Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 624 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Violenza, dolo, errore

Dispositivo dell'art. 624 Codice civile

La disposizione testamentaria può essere impugnata da chiunque vi abbia interesse (1) quando è l'effetto di errore (2) [625 c.c.], di violenza (3) o di dolo (4) [1427 ss. c.c.].

L'errore sul motivo (5) [626 c.c.], sia esso di fatto o di diritto, è causa di annullamento della disposizione testamentaria (6), quando il motivo risulta dal testamento ed è il solo che ha determinato il testatore a disporre [634, 647, 648 c.c.].

L'azione si prescrive in cinque anni (7) dal giorno in cui si è avuta notizia della violenza, del dolo o dell'errore [2652 n. 7, art. 2690 del c.c. n. 4, art. 2948 del c.c. c.c.].

Note

(1) Legittimati ad impugnare le disposizioni testamentarie sono tutti coloro che potrebbero ricevere vantaggi dall'annullamento della disposizione invalida (es. gli eredi legittimi).
(2) L'errore consiste nella falsa rappresentazione della realtà fattuale (errore di fatto) o giuridica (errore di diritto) che incide sulla formazione della volontà.
Essendo il testamento un negozio giuridico unilaterale, non è richiesto che l'errore sia riconoscibile.
(3) La violenza consiste nel costringimento psicologico (c.d. violenza morale). Si ritiene, tuttavia, che in tema di testamento la violenza rilevante possa essere anche meno grave di quella richiesta per l'annullamento dei contratti.
La violenza fisica, escludendo in toto la volontà del soggetto, è causa di nullità del testamento.
(4) Il dolo consiste negli artifizi e raggiri posti in essere da un soggetto per deviare la volontà del testatore verso una direzione che, diversamente, non avrebbe preso. La sua sussistenza si valuta in relazione alle circostanze ambientali, culturali o psicologiche.
(5) E' errore sul motivo che rileva ai fini dell'annullamento quello che sia stato causa unica e determinante dell'atto, senza cui il testatore non avrebbe testato o avrebbe testato in maniera diversa.
(6) Deve desumersi dal testamento e deve essere stato la causa unica della disposizione testamentaria.
(7) Si tratta di un'eccezione alla norma generale di cui all'art. 2935 del c.c. in cui rileva l'impossibilità di mero fatto di esercitare il diritto.

Ratio Legis

I vizi della volontà del testamento hanno maggior rilevanza rispetto a quanto previsto in materia di contratti poichè si vuole garantire la massima tutela alla volontà testamentaria.

Brocardi

Captatoriae scripturae neque in hereditatibus neque in legatis valent
Errore scribentis testamentum iuris solemnitas mutilari nequaquam potest
Non solet exceptio doli nocere his quibus voluntas testatoris non refragatur
Omnia quae ex testamento proficiscuntur, ita statum eventus capiunt, si initium quoque sine vitio coeperint

