Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2272 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Cause di scioglimento

Dispositivo dell'art. 2272 Codice civile

La società si scioglie:

  1. 1) per il decorso del termine [2273, 2295, n. 9, 2448, n. 1] (1);
  2. 2) per il conseguimento dell'oggetto sociale o per la sopravvenuta impossibilità di conseguirlo [27, 2295, n. 5, 2448, n. 2] (2);
  3. 3) per la volontà di tutti i soci [1372, 2252, 2448, n. 5];
  4. 4) quando viene a mancare la pluralità dei soci, se nel termine di sei mesi questa non è ricostituita [27, 2284, 2323];
  5. 5) per le altre cause (3) previste dal contratto sociale [2284, 2484, n. 7].

Note

(1) Nel caso in cui la società sia stata costituita per un determinato tempo; in caso contrario la società semplice si intende costituita a tempo indeterminato e continua la sua attività fin quando non si verifica un'altra causa di scioglimento (v. 2273).
(2) L'impossibilità di realizzare l'oggetto sociale può essere determinata sia da eventi esterni alla società (es.: revoca della concessione amministrativa necessaria per l'esercizio di quella data impresa) sia da eventi interni (es.: distruzione dei beni aziendali, contrasto insanabile tra i soci, che impedisce la formazione della volontà sociale etc.).
(3) Oltre a quelle previste dalla legge, i soci possono prevedere nell'atto costitutivo altre cause di scioglimento della società.

Brocardi

Societas in tempus coita
Tamdiu societas durat, quamdiu consensus partium integer servatur

Spiegazione dell'art. 2272 Codice civile

Quando una società entra nella fase di scioglimento, muta il suo scopo sociale.
Essa infatti non avrà più come obiettivo il conseguimento e la distribuzione di utili (art. 2262) mediante l'attività imprenditoriale, bensì la definizione dei rapporti ancora in essere e la liquidazione delle quote, al fine di distribuire gli eventuali utili tra i soci.
L'estinzione della società si articola in due fasi, ossia il verificarsi di una causa di scioglimento ed il successivo procedimento di liquidazione, attuato nelle modalità previste dal contratto sociale o tramite uno o più liquidatori all'uopo nominati.
Venendo alle cause che determinano lo scioglimento della società semplice, la prima che viene in rilievo è il mero decorso del termine.
Il termine di durata dell'attività sociale non è previsto come elemento essenziale del contratto sociale e pertanto, in mancanza di espressa indicazione, la società avrà durata illimitata.
Il conseguimento dell'oggetto sociale determina l'estinzione della società, solo se sufficientemente delimitato e indicato. Come facilmente intuibile, è un fenomeno che si presenta di rado, in quanto di solito l'oggetto sociale è di carattere permanente (es. attività di compravendita).
L'impossibilità di conseguire l'oggetto sociale può invece manifestarsi più spesso, come ad esempio con l'entrata in vigore di una norma che impedisca lo svolgimento dell'attività sociale. Va posto in evidenza che l'impossibilità non deve preesistere alla stipula del contratto sociale, determinandosi altrimenti la nullità dello stesso.
Lo scioglimento per volontà dei soci è naturale conseguenza del principio generale dell'autonomia privata, cui si ricollega altresì lo scioglimento per altre cause previste liberamente dal contratto sociale.
La paralisi dell'attività sociale è vista ovviamente con sfavore dal legislatore, il quale infatti ha stabilito che il venire meno della maggioranza dei soci causa l'estinzione della società, a meno che essa (la maggioranza) non venga ricostituita entro sei mesi. Gli effetti dell'estinzione, in questo caso, decorrono dallo scadere dei sei mesi, e quindi con efficacia ex nunc.
La società può anche venir meno per effetto di un provvedimento dell'autorità governativa nei casi stabiliti dalla legge e, se l'oggetto sociale è l'esercizio di un'attività commerciale, in seguito alla dichiarazione di fallimento.
Al verificarsi di una causa di scioglimento la società entra automaticamente nella successiva fase di liquidazione.

Massime relative all'art. 2272 Codice civile

Cass. civ. n. 7964/2017

In tema di società di fatto, in mancanza della procedura di liquidazione, che è soltanto facoltativa, l’estinzione della società si verifica per effetto della cessazione dell’attività sociale, in assenza di obblighi di iscrizione e cancellazione a carico della stessa.

Cass. civ. n. 501/2016

Il recesso del socio da una società di persone composta da due soli soci (nella specie, una società in nome collettivo) e la mancata ricostituzione della pluralità della compagine sociale da parte del socio superstite determinano lo scioglimento della società, ex art. 2272, n. 4, c.c., non già la sua estinzione, con conseguente possibilità della stessa di essere sottoposta a fallimento entro l'anno dall'intervenuta cancellazione dal registro delle imprese ai sensi dell'art. 10 l. fall..

Cass. civ. n. 15622/2012

Le società di persone non si estinguono per effetto del mutamento della composizione societaria (nella specie, per intervenuta cessione di quote), potendo il venir meno del rapporto sociale in relazione ad un socio concorrere con il mantenimento dell'identità della società (nella specie, ai fini dell'usucapione), mentre lo scioglimento della società discende dal venir meno della pluralità dei soci e dalla sua mancata ricostituzione entro il termine di sei mesi.

Cass. civ. n. 16288/2009

Il verificarsi di una causa di scioglimento della società - non comportando l'estinzione dell'ente, ma unicamente l'instaurazione del procedimento di liquidazione, al cui esito potrà seguire l'estinzione - non produce l'automatico trasferimento dei beni sociali in capo ai soci, i quali non ne divengono comproprietari: pertanto, l'alienazione dei beni mobili ed immobili, compresi nel patrimonio della disciolta società, deve essere eseguita a cura dei liquidatori, nei compiti dei quali è incluso tipicamente tale incombente, senza necessità di alcuna autorizzazione assembleare (che, ove espressa, resta ininfluente al riguardo), al fine sia di soddisfare le ragioni di eventuali creditori sociali, sia di provvedere all'eventuale distribuzione tra i soci o alla devoluzione dell'attivo residuo, secondo le norme di legge o di statuto. (Fattispecie anteriore al D.L.vo 17 gennaio 2003, n. 6, in tema di impugnazione, da parte di alcuni soci, della deliberazione di una società cooperativa edilizia in liquidazione, avente ad oggetto l'autorizzazione al liquidatore ad alienare un immobile di proprietà della cooperativa).

Cass. civ. n. 12553/2004

Lo scioglimento non comporta anche l'estinzione della società, che è determinata, invece, soltanto dalla effettiva liquidazione dei rapporti giuridici pendenti, che alla società facevano capo, e dalla definizione di tutte le controversie giudiziarie in corso con i terzi per ragioni di dare e avere; ne consegue che, verificatosi lo scioglimento di una società di fatto per il venir meno, a causa della morte di uno dei due soci, della pluralità (non ricostituita) degli stessi, il socio superstite conserva tale qualità (senza che rilevi in contrario la circostanza che gli sia inibito il recesso) ed è, pertanto, assoggettabile a fallimento unitamente alla società,

Cass. civ. n. 11185/2001

Nelle società di persone, lo scioglimento per insanabile dissidio sorto tra i soci presuppone che la situazione di conflitto renda impossibile il raggiungimento dei fini sociali. (Alla stregua del principio di cui alla massima, la Suprema Corte ha confermato la decisione della corte territoriale che aveva ritenuto comprovata la impossibilità di conseguimento dell'oggetto sociale per il fatto che il dissidio tra i soci, iniziato con una ispezione che aveva posto in rilievo alcune irregolarità, era proseguito con la delibera di esclusione di uno di essi dalla compagine sociale, delibera che aveva dato luogo ad una complessa controversia, ed era stata dichiarata Illegittima dalla stessa Corte, ed aveva determinato la mancata approvazione del bilancio per diversi anni).

Cass. civ. n. 16175/2000

Il combinato disposto degli artt. 2252 e 2275 c.c., autorizza, in conformità con i principi generali in materia di società di persone, i soci di tali enti a determinare liberamente le modalità di liquidazione delle società, sia in via preventiva (nell'ambito delle pattuizioni costituenti l'oggetto del contratto sociale), sia in via successiva (mediante accordo tra i soci), atteso che le valutazioni in merito alle procedure di estinzione dei rapporti societari pendenti competono, innanzitutto, a coloro che si rendano interpreti degli interessi dell'ente, evitando, se del caso (ed ove possibile), di imporre l'osservanza di un procedimento formalizzato, eventualmente incongruo rispetto alle esigenze ed alle dimensioni della società a base personale (nelle quali le ragioni dei creditori sono già garantite dal regime di responsabilità illimitata dei soci).

Cass. civ. n. 3221/1999

Lo scioglimento di una società non ne produce l'estinzione, ma essa continua ad esistere con la stessa individualità, struttura e organizzazione, sia pure con un restringimento della capacità, derivante dalla modificazione dello scopo che non è più quello dell'esercizio dell'impresa, bensì quello della sua liquidazione, attraverso la definizione dei rapporti di credito e di debito con i terzi. (Fattispecie relativa ad una società in accomandita semplice).

Cass. civ. n. 10065/1996

Nel caso in cui venga meno la pluralità dei soci, la società può essere rappresentata in giudizio dal socio superstite, il quale ha facoltà di proseguire nell'attività concessagli dallo statuto di recupero dei crediti, che egli perde soltanto con la nomina del liquidatore.

Cass. civ. n. 6410/1996

Il dissidio tra i soci, benché non annoverato espressamente dall'art. 2272 c.c. tra le cause di scioglimento delle società personali, può risolversi in quella generale contemplata dal n. 2 del citato articolo, quando il conflitto tra i soci sia tale da rendere «impossibile» il conseguimento dell'oggetto sociale. Tuttavia non può considerarsi tale il conflitto causato da «gravi inadempienze» di uno dei soci, dal momento che in detta ipotesi i contrasti tra i soci possono essere eliminati estromettendo quello inadempiente a norma dell'art. 2286 c.c.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 2272 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Salvatore C. chiede
mercoledì 07/11/2018 - Sicilia
“Salve, sono un socio di una società snc di persone la società e composta da tre soci 40% 30% 30%. Per mettere la società in liquidazione ci vuole il consenso di tutti i soci o si va per maggioranza? Visto che un socio non si presenta al lavoro perché pensionato, si può escludere il socio non presente al lavoro?
Preciso che la società è sempre in attivo.”
Consulenza legale i 14/11/2018
Va preliminarmente detto che la risposta può variare a seconda del contenuto del contratto sociale (atto costitutivo della società).
Se in esso è scritto, infatti, che per lo scioglimento è sufficiente la maggioranza dei soci (che può essere calcolata, attenzione, per capi o per quote), si potrà procedere del tutto legittimamente in questo modo.
Diversamente, se il contratto sociale nulla dice sul punto, vale la regola generale dettata dall’art. 2272 c.c. (applicabile per rinvio contenuto nell’art. 2308 c.c. dedicato alle s.n.c.), ovvero quella del consenso di tutti i soci (unanimità).

Quanto sopra in forza della norma generale valevole per le società di persone e di cui all’art. 2252 c.c., secondo il quale le modifiche al contratto sociale si possono apportare solo con il consenso di tutti i soci, “se non è convenuto diversamente”: attenzione, peraltro, che la deroga consensuale può avvenire solo a favore del principio maggioritario (non si potrebbe, infatti, derogare alla regola del consenso unanime prevedendo la sufficienza del consenso di una parte minoritaria dei soci o di un terzo degli stessi).
La giurisprudenza conferma tale ragionamento.

Gli studiosi del diritto societario si sono interrogati spesso, laddove la disciplina delle società non si esprimeva sulla prevalenza del principio dell’unanimità o di quello della maggioranza, su quale di questi dovesse trovare applicazione: ma si è ritenuto, alla fine, che l’unanimità debba sempre prevalere quando si tratti di decisioni che riguardino la struttura organizzativa della società, mentre se si tratti di decisioni in ordine al funzionamento della società stessa si potrà applicare il principio maggioritario.
Ebbene, nel caso di specie non c’è alcun dubbio che la messa in liquidazione rientri nella prima categoria di decisioni.

Potrebbe, forse, esistere una “scappatoia” nel caso in esame.
Se il socio mancante (che non si presenta mai in assemblea), infatti, venisse interpellato in merito allo scioglimento della società e si opponesse, si potrebbe invocare la fattispecie del dissidio insanabile tra i soci, che è una delle cause di scioglimento della società individuate dalla giurisprudenza e dagli studiosi, solo qualora però – si noti bene – il dissidio sia tale da ostacolare il conseguimento dell'oggetto sociale.
Ad esempio, si è ritenuto che costituisca “insanabile dissidio” con le predette caratteristiche il fatto che due soci coltivino, in ordine all’amministrazione della società, liti giudiziarie da diversi anni.
E’ anche vero, tuttavia, che nel caso in esame si parla di società "in attivo" e parrebbe quindi che (il quesito non lo specifica) la volontà di sciogliere la società sia del tutto arbitraria ovvero non legata in alcun modo al funzionamento e/o all’andamento dell’attività sociale. Ad avviso di chi scrive, dunque, la tesi del dissidio tra i soci rimane difficile da sostenere.

Da ultimo, un'altra soluzione potrebbe essere quella di deliberare l’esclusione del socio per gravi inadempienze (se, beninteso, ne sussistano i presupposti: pare a chi scrive, infatti, che le frequenti assenze non possano essere ritenute "gravi inadempienze" al contratto sociale) in modo da escluderlo dalla compagine sociale e rendere poi più agevole ai soci rimasti la decisione in merito alla chiusura della società.


Testi per approfondire questo articolo

  • Trattato società di persone

    Pagine: 3520
    Data di pubblicazione: novembre 2015
    Prezzo: 180,00 -5% 171,00 €

    Il Trattato approfondisce le disposizioni del codice civile dedicate alle società di persone e alle loro vicende giuridiche, attraverso un commento autorale di alto profilo che coniuga l'analisi degli aspetti di maggior interesse nell'attività professionale, giuridica e notarile, con l'esame degli orientamenti della giurisprudenza e degli spunti più significativi offerti dalla dottrina. L'opera è arricchita da una selezione delle formule di uso frequente... (continua)

  • Gestione, responsabilità e fallimento nelle società di persone

    Autore: Iozzo Fabio
    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: febbraio 2016
    Prezzo: 46,00 -5% 43,70 €

    L'opera esamina il tema della manifestazione del potere gestorio e della responsabilità nelle società di persone e delle relative ricadute in ambito concorsuale, alla luce anche della riforma, da un lato, del diritto delle società di capitali, con i conseguenti effetti che essa ha determinato sulla disciplina delle società personali, dall'altro lato, del diritto fallimentare, che dal 2005 ad oggi ha introdotto nuove regole; e, avendo riguardo alla procedura di... (continua)

  • Le nuove società di persone. Con e-book

    Editore: Zanichelli
    Collana: Dottrina Casi Sistemi
    Pagine: 704
    Data di pubblicazione: luglio 2014
    Prezzo: 124,00 -5% 117,80 €

    Le società di persone, anche dopo la riforma del 2003, continuano a rappresentare una realtà giuridica ed economica di rilievo nel panorama delle imprese collettive. Le innovazioni introdotte nel 2003 concernono, come è noto, le società di capitali e le cooperative: tuttavia, in alcuni casi direttamente, in molte ipotesi in via indiretta, hanno profondamente inciso sulla disciplina della società a base personale e sulla sua interpretazione, tanto da poter... (continua)

  • La società in nome collettivo

    Editore: Giuffrè
    Collana: Trattati
    Data di pubblicazione: maggio 2015
    Prezzo: 90,00 -5% 85,50 €

    La collocazione nel codice civile, al centro tra le società di persone, rende la società in nome collettivo innanzitutto soggetto giuridico, centro di imputazione di situazioni attive e passive, ma non consente di attribuirle natura di persona giuridica, per l'assoluta preminenza delle caratteristiche (e delle facoltà) dei soci che vi partecipano. E rimane l'abilitazione all'esercizio di impresa commerciale, innestata sulla base strutturale dell'art. 2247 c.c.,... (continua)

  • Formulario notarile commentato
    Società in generale e società di persone

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: ottobre 2019
    Prezzo: 220,00 -5% 209,00 €
    La collana "Formulario Petrelli" si arricchisce di un nuovo volume dedicato al diritto societario, in particolare società in generale e società di persone. Il volume, diretto dal Notaio Marco Avagliano, è dedicato al diritto societario, in particolare società in generale e società di persone e, oltre a proporre gli atti specifici per ogni fattispecie, analizza nel dettaglio il rapporto del diritto societario con il diritto di famiglia - ponendo attenzione... (continua)