Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1811 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Morte del comodatario

Dispositivo dell'art. 1811 Codice civile

In caso di morte del comodatario, il comodante, benché sia stato convenuto un termine (1), può esigere dagli eredi l'immediata restituzione della cosa.

Note

(1) La norma si applica sia per l'ipotesi in cui il comodato sia previsto a termine sia per il caso di comodato c.d. precario (1810 c.c.).

Ratio Legis

La previsione si giustifica in considerazione del fatto che si tratta di ipotesi tipica di contratto intuitus personae per il quale, cioè, è determinante la persona del contraente.

Spiegazione dell'art. 1811 Codice civile

Restituzione per morte

Giustamente, il nuovo codice pone in rilievo (in armonia con quanto disposto circa l'incedibilità dell'uso: art. 1804 del c.c.), come il benecium attribuito col comodato sia strettamente personale: la morte del comodatario, pertanto, se non ha virtù di risolvere automaticamente il rapporto, da facoltà al comodante di risolverlo senz'altro. Ciò, innovando nei confronti del vecchio codice che, all' art. 1807, riteneva che la morte delle parti fosse indifferente — di regola — per le sorti del contratto, a meno che, cioè, non risultasse stipulato a in riguardo del solo comodatario, ed a lui personalmente.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 1811 Codice civile

Cass. civ. n. 8409/1990

In tema di comodato, in caso di morte del comodatario il comodante ha facoltà di recedere dal contratto anche quando sia stato pattuito un termine a norma dell'art. 1811 c.c., determinandone la anticipata risoluzione del rapporto mediante idonea manifestazione di volontà come nel caso di comodato a tempo indeterminato, con conseguente obbligo per gli eredi di immediata restituzione della cosa. Peraltro, qualora detta facoltà non venga esercitata, il rapporto prosegue con le caratteristiche e gli obblighi iniziali anche rispetto agli eredi.

Cass. civ. n. 1772/1976

Nel comodato a tempo indeterminato, non stipulato espressamente intuitu personae, la morte del comodatario non estingue automaticamente il rapporto, ma l'estinzione si ha solo allorquando il comodante chieda agli eredi la restituzione della cosa.

Cass. civ. n. 1407/1976

Il comodato si estingue con la morte del comodatario, anche se non è spirato ancora il termine previsto dal contratto; ed a maggior ragione con quell'evento si estingue il comodato senza determinazione di durata, altrimenti noto come precario; di conseguenza, qualora nell'immobile si immetta un successore del comodatario, il medesimo non può essere considerato, per tale sua qualità, detentore del bene, dovendosi invece esaminare se il potere di fatto dallo stesso personalmente iniziato, possa essere valutato autonomamente rispetto alla situazione precedente, come vero e proprio possesso, in quanto tale, utile anche agli effetti dell'usucapione.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 1811 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Domenico M. chiede
venerdì 01/12/2017 - Puglia
“Alcuni anni fa Tizio concesse a Caio, in comodato gratuito, un immobile di sua proprietà. Per la precisione, detto immobile, ubicato in una zona agricola, era poco più di uno “jazzo”, cioè un recinto scoperto, in pietra, di circa 300 mq., adibito al ricovero notturno degli animali da pascolo. Nel contratto le parti convenivano che, alla cessazione del rapporto contrattuale, Caio avrebbe restituito l'immobile a Tizio previo pagamento da parte di quest’ultimo delle migliorie apportate (quest’ultima pattuizione era stata inserita nel contratto sottoscritto fra le parti). In particolare, nella scrittura privata, il comodante concedeva al comodatario la facoltà di apportare modifiche all’immobile per adeguarlo all’uso che Caio intendeva farne (ricovero di mezzi agricoli), assicurarne una migliore staticità e installare impianto di videosorveglianza.
Allo scopo di renderlo funzionale alle sue esigenze, Caio provvide, a propria cura e spese, a migliorare lo stato dei muri perimetrali dell’immobile, a installare una copertura metallica a mo’ di tettoia nonché a dotare l’ingresso del locale così creatosi di porte adeguate e sicure per meglio custodire i mezzi agricoli. Dette migliorie avvennero senza alcun tipo di autorizzazioni edilizie e senza variare la destinazione d’uso del fabbricato così realizzato che, evidentemente, acquisiva nuova tipologia e caratterizzazione edilizia (da precisare che il vecchio "jazzo"/recinto non era accatastato e non lo è neppure l’immobile venutosi a creare con le migliorie suddette). Si specifica altresì, che la realizzazione di dette addende non vennero sottoposte per iscritto, in ordine all’entità e costi, al comodante, ma da questi furono autorizzate verbalmente.
Circa un anno fa Caio è deceduto e, di conseguenza, Tizio, con ben due raccomandate, ha provveduto a chiedere formalmente ai figli/eredi di Caio la liberazione dell’immobile dai mezzi agricoli e la sua restituzione. Gli eredi di Caio non hanno ritenuto di ottemperare alle richieste di Tizio sia perché non hanno altro luogo per ricoverare i mezzi agricoli sia perché, alla loro richiesta di vedersi rimborsare le spese (documentate) relative alle migliorie apportate da Caio, Tizio non ha inteso provvedere.
Vista la ostinazione degli eredi di Caio nel continuare a detenere il fabbricato, Tizio notificava ricorso ai sensi dell’art. 702-bis c.p.c. con cui citava in giudizio gli eredi di Caio e chiedeva un provvedimento del giudice al fine di riottenere il possesso dell’immobile.
I quesiti sono i seguenti:
Posto che gli eredi di Caio non hanno ancora provveduto, a distanza di quasi due anni dal decesso del loro genitore, a rivolgersi ad un notaio ed aprire formalmente la successione, qual è la loro posizione processuale? Possono considerarsi legittimati passivi? Devono costituirsi in giudizio? E se sì, cosa possono eccepire per tentare una difesa?
In ordine alle migliorie apportate all’immobile da Caio, i detti eredi sono legittimati a proporre un’azione per vedersi riconosciuto il rimborso delle spese sostenuta dal loro genitore defunto? Devono proporre un giudizio autonomo o possono proporre riconvenzionale all’interno dell’azione già proposta ai sensi dell’art. 702-bis c.p.c. da Tizio nei loro confronti?
In ordine ai succitati quesiti sarei lieto di ricevere adeguata soluzione completa di riferimenti normativi e giurisprudenziali.
Grazie.
D. M.”
Consulenza legale i 14/12/2017
Il caso trattato nel quesito pertiene in primo luogo alla fattispecie prevista dall’art. 1811 del codice civile relativo alla morte del comodatario: “In caso di morte del comodatario, il comodante, benché sia stato convenuto un termine, può esigere dagli eredi l'immediata restituzione della cosa.“
Quindi, legittimamente, Tizio aveva richiesto la restituzione agli eredi di Caio.
Quanto alle migliorie apportate da quest’ultimo, occorre far riferimento all’art. 1808 del codice civile.
Sul punto, la Cassazione con sentenza n. 13339 del 30 giugno 2015 ha ribadito un costante orientamento giurisprudenziale in materia statuendo che: “La disposizione dell'art. 1808 c.c., esclude il diritto del comodatario al rimborso delle spese sostenute per servirsi della cosa (comma 1), prevedendo un'unica eccezione per le spese straordinarie occorse per la conservazione della cosa, semprechè le stesse siano state necessarie ed urgenti (comma 2). A fronte del chiaro tenore della norma, risulta implicitamente ma chiaramente esclusa la possibilità che possa spettare un qualche rimborso (neppure nella forma dell'indennità o dell'indennizzo) per esborsi che, ancorchè abbiano determinato un miglioramento, non siano risultati necessari per far fronte ad improcrastinabili esigenze di conservazione della cosa. In tal senso si è già espressa la giurisprudenza di questa Corte,allorchè ha affermato che"il comodatario che, al fine di utilizzare la cosa, debba affrontare spese di manutenzione può liberamente scegliere se provvedervi o meno, ma, se decide di affrontarle, lo fa nel suo esclusivo interesse e non può conseguentemente, pretenderne il rimborso dal comodante.[...] La medesima giurisprudenza ha, peraltro, precisato che"il comodatario che, avendo sostenuto delle spese ordinarie, si sia vista rigettata l'azione di rimborso avanzata ai sensi dell'art. 1808 cod. civ., non può esperire quella di illecito arricchimento, atteso che il requisito di sussidiarietà evocato dall'art. 2041 c.c., non consente che la relativa azione possa essere utilizzata in alternativa subordinata a quella contrattuale per eluderne gli esiti sfavorevoli, ove quest'ultima, sebbene astrattamente configurabile, non consenta in concreto il recupero dell'utilità trasferita all'altra parte" (ancora Cass. n. 1216/2012)”.
Alla luce di quanto precede, visto che si tratta di questioni essenzialmente di diritto che non richiedono una particolare istruttoria, correttamente è stata proposta l’azione ex art. 702 bis del codice di procedura civile.

Fatte queste brevi premesse, rispondiamo alle domande oggetto del quesito.