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

303 Seguendo il codice del 1865, il testo precedente (articolo 170) si limitava a regolare, fra le altre cause d'invalidità delle disposizioni testamentarie, l'errore-vizio nel suo particolare aspetto di errore sui motivi, e lasciava ai principi generali la determinazione dell'influenza dell'errore ostativo sulla validità delle disposizioni stesse. Nel libro quarto, in relazione ai contratti, sono ora state regolate, a differenza di quanto faceva il codice del 1865, entrambe le specie di errore, facendone derivare in ogni caso l'annullabilità dei contratti. Ciò mi ha indotto a modificare l'art. 624 del c.c., per evitare il dubbio che si sia voluto escludere del tutto l'errore ostativo in materia testamentaria. Con questo non si è inteso in nessun modo ampliare, nei confronti del codice del 1865, la sfera d'influenza dell'errore nelle disposizioni testamentarie.
A proposito dello stesso articolo, inoltre, era stato suggerito di specificare che il dolo o la violenza inficiano il testamento da chiunque siano adoperati. Ma ho tenuto ferma la dizione del progetto definitivo, poiché, come è stato osservato nella relazione a detto progetto, in dottrina e in giurisprudenza è ormai pacifico che la limitazione posta nell'art. 1439 del c.c., primo comma, è inapplicabile agli atti unilaterali.
Ho infine apportato una lieve, se pure sostanziale, variante al secondo comrna di questo stesso articolo, nel quale è prevista l'impugnativa per errore sui motivi. L'art. 166 del progetto definitivo condizionava l'impugnazione per errore sui motivi a due circostanze, e cioè che il motivo fosse espresso e fosse il solo determinante la volontà del testatore. Ho considerato che, richiedendo tali requisiti, si rendeva eccessivamente rigorosa la prova dell'errore, il che era tanto più grava, in quanto, nel sistema del progetto, anche le forme di errore-vizio, che di regola sono rilevanti per l'annullamento dei contratti, non sono rilevanti per le disposizioni testamentarie, se non in quanto rientrano nella categoria dell'errore sui motivi e se non presentano i requisiti che la legge richiede per tale forma di errore. Ho perciò ritenuto opportuno eliminare la condizione del motivo espresso, limitandomi a richiedere che l'esistenza del motivo si deve desumere dal testamento, attraverso l'interpretazione della volontà del disponente, il che importa che non sia indispensabile un'esplicita enunciazione del motivo. Naturalmente però la dimostrazione della efficienza causale del motivo e della sua efficacia determinante della volontà non deve necessariamente risultare dal testamento, ma si può anche desumere aliunde.
Analoga modificazione ho apportata per ovvie ragioni di euritmia nell'art. 787 del c.c., relativo all'impugnazione della donazione per errore sul motivo.

Massime relative all'art. 624 Codice civile

Cass. civ. n. 4653/2018

In tema di impugnazione di una disposizione testamentaria che si assuma effetto di dolo, per potere configurarne la sussistenza non è sufficiente qualsiasi influenza di ordine psicologico esercitata sul testatore mediante blandizie, richieste, suggerimenti o sollecitazioni, ma occorre la presenza di altri mezzi fraudolenti che - avuto riguardo all'età, allo stato di salute, alle condizioni di spirito dello stesso - siano idonei a trarlo in inganno, suscitando in lui false rappresentazioni ed orientando la sua volontà in un senso in cui non si sarebbe spontaneamente indirizzata. La relativa prova, pur potendo essere presuntiva, deve fondarsi su fatti certi che consentano di identificare e ricostruire l'attività captatoria e la conseguente influenza determinante sul processo formativo della volontà del testatore.

Cass. civ. n. 24637/2010

Il motivo del testamento consiste nella ragione determinante di esso, come quella che domina la volontà del testatore nel momento in cui detta o redige le disposizioni di ultima volontà, cosicché, per potersi parlare di motivo erroneo, tale da rendere inefficace la disposizione, è necessaria la certezza, desumibile dallo stesso testamento, che la volontà del testatore sia stata dominata dalla rappresentazione di un fatto non vero, in modo da doversene dedurre che, se il fatto fosse stato percepito o conosciuto nella sua verità obiettiva, quella disposizione testamentaria non sarebbe stata dettata o redatta. L'apprezzamento del giudice di merito circa l'esistenza o meno del motivo erroneo, dedotto quale causa di annullamento del testamento, è incensurabile in sede di legittimità se sorretto da motivazione adeguata e immune da vizi logici ed errori di diritto.

Cass. civ. n. 2122/1991

Per affermare l'esistenza della captazione, la quale deve essere configurata come il dolus malus causam dans trasferito dal campo contrattuale a quello testamentario, non basta una qualsiasi influenza esercitata sul testatore per mezzo di sollecitazioni, consigli, blandizie e promesse, ma è necessario il concorso di mezzi fraudolenti, che siano da ritenersi idonei ad ingannare il testatore e ad indurlo a disporre in modo difforme da come avrebbe deciso se il suo libero orientamento non fosse stato artificialmente e subdolamente deviato.

