare (tra le quali importante è la solvibilità delle parti) nonchè quelle relative alle condizioni personali delle parti stesse (come ad esempio l'eventuale incapacità di una di esse che renda il contratto annullabile, v. 1425 c.c.) o del bene.

Ratio Legis

Il dovere di informazione che incombe sul mediatore è espressione del generale dovere di buona fede e correttezza che incombe sulle parti del rapporto obbligatorio (1175 c.c.), qui relativo, nello specifico, alla fase delle trattative tra i soggetti che si accingono a contrarre (1337, 1338 c.c.).

Spiegazione dell'art. 1759 Codice civile

Responsabilità del mediatore. Norme generali applicabili anche al contratto di mediazione. Doveri particolari del mediatore

Sotto la precedente legislazione si riteneva generalmente che il mediatore, oltre agli obblighi particolari stabiliti a suo carico dal codice di commercio o dalle leggi speciali, era soggetto, in base al contratto intervenuto con coloro che gli avevano conferito l'incarico, alle norme generali che il codice civile dettava per il caso d'inadempimento. La mediazione, infatti, era compresa fra i contratti bilaterali, con obblighi del mediatore verso le parti, e delle parti verso il mediatore, salvo la libertà di recesso. Obblighi, la cui inosservanza importava, nei casi congrui, l'applicazione delle sanzioni relative alla responsabilità. Si affermava perciò, in particolare per quanto riguarda il mediatore, che, nell'esplicazione della sua attività, ed in relazione alle sue funzioni, doveva prestare la diligenza dell'oculato mediatore.

Questi principi, con miglior ragione, devono applicarsi anche rispetto al codice in vigore, nel quale, come ovvio, anche il rapporto di mediazione, al pari di tutti i contratti, resta soggetto alle disposizioni generali contenute nel libro quarto.
Le particolari funzioni, tuttavia, spesso delicate per l'affidamento delle parti, ed importanti per l'andamento del commercio e per la sicurezza delle operazioni di borsa con i necessari riflessi sull'economia generale, hanno consigliato di inserire, anche nella nuova legislazione, vari obblighi speciali; aumentandone anzi il numero rispetto alla legislazione precedente. Questi obblighi sono appunto indicati negli articoli 1759 e 1760. Alcuni, e precisamente quelli contenuti nell'art. 1759, sono comuni a tutti i mediatori, siano o no professionisti. Altri, menzionati nell'art. 1760, riguardano soltanto i mediatori professionali.


Notizie in ordine alla valutazione e sicurezza dell'affare. Capacità, identità e solvenza delle parti. Identità, quantità e qualità delle cose contratte

Il codice di commercio abrogato, nell'art. 29, considerava esplicitamente un solo caso di responsabilità particolare del mediatore: quello inerente alla verità dell'ultima sottoscrizione delle carte che passavano per le sue mani e che riguardavano gli affari da lui trattati. Onde, sotto l'impero del detto codice e delle leggi ad esso precedenti, si discuteva se i doveri del mediatore si estendessero ad assicurare reciprocamente i futuri contraenti circa la loro identità, capacità e solvenza; nonché a garantire l'identità, la quantità e la qualità delle cose oggetto della contrattazione principale. E la maggioranza degli autori era d'opinione che le accennate garanzie non entravano nelle funzioni del mediatore, salvo il caso di un patto specifico e salvo una contraria disposizione di legge. Si aggiungeva, peraltro, che il mediatore incorreva in responsabilità solo quando, conoscendo, o potendo conoscere, la non identità, o l'incapacità di alcuno dei contraenti l'avesse taciuta all'altro.

Ora, nella prima parte dell'art. 1759, si stabilisce che il mediatore deve comunicare alle parti le circostanze a lui note, relative alla valutazione ed alla sicurezza dell'affare. La disposizione è indubbiamente un riflesso dell'opinione dottrinale testé accennata. Ma è certo che, nella precisazione legislativa, il concetto ha ricevuto una limitazione, la quale appare più aderente alla posizione che assume l'intermediario ed alle funzioni che gli sono affidate. La limitazione cioè che egli incorre in responsabilità soltanto quando non dà comunicazione delle circostanze che sono a lui note. Questo significa che, se non vi è patto o disposizione in contrario, egli non ha alcun obbligo di fare indagini per assicurare reciprocamente le parti circa il boon fine dell'affare; essendo tali indagini riservate alla sagacia dei futuri contraenti che a ciò sono direttamente interessati.

Occorre aggiungere che l'indicazione, piuttosto generica, delle circostanze relative alla valutazione ed alla sicurezza dell'affare, autorizza a ritenere che vi rientrino tutte le notizie che riguardano sia, subiettivamente, i futuri contraenti, sia, obiettivamente, l'affare in sé considerato. Anche in ordine a questo punto si può trarne conferma dall'ultimo comma dell'art. 1764; in quanto contempla l'insolvenza e la capacità delle parti, portando a ritenere che vi si comprenda implicitamente anche l'identità: elemento non facilmente scindibile dalle situazioni anzidette.


Autenticità delle sottoscrizioni e dell'ultima girata

Il 2°comma dell'art. 1759 riproduce, con migliore formulazione, la disposizione già contenuta nell'art. 29 del codice di commercio abrogato.
Nell'art. 29 la sanzione fu estesa a tutti i mediatori; ed, in tal senso, deve pure intendersi in relazione all'articolo che si commenta. Questo precisa che la responsabilità, riguarda l'autenticità della sottoscrizione delle scritture e dell'ultima girata dei titoli. Precisazione senza dubbio opportuna per eliminare le discussioni che erano sorte in relazione alla formulazione non troppo chiara dell'art. 29. La quale, dalla dottrina prevalente, era stata intesa nel senso che la parola «carte» dovesse riguardare non soltanto i titoli di credito nominativi ed all'ordine, ma anche ogni altro documento che passasse per il tramite dell'intermediario relativamente all'affare da lui trattato. Né, a quanto sembra, la portata della norma ha subito spostamento nel codice attuale; restandone soltanto esclusi, come era già pacifico nella dottrina, i titoli al portatore, data la mancanza di qualsiasi formalità nella circolazione dei medesimi.
A questo dovere del mediatore è stato ricollegato, in questo caso, l'altro relativo alla garanzia dell'identità dei futuri contraenti; in quanto praticamente l'indagine sull'autenticità della firma è strettamente connessa a quella sull'identità personale della persona che ha firmato.

Appena è il caso di aggiungere che, in ordine agli estremi della responsabilità, ed agli effetti della medesima, si applicano le norme generali.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

726 Come l'agente (art. 1746 del c.c. e art. 1747 del c.c.), il mediatore deve informare le parti di ogni circostanza relativa all'affare che possa influire sulla valutazione della sua convenienza (art. 1759 del c.c., primo comma); a suo carico rimangono le responsabilità per le sottoscrizioni delle scritture e per l'autenticità dell'ultima girata dei titoli di credito, già previste nell'art. 29 cod. comm. (art. 1759, secondo comma); inoltre si considerano strettamente inerenti al contratto taluni obblighi professionali, di cui qualcuno era già menzionato nell'art. 2 cod. comm., altri derivano da leggi speciali e dall'attività normalmente professionale del mediatore (art. 1760 del c.c.). Infine il mediatore risponde per l'esecuzione dell'affare, quando non ha manifestato il nome del contraente (art. 1762 del c.c.) o se ha assunto fideiussione (art. 1763 del c.c.). Il mediatore, anche se non rivela il nome dell'altro contraente, conserva veste di intermediario e non si trasforma in diretto contraente; la sua responsabilità si giustifica per la possibilità, che il contraente, rimasto originariamente ignoto all'altro, con crea in questo la fiducia dì un esatto adempimento. In base ad una pretesa incompatibilità tra la figura del mediatore e quella del fideiussore, la giurisprudenza aveva negato che il mediatore potesse assumere fideiussione per uno dei contraenti. E' chiaro invece che l'incompatibilità non sussiste, sia perché la fideiussione rientra nel compito, proprio del mediatore, di agevolare la conclusione dell'affare, sia perchè il contratto di fideiussione, per quanto accessorio, rimane tuttavia diverso e distinto da quello principale; soltanto in quest'ultimo il mediatore non può essere parte. Sanzioni penali vengono stabilite a carico del mediatore che non adempie agli obblighi dell'art. 1760 o che presta la sua attività nell'interesse di persona notoriamente insolvente o della quale conosce lo stato d'incapacità (art. 1764 del c.c.).

Massime relative all'art. 1759 Codice civile

Cass. civ. n. 8849/2017

Non rientra nella comune ordinaria diligenza, alla quale il mediatore deve conformarsi nell'adempimento della sua prestazione, ai sensi dell'art. 1176 c.c., lo svolgimento, in difetto di particolare incarico, di specifiche indagini di tipo tecnico giuridico. Pertanto, in caso di intermediazione in compravendita immobiliare, non è ricompreso nella prestazione professionale del mediatore l'obbligo di accertare, previo esame dei registri immobiliari, la libertà del bene oggetto della trattativa da trascrizioni ed iscrizioni pregiudizievoli.

Cass. civ. n. 6926/2012

In difetto di una diversa ed espressa richiesta del cliente in tal senso, il mediatore professionale immobiliare non è tenuto ad esaminare le conservatorie dei registri immobiliare per verificare in quale categoria catastale rientri l'immobile, e, di conseguenza, se l'acquisto di esso consentirà all'acquirente il godimento dei benefici fiscali previsti per l'acquisto della prima casa.

Cass. civ. n. 16623/2010

In tema di responsabilità del mediatore, la mancata informazione del promissario acquirente sull'esistenza di una irregolarità urbanistica non ancora sanata relativa all'immobile oggetto della promessa di vendita, della quale il mediatore stesso doveva e poteva essere edotto, in quanto agevolmente desumibile dal riscontro tra la descrizione dell'immobile contenuta nell'atto di provenienza e lo stato effettivo dei luoghi, legittima il rifiuto del medesimo promissario di corrispondere la provvigione.

Cass. civ. n. 18515/2009

L'azione di risoluzione del contratto per inadempimento e la relativa azione risarcitoria hanno differenti presupposti applicativi, perché la prima esige che l'inadempimento di una delle parti non sia di scarsa importanza, avuto riguardo all'interesse dell'altra, mentre l'azione risarcitoria presuppone che l'inesatta esecuzione della prestazione abbia prodotto al creditore un danno; ne consegue che, in tema di mediazione, la condanna del mediatore al risarcimento del danno nei confronti di una delle parti per inadempimento del proprio dovere di informazione non implica automaticamente che il contratto debba essere risolto e che il mediatore perda il diritto alla provvigione. (Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza di merito che - dopo aver condannato il mediatore al risarcimento del danno nei confronti del cliente per non averlo informato dell'esistenza di una locazione ultranovennale, regolarmente trascritta, sull'immobile che questi aveva poi acquistato - aveva nel contempo stabilito che al mediatore spettasse il pagamento della provvigione, poiché l'avvenuta conclusione del contratto dimostrava la scarsa importanza dell'inadempimento).

Cass. civ. n. 16382/2009

Il mediatore, nel caso in cui agisca come mandatario, assume su di sé i relativi obblighi e, qualora si comporti illecitamente arrecando danni a terzi, è tenuto, a favore di questi ultimi, al risarcimento dei danni (Mass. redaz. ). 

Cass. civ. n. 19951/2008

Il mediatore ha, nei confronti dell'intermediato, il duplice obbligo di dichiarare le circostanze rilevanti dell'affare delle quali sia a conoscenza, e di tacere le circostanze delle quali egli non abbia sicura contezza. Viene, pertanto, meno a tali obblighi il mediatore che, richiesto dal venditore, dichiari la sicura affidabilità del compratore pur non avendolo mai conosciuto.

Cass. civ. n. 3437/2002

In caso di submediazione, la parte che in origine abbia dato incarico al mediatore ha — in applicazione analogica dell'art. 1595 c.c. — azione diretta nei confronti del submediatore, senza pregiudizio dei suoi diritti verso il mediatore originariamente indicato, che continua, perciò, ad essere tenuto anche alle obbligazioni di informazione, di comunicazione e di avviso, derivanti dall'art. 1759 c.c., se di tale norma sussistano le condizioni di applicabilità in relazione alle circostanze a lui note. 

Cass. civ. n. 6714/2001

In tema di mediazione, il limite dell'obbligo d'informazione che l'art. 1759, primo comma, c.c. pone a carico del mediatore non esclude affatto la possibilità di configurare la sua responsabilità per avere dato ad uno dei contraenti informazioni obiettivamente non vere, segnatamente se esse vertano su circostanze d'indubbio rilievo, quali quelle attinenti tra l'altro all'affermata ed inveridica assenza d'iscrizioni ipotecarie sull'immobile. Il generale dovere di correttezza, cui fa riscontro l'affidamento della parte nella veridicità delle affermazioni del mediatore sullo stato e sulle caratteristiche essenziali dell'immobile, gli impone per contro d'informare chi sia interessato all'acquisto della propria inconsapevolezza in ordine alla verità di quanto egli affermi, chiarendo che le notizie fornite sono incontrollate. Infatti l'affermazione di un fatto ne presuppone normalmente la conoscenza e non certo l'ignoranza; per converso, un fatto ignorato è normalmente taciuto e non anche affermato (necessariamente come vero, giacché la sua affermazione sarebbe altrimenti inutile).

Cass. civ. n. 4126/2001

Nell'attuale sistema normativo, quale risulta delineato dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, il mediatore è un operatore specializzato e, come tale, è tenuto nello svolgimento della sua attività ad osservare la diligenza qualificata richiesta all'operatore professionale. Ne consegue che l'obbligo di informazione gravante sul mediatore ex art. 1759 c.c. comprende non soltanto l'obbligo di comunicare alle parti le circostanze a lui note, ma anche quelle conoscibili con l'uso della diligenza richiesta ad un operatore professionale. Il grado di diligenza richiesto al mediatore professionale deve essere commisurato sia alle caratteristiche dell'affare che al livello di organizzazione del mediatore. Pertanto, se «l'affare» presenta particolari caratteristiche, il mediatore è tenuto ad una più penetrante verifica degli elementi rilevanti sulla valutazione e sicurezza dell'affare, soprattutto se, potendo avvalersi di mezzi e di una organizzazione propria, può agevolmente procurarsene la conoscenza. (Nella specie il mediatore professionale aveva procurato e ricevuto una proposta irrevocabile di acquisto, immediatamente vincolante per l'acquirente, relativa ad un immobile che era risultato gravato da iscrizioni e trascrizione pregiudizievoli in sede di stipula del contratto definitivo. Le trattative si erano svolte al «buio», essendosi ciascuna parte impegnata a sottoscrivere il preliminare di compravendita immobiliare senza conoscere l'altra ed il mediatore, nel corso delle stesse trattative, aveva avuto un ruolo di attiva assistenza. La Corte ha confermato l'affermazione di responsabilità del mediatore professionale, fondata anche sul rilievo che quanto emerso implicava, secondo un criterio di buona fede, un ampliamento dell'ambito di affidamento del cliente sulla correttezza e diligenza del professionista e l'assunzione implicita da parte di costui dell'obbligo di procurarsi, anche con mezzi propri, la conoscenza delle circostanze relative alla sicurezza dell'affare).

Cass. civ. n. 5107/1999

L'art. 1759, comma primo, codice civile, laddove impone al mediatore di comunicare alle parti le circostanze a lui note, relative alla valutazione e sicurezza dell'affare, che possono influire sulla sua conclusione, deve essere letto in coordinazione con gli artt. 1175 e 1176 dello stesso codice, nonché al lume della disciplina dettata dalla L. n. 39 del 1989, ché ha posto in risalto la natura professionale dell'attività del mediatore, subordinandone l'esercizio all'iscrizione in un apposito ruolo, che richiede determinati requisiti di cultura e competenza (art. 2), e condizionando all'iscrizione stessa la spettanza del compenso (art. 6). Ne consegue che il mediatore, pur non essendo tenuto, in difetto di un incarico particolare in proposito, a svolgere, nell'adempimento della sua prestazione (che si svolge in un ambito contrattuale), specifiche indagini di natura tecnico-giuridica (come l'accertamento della libertà dell'immobile oggetto del trasferimento, mediante le cosiddette visure catastali ed ipotecarie), al fine di individuare circostanze rilevanti ai fini della conclusione dell'affare a lui non note, è gravato, tuttavia, di un obbligo di corretta informazione, secondo il criterio della media diligenza professionale, il quale comprende, in senso positivo, l'obbligo di comunicare le circostanze a lui note o comunque conoscibili con la comune diligenza che si richiede al mediatore, nonché, in senso negativo, il divieto di fornire non solo informazioni non veritiere, ma anche informazioni su circostanze delle quali non abbia consapevolezza e che non abbia controllato, poiché il dovere di correttezza e quello di diligenza gli imporrebbero in tal caso di astenersi dal darle. Qualora, pertanto, il mediatore dia informazioni su circostanze di cui non abbia consapevolezza e che non abbia controllato, le quali si rivelino poi inesatte e non veritiere, si può configurare una sua responsabilità per i danni sofferti dal cliente. (Nell'affermare tali principi la Suprema Corte ha cassato con rinvio la sentenza d'appello, la quale, pur avendo il cliente provato che il mediatore gli aveva erroneamente comunicato l'inesistenza di ipoteche sull'immobile acquistato, aveva rigettato la domanda risarcitoria dello stesso, per non avere il medesimo provato la conoscenza da parte del mediatore della presenza di iscrizioni ipotecarie).

Cass. civ. n. 4791/1999

Poiché la legge n. 39 del 1989 subordina l'esercizio dell'attività di mediazione al possesso di specifici requisiti di capacità professionale, configurandola come attività professionale, l'obbligo di informazione gravante sul mediatore a norma dell'art. 1759 c.c. va commisurato alla normale diligenza alla quale è tenuto a conformarsi nell'adempimento della sua prestazione il mediatore di media capacità e pertanto deve ritenersi che il suddetto obbligo deve riguardare non solo le circostanze note, ma tutte le circostanze la cui conoscenza, in relazione all'ambito territoriale in cui opera il mediatore, al settore in cui svolge la sua attività ed ad ogni altro ulteriore utile parametro sia acquisibile da parte di un mediatore dotato di media capacità professionale con l'uso della normale diligenza. Non rientra tuttavia nella comune ordinaria diligenza, alla quale il mediatore deve conformarsi nell'adempimento della prestazione ai sensi dell'art. 1176 c.c., lo svolgimento, in difetto di particolare incarico, di specifiche indagini di tipo tecnico giuridico. (Nella specie si è ritenuto che in caso di intermediazione in compravendita immobiliare, non può ritenersi compreso nella prestazione professionale del mediatore l'obbligo di accertare previo esame dei registri immobiliari la libertà dell'immobile oggetto della trattativa, le trascrizioni ed iscrizioni pregiudizievoli.)

Cass. civ. n. 1102/1996

La domanda risarcitoria proposta nei confronti del promittente venditore perle circostanze o i vizi che diminuiscono il valore della cosa venduta non impedisce al promittente compratore di far valere nei confronti del mediatore che era a conoscenza delle predette circostanze o dei predetti vizi, l'inadempimento dell'obbligo di informazione al quale lo stesso è tenuto nei confronti delle parti, trattandosi di responsabilità afferenti a due diversi rapporti, quello nascente dal contratto preliminare con il promittente venditore e quello di mediazione con il mediatore.

Cass. civ. n. 5938/1993

Poiché nella mediazione, che consiste nel mettere in relazione due o più parti per la conclusione di un affare, i soggetti del contratto sono tenuti all'obbligo generale è reciproco della buona fede, il quale si concreta a norma dell'art. 1759 c.c. nel dovere del mediatore di fornire tutte le informazioni di cui egli sia a conoscenza (compreso lo stato d'insolvenza dell'altra parte), la parte tenuta al pagamento della provvigione può far valere, secondo i principi di cui all'art.1218 c.c., l'inadempimento del mediatore rispetto agli obblighi nascenti dalla mediazione ed indicati nell'art. 1759, primo comma, cit., per sottrarsi al pagamento della stessa provvigione.

