Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 586 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Acquisto dei beni da parte dello Stato

Dispositivo dell'art. 586 Codice civile

In mancanza di altri successibili (1), l'eredità è devoluta allo Stato (2). L'acquisto si opera di diritto senza bisogno di accettazione e non può farsi luogo a rinunzia [459, 519 c.c.].

Lo Stato non risponde dei debiti ereditari e dei legati oltre il valore dei beni acquistati (3).

Note

(1) Presupposto per l'applicazione della norma è che manchi un testamento (o questo disponga solo di parte dei beni) e/o non vi siano successibili legittimi che possano (es. per indegnità, vd. art. 463 del c.c.) o vogliano (es. per rinuncia, vd. art. 519 ss. c.c.) accettare l'eredità.
Ulteriore requisito è che il defunto sia cittadino italiano o apolide residente in Italia.
(2) Si ritiene corretto qualificare lo Stato come un erede a titolo universale. Diversamente non avrebbe senso alcuno la previsione di cui al secondo comma circa la limitazione di responsabilità intra vires. Si parla in proposito di erede necessario.
(3) Lo stato risponde nei limiti di quanto ricevuto anche in assenza di inventario.
Si ritiene che il pagamento dei debiti ereditari debba avvenire secondo le modalità di cui agli art. 498 ss. del c.c..

Ratio Legis

La norma di chiusura consente di evitare che un patrimonio rimanga privo di titolare per effetto della morte di quello precedente ove non si possa far luogo alla successione legittima o testamentaria.

Brocardi

Fiscus post omnes
Intra vires
Testamentum desertum

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

272 Il progetto non considerava lo Stato come erede legittimo e faceva derivare l'acquisto, da parte da esso, delle eredità vacanti dalla sua alta funzione pubblicistica di tutela della ricchezza nazionale e dalla sua qualità sovrana. Pur riconoscendo che tale concezione può teoricamente apparire più soddisfacente, anche in considerazione dei caratteri anomali che l'acquisto dell'eredità da parte dello Stato deve necessariamente avere, ho ritenuto che non vi fossero ragioni pratiche per allontanarsi dalla concezione tradizionale che fa dello Stato un vero e proprio erede legittimo. Ho perciò incluso lo Stato nell'elenco dei successibili per legge riaffermando così esplicitamente la natura ereditaria del suo acquisto.

Massime relative all'art. 586 Codice civile

Cass. civ. n. 1549/2010

Nel caso di beni immobili acquistati dallo Stato, ex art. 586 c.c., a titolo di eredità, la mancata conoscenza da parte dell'Amministrazione dell'intervenuto acquisto non impedisce, ai sensi dell'art. 1163 c.c., nel testo (applicabile "ratione temporis") anteriore alla modifica di cui all'art. 1, comma 260, della L. n. 296 del 2006, il decorso del termine utile per l'usucapione del diritto da parte del terzo, dovendo escludersi in tal caso la natura clandestina del possesso continuato per venti anni ed esercitato pubblicamente e pacificamente.

Cass. civ. n. 2862/1995

L'acquisto dei beni (mobili, immobili e crediti) del defunto da parte dello Stato in mancanza di altri successibili, a norma dell'art. 586 c.c., avviene iure successionis e, quindi, a titolo derivativo, mentre l'acquisto dei beni immobili «che non sono in proprietà di alcuno», previsto dall'art. 827 c.c., avviene a titolo originario. Pertanto l'art. 67 dello Statuto speciale Trentino-Alto Adige, approvato con D.P.R. 31 agosto 1972, n. 670, stabilendo che «i beni immobili situati nella regione che non sono di proprietà di alcuno, spettano al patrimonio della Regione», ha apportato deroga all'art. 827 c.c., ma non ha modificato l'art. 586 c.c., che è tuttora in vigore nel territorio di quella regione, operando nel diverso campo della successione a causa di morte.

Cass. civ. n. 2873/1989

La limitazione di responsabilità prevista dal secondo comma dell'art. 586 c.c. - per il quale lo Stato non risponde dei debiti ereditari e dei legati oltre il valore dei beni acquistati - riguarda i soli debiti ereditari, cioè i debiti gravanti sul de cuius o sull'eredità, non già quelli, come l'obbligo imposto dalla condanna al pagamento delle spese processuali, che derivano da un comportamento processuale dello Stato, il quale abbia preferito resistere anziché riconoscere la giusta pretesa del creditore.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 586 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Anonimo chiede
domenica 18/06/2017 - Campania
“Funzionamento pratico successione dello Stato ex art. 586.

Proprieta' di mio zio ( seminativo arboreo) defunto il ..../.../2007, mancata accettazione degli eredi superstiti entro i 10 anni, dopo che gli stessi hanno accettato con beneficio di inventario.
Vari vincoli (ipoteche legali) insistenti su detta proprietà'.
Gradirei conoscere l'iter della procedura di devoluzione allo Stato, ovvero se la proprietà' venga poi acquisita dal Comune e se possibile acquistarla in una fase successiva (bando pubblico o qualcosa assimilabile ad un asta pubblica).
Inoltre, al fine di evitare che tale appezzamento di terreno, pressoché' adiacente alla mia proprietà', sia completamente abbandonato con crescita di sterpaglia con sviluppo di topi e serpenti, sia possibile darne comunicazione di tale successione dello Stato al Comune al fine di provvedere alla sua pulizia.
Grazie”
Consulenza legale i 23/06/2017
Prima di entrare nel merito del quesito, si ritiene indispensabile chiarire che, avendo i chiamati all’eredità manifestato la volontà di accettare con beneficio d'inventario, ma non avendo probabilmente poi dato corso alle operazioni di inventario, gli stessi non possono più decadere dal diritto di accettare l’eredità, ma soltanto acquisire la qualità di eredi puri e semplici (in tal senso si esprimono chiaramente gli artt. 485 e 487 c.c. relativi rispettivamente al chiamato all’eredità che sia nel possesso dei beni ereditari ed a colui che non lo sia).

Si tratta, infatti, di ipotesi in cui l’acquisto avviene ex lege, anche contro la volontà del chiamato, per sanzionare un suo comportamento lesivo dell’aspettativa dei creditori ovvero pericoloso dal punto di vista dell’individuazione dei beni facenti parte dell’asse ereditario.
Vigendo poi nel nostro ordinamento il principio secondo cui semel heres, semper heres, (una volta eredi si è sempre eredi), non solo non può apporsi un termine finale all’accettazione, ma essa sarà irrevocabile, in coerenza con il principio della certezza, a tutela dei creditori e, più in generale, degli stessi traffici commerciali.

Unica ipotesi di perdita del diritto di accettare è invece quella prevista dal 3° comma dell’art. 487 c.c., il quale prevede che il chiamato all’eredità, che non sia nel possesso dei beni ereditari e che abbia formato l’inventario non preceduto da dichiarazione di accettazione, perde il diritto di accettare se non accetta entro i successivi quaranta giorni; in questo caso la perdita del diritto di accettare è però immediata, non essendo necessario attendere il termine decennale di prescrizione.

Ora, dato per presupposto che si versi in quest’ultima situazione e che, pertanto, nessuno abbia accettato l’eredità, vediamo come funziona la successione dello Stato ex art. 586 c.c.

Tale norma disciplina il caso definito dell’eredità vacante (da distinguere dall’eredità giacente), ipotesi che si verifica appunto quanto risulta che non ci sono successibili.
Ebbene, se sulla funzione dell’istituto, ravvisata nella tutela dell’interesse collettivo alla conservazione dei beni del defunto e nella continuità dei rapporti giuridici-patrimoniali del de cuius (Mengoni), vi è sostanziale accordo, controversa risulta invece la natura giuridica dell’acquisto dei beni da parte dello Stato.

Infatti, secondo un indirizzo risalente nel tempo (Azzariti, Iannaccone) lo Stato acquisirebbe i beni a titolo originario, iure occupationis per ragioni di sovranità territoriale.
La dottrina più recente, invece, è concorde nel ritenere non trattarsi di acquisto a titolo originario, bensì a titolo derivativo, salvo poi a dividersi tra chi considera lo Stato erede in senso tecnico (così Mengoni, Capozzi) e chi invece ritiene che tale successione non possa essere qualificata come ereditaria (Cattaneo, Bonilini), rispondendo esclusivamente ad un interesse generale seppur conseguito con uno strumento privatistico.

La questione dell’acquisto a titolo originario ovvero derivativo non ha soltanto importanza dal punto di vista teorico, ma ha anche rilevanza pratica, poiché, in caso di acquisto a titolo derivativo, non saranno applicabili ai beni facenti parte di eredità vacante le norme, previste dagli Statuti delle regioni speciali, che stabiliscono l’attribuzione al patrimonio regionale dei beni immobili nullius ( Cass. 2862/1995).
A tal proposito l’art. 67 c.4 dello Statuto Speciale Trentino Alto Adige recita” I beni immobili situati nella regione che non siano di proprietà di alcuno spettano al patrimonio della Regione”; analoghe disposizioni sono contenute nello Statuto regione Sicilia (art.34) e Sardegna (art. 14 c.3).
Pertanto, qualora nel frattempo sia stato nominato, ad istanza di chiunque vi abbia interesse, un curatore dell’eredità giacente, questi, in caso di mancanza di eredi, dovrà consegnare i beni sempre allo Stato e non alle Regioni Autonome.

Si ritiene opportuno sottolineare, per ragioni di completezza, che, oltre al presupposto appena visto della mancanza di altri successibili, né ex lege né testamentari, ulteriore presupposto positivo per la devoluzione in favore dello Stato è poi l’applicabilità alla successione della legge italiana, vuoi per ragione di cittadinanza ovvero, in caso di straniero residente, in quanto abbia scelto la legge italiana per disposizione volontaria (testamentaria) ex art. 46 L. 218/95 ( riforma diritto internazionale privato).
La giurisprudenza ha ritenuto equiparabile alla mancanza di successibili il caso in cui i chiamati abbiano rinunciato, siano indegni, ovvero il diritto di accettare l’eredità sia prescritto (Cass. n. 5082/2006).

In presenza dei presupposti sopra illustrati, dunque, i beni facenti parte dell’eredità vacante andranno al Demanio dello Stato e non direttamente all’Ente locale (Comune) del luogo ove è situato il bene facente parte dell’eredità (il terreno seminativo arboreo).
Sarà l’Agenzia del Demanio, deputata alla gestione del Patrimonio immobiliare dello Stato per conto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, l’ente a cui potersi rivolgere per qualsiasi esigenza che possa insorgere dalla gestione di tale bene, ivi compresa ovviamente la cura e manutenzione di esso, onde evitare che lo stesso possa diventare fonte di pericolo per la proprietà dei confinanti.

Si fa presente, a tal uopo, che esiste un portale dedicato a tale Agenzia, di cui per comodità si allega il link:
https://venditaimmobili.agenziademanio.it/AsteDemanio/sito.php/chisiamo
contenente perfino una vetrina immobiliare, nella quale vengono pubblicati gli avvisi di vendita di quegli immobili che l’Agenzia ritiene utile dismettere mettendoli all’asta.

Infine, si ritiene opportuno dire che la soluzione più lineare, nel caso in cui si abbia intenzione di far devolvere dei beni ereditari al patrimonio dello Stato, sarebbe quella di attivare la procedura per l’apertura dell’eredità giacente ex art. 528 e ss. c.c., in modo da far sì che, alla chiusura della giacenza, sia il curatore a consegnare relazione e beni, sia mobili che immobili, al Demanio affinché questo ne prenda possesso.

Il Curatore provvederà a redigere verbale di consegna che, in copia sottoscritta verrà depositato nel fascicolo della procedura (solitamente di tale verbale ne vengono fatte tre copie, una per il Demanio, una per il Tribunale ed una per lo stesso curatore).

Normalmente poi è il Demanio, quando riceve la comunicazione del Curatore, ovvero allo scadere del decennio dalla apertura della successione, che chiede alla Cancelleria copia conforme del provvedimento di devoluzione.

Sonia chiede
martedì 31/05/2011 - Campania

“In persona di quale Ministero, lo Stato è successore ex lege in mancanza di eredi fino al sesto grado?”

Consulenza legale i 03/06/2011

In persona del Ministero dell'Economia e delle Finanze e dell'Agenzia del Demanio.


Testi per approfondire questo articolo

  • La successione necessaria

    Collana: Nuova giurisprudenza dir. civile e comm.
    Pagine: 528
    Data di pubblicazione: aprile 2012
    Prezzo: 50,00 -5% 47,50 €

    L’opera analizza tutta la disciplina in tema di successione necessaria, esaminando le questioni legate ai soggetti di tale istituto (il coniuge, i figli e gli ascendenti) e quelle inerenti alla reintegrazione dei diritti dei legittimatari.

    Il volume, frutto dell’esperienza professionale e didattica dell’Autore, fornisce una lettura teorico-pratica della normativa contenuta nel codice, senza trascurare l’analisi di quella speciale e della casistica più... (continua)

  • Le successioni
    [volume 4] La successione legittima e necessaria

    Collana: Trattato di diritto civile
    Pagine: 320
    Data di pubblicazione: ottobre 2009
    Prezzo: 38,00 -5% 36,10 €

    L’opera, che apre la sezione del Trattato legato alla successione, analizza in modo estremamente approfondito e completo uno degli istituti classici del diritto privato, la successione legittima, al fine di offrire un quadro aggiornato e completo della materia. Il volume, frutto dell’esperienza professionale e didattica degli Autori, fornisce una lettura teorico-pratica della normativa contenuta nel codice, senza trascurare l’analisi della casistica più... (continua)

  • Successioni mortis causa nella famiglia legittima e naturale

    Editore: CEDAM
    Collana: Biblioteca del diritto di famiglia
    Data di pubblicazione: luglio 2012
    Prezzo: 42,00 -5% 39,90 €

    Attualmente, in Italia, la successione resta un fenomeno strettamente legato alla famiglia, poiché il codice detta le regole della successione necessaria (per le quali, come si è detto, buona parte del patrimonio deve essere destinato ai familiari) e perché, in assenza di manifestazione di volontà da parte del titolare di beni (testamento), alla sua morte gli stessi passano automaticamente ai familiari (successione legittima). Il dettato legislativo non... (continua)