La posizione degli eredi di Caio che non hanno ancora accettato l’eredità è comunque quella di legittimati passivi.
Oltretutto, pur mancando una accettazione espressa dell’eredità, visti i fatti concludenti (in relazione proprio al terreno oggetto di comodato) si potrebbe ritenere essere intervenuta una accettazione tacita della medesima (art. 476 del codice civile). Ad esempio, si parla di accettazione tacita quando l’erede, nel possesso dei beni ereditari, non predispone l’inventario dei suddetti beni entro tre mesi dall’apertura della successione (art. 485 del codice civile).
Quanto all’onere probatorio, come ha ribadito la Suprema Corte con la sentenza 13 giugno 2014, n. 13491, grava su chi agisce in giudizio nei confronti del preteso erede l’onere di fornire la prova dell’assunzione da parte del convenuto della citata qualità.
In ogni caso, è comunque interesse del chiamato all’eredità costituirsi in giudizio. “Infatti, in tema di debiti ereditari, il soggetto chiamato all'eredità e che non l'abbia accettata, se si trova nel possesso di beni ereditari (art. 486 c.c.), può stare in giudizio per rappresentare l'eredità, ma, siccome non è ancora succeduto all'ereditando, non è soggetto passivo delle obbligazioni già pertinenti al suo dante causa e dunque contro di lui non può essere rivolta una domanda di condanna al pagamento di un debito ereditario. Quando, però, detta domanda sia stata proposta nei suoi confronti, egli ha l'onere di resistere sostenendo l'insussistenza della sua qualità di erede, al fine di conseguire il risultato di non essere condannato al pagamento del debito, in quanto, una volta che attraverso il giudicato sia stato accertato un diritto di una parte nei confronti di un'altra, tutte le questioni che avrebbero potuto essere fatte valere nel giudizio e che, se lo fossero state, avrebbero potuto condurre a negare quel diritto, non possono esserlo più e non possono, perciò, costituire oggetto di opposizione all'esecuzione, anche ai fini dell'allegazione della sopravvenuta rinuncia all'eredità.” (Cassazione Civile, sez.III, 03.09.2007, n. 18534.)

Quanto alle eventuali difese degli eredi chiamati in giudizio, essi avrebbero ben poche argomentazioni.
L’obbligo di restituzione appare pacifico per espressa previsione normativa (art. 1811 del codice civile). Quanto al rimborso delle spese sostenute dal comodatario, potrebbero forse tentare di provare che esse siano state necessarie per la conservazione della cosa. Ma, stando a quanto riportato nel quesito, gli interventi effettuati dal comodatario appaiono rientrare nella fattispecie prevista dal primo comma dell’art. 1808 del codice civile piuttosto che in quella relativa alle spese di conservazione.

Quanto alla legittimazione attiva dei chiamati all’eredità prima dell’accettazione (art. 460 c.c.) essi in teoria potrebbero esperire una autonoma azione ed in tal caso si avrebbe una conferma della accettazione tacita dell’eredità. Sul punto, citiamo una sentenza della giurisprudenza di merito: “l'esperimento delle azioni volte al reclamo e alla tutela della proprietà sui beni ereditari e al risarcimento per la loro mancata disponibilità, presuppone necessariamente l'accettazione dell'eredità stessa. Ciò perché si tratta di azioni che travalicano il semplice mantenimento dello stato di fatto quale esistente all'atto di apertura della successione e la mera gestione conservativa dei beni compresi nell'asse ereditario e che il chiamato all'eredità non avrebbe il diritto di proporle se non nel caso di accettazione della qualità di erede.” (Tribunale Milano sez. IV 12 febbraio 2013 n. 1994).

Ad ogni modo, rispondendo all’ultima domanda del quesito, gli eredi di Caio anziché esperire un autonomo giudizio nel senso sopra indicato, potrebbero tranquillamente proporre domanda riconvenzionale per chiedere il rimborso delle spese -a prescindere dalla sua infondatezza - nel medesimo giudizio instaurato ai sensi dell’art. 702 bis c.p.c., come espressamente ivi previsto al terzo comma; anche perchè, “se ritiene che le difese svolte dalle parti richiedono un’istruzione non sommaria, il giudice, con ordinanza non impugnabile, fissa l’udienza di cui all’articolo 183. In tal caso si applicano le disposizioni del libro II. Quando la causa relativa alla domanda riconvenzionale richiede un’istruzione non sommaria, il giudice ne dispone la separazione (art. 702 ter c.p.c.).

Testi per approfondire questo articolo