Cass. civ. n. 5183/1988

L'azione di risoluzione per difetto, nella cosa venduta, delle qualità promesse ovvero di quelle essenziali per l'uso a cui è destinata (art. 1497 c.c.) e l'azione di responsabilità contro il mediatore per mancata comunicazione alle parti di circostanze a lui note relative alla valutazione ed alla sicurezza dell'affare, che possono influire sulla conclusione di esso (art. 1759 c.c.), configurano istituti autonomi privi di qualsiasi relazione di continenza, dipendenza o necessaria concorrenza, concernendo rapporti ed obblighi contrattuali patologicamente diversi e non interscambiabili. (Nella specie il compratore aveva agito contro il mediatore imputandogli di non avere comunicato al venditore di una partita di piastrelle in gres che queste, essendo destinate anche ad una pavimentazione all'aperto, dovevano essere resistenti al gelo).

Notizie giuridiche correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 1759 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Salvatore B. chiede
domenica 03/01/2016 - Piemonte
“buongiorno, se nella proposta di acquisto è presente una cantina che invece non esiste, quali sono le responsabilità dell'agente immobiliare? All'agente immobiliare in caso di conclusione dell'affare deve venire riconosciuta ugualmente la provvigione? Si può richiedere un riscarcimento danni? Grazie”
Consulenza legale i 08/01/2016
Ai sensi dell'art. 1755 del c.c. il diritto alla provvigione del mediatore sorge se l'affare è concluso per effetto del suo intervento. La giurisprudenza ha precisato, a riguardo, che per "affare" deve intendersi ogni operazione economica che genera un rapporto obbligatorio tra le parti, di modo che il diritto sorge quando vi è identità tra affare proposto ed affare concluso (anche se poi le parti sostituiscano a sé altri nella stipulazione conclusiva) (v. Cass. 20549/2004). Affinché il diritto nasca non è però sufficiente che l'affare sia concluso, essendo necessario che la conclusione avvenga per effetto dell'intervento del mediatore (Cass. 15880/2010).

Il mediatore deve adempiere l'incarico con diligenza (art. 1176 del c.c.). Altresì, l'art. 1759 co. 1 c.c. prevede che "Il mediatore deve comunicare alle parti le circostanze a lui note, relative alla valutazione e alla sicurezza dell'affare, che possono influire sulla conclusione di esso". Tale disciplina è poi completata da quella della l. 39/1989, che è volta a porre in risalto la natura professionale dell'incarico del mediatore. Da tutto ciò la Cassazione ha dedotto che l'obbligo di informazione del mediatore (pur se non è egli tenuto a svolgere indagini tecnico giuridiche particolari, salvo incarico apposito) comprende sia il dovere positivo di comunicare le circostanze note o conoscibili con la diligenza professionale richiesta sia quello negativo di non fornire informazioni non veritiere o di cui non abbia consapevolezza e che non abbia controllato, perché il dovere di diligenza gli impone, in tal caso, di astenersi; la violazione dell'obbligo, come descritto, è idonea a configurare sua responsabilità per i danni patiti dal cliente (Cass. 6926/2012, Cass. 16009/2003).

Nel caso di specie, sembra potersi affermare che l'esistenza o meno di una cantina integri una circostanza conoscibile con l'ordinaria diligenza da parte del mediatore (è sufficiente che egli effettui un sopralluogo sul posto). Di conseguenza, si può ritenere che questi fosse tenuto nel corso delle trattative a fornire la relativa informazione alle parti ovvero a non pronunciarsi se ne conosceva l'inesistenza o se non ne aveva consapevolezza perché non aveva controllato.

Secondo la Cassazione, inoltre, la descritta condotta del mediatore, che viola il dovere di informazione che su di lui incombe, è idonea a giustificare da un lato una valida ragione per opporsi alla sua richiesta di corrispondere la provvigione, dall'altro una altrettanto valida ragione per avanzare contro di lui istanza di risarcimento dei danni subiti (Cass. 6926/2012).

Testi per approfondire questo articolo