Cass. civ. n. 254/1985

In tema di errore ex art. 624 c.c. è necessaria la dimostrazione che la volontà del testatore sia stata influenzata in maniera decisiva dalla percezione, come reali, di fatti diversi dal vero. Analogamente, in tema di dolo o violenza, sempre ex art. 624 c.c., occorre la prova che i fatti di induzione in errore o di violenza abbiano indirizzato la volontà del testatore in modo diverso da come essa avrebbe potuto normalmente determinarsi. Più in particolare, quanto al dolo, ad integrare la captazione non basta una qualsiasi influenza esercitata sul testatore attraverso blandizie, richieste, suggerimenti, sollecitazioni e simili, sia pure interessati, ma è necessario l'impiego di altri mezzi fraudolenti che, avuto riguardo all'età, allo stato di salute e alle condizioni psichiche del de cuius, siano idonei a trarlo in inganno, suscitando in lui false rappresentazioni ed orientando la sua volontà in un senso verso il quale non si sarebbe spontaneamente indirizzata.

Cass. civ. n. 1117/1975

È viziata la motivazione della sentenza che, nel rigettare la domanda di annullamento del testamento per violenza morale, ometta di tener conto dell'età, del sesso e della condizione del testatore.

Cass. civ. n. 2132/1971

L'errore sul motivo, assunto dall'art. 624 c.c. quale causa di annullamento della disposizione testamentaria, è quello che cade sulla realtà oggettiva e non sulle valutazioni della medesima e della sua rilevanza in ordine ai fini perseguiti dal testatore.

Cass. civ. n. 2007/1970

Il gradimento, manifestato dagli eredi potenziali nei confronti del contenuto di un testamento in corso di formazione, non è manifestazione di volontà giuridicamente idonea ad influire sulla libertà di autodeterminazione del testatore. Detto gradimento, anche se carpito da altro coerede potenziale, non può costituire errore sul motivo viziante la volontà testamentaria, poiché secondo l'art. 624, primo comma, c.c., l'errore sul motivo deve desumersi dallo stesso testamento al fine di rendere possibile la ricostruzione del processo formativo della volontà del de cuius e la individuazione del vizio invalidante.

Notizie giuridiche correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 624 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Grazia F. chiede
domenica 08/02/2015 - Sardegna
“Buongiorno, mia madre, morta lo scorso anno, ha fatto testamento olografo, in favore delle mie nipoti, figlie di mia sorella.
Nel testamento, scritto interamente di suo pugno, regolarmente datato e compiutamente firmato, mia madre precisa di voler lasciare un oliveto alle tre ragazze in quanto ha un debito di riconoscenza con il loro padre, mio cognato, per averla accolta in casa sua dopo la morte di mio padre.
Tale circostanza non risponde al vero, infatti mia madre, dopo la morte di mio padre, non ha abitato sempre da mia sorella, ma per oltre 15 anni ha vissuto con me. Tale circostanza è facilmente dimostrabile, infatti, ancora al momento della sua morte, mia madre aveva la residenza a ....., benchè non vi abitasse più da nove anni, essendo io dovuta andar via da casa e stabilirmi a Milano per curare una figlia malata. La circostanza è inoltre dimostrabile per il fatto che mia madre, invalida al 100% e portatrice di handicap ai sensi della L.104 , ha espressamente dichiarato in documenti ufficiali di convivere con la sottoscritta, che si occupava della sua salute. Cosa che è effettivamente avvenuta per quindici anni, finchè non ho dovuto andare in pensione e poi trasferirmi a Milano, tant'è che usufruivo al lavoro dei benefici della L.104.
In una lettera del 2013, a me indirizzata e ben successiva al testamento olografo, mia madre parla dell'oliveto (oggetto del lascito testamentario alle nipoti) come del " vostro oliveto" , riferendosi a noi figli e ripetendo la frase il vostro oliveto per ben tre volte.
Ho buoni motivi per ritenere che ci siano state nei confronti di mia madre coercizione e captazione e vorrei sapere se, nel caso prospettato siano ravvisabili le circostanze di errore , violenza e dolo di cui all'art, 624 del C.C. Gradirei anche conoscere la giurisprudenza sulla fattispecie. Mentre resto in attesa di cortese risposta, porgo cordiali saluti”
Consulenza legale i 12/02/2015
Quando accade - e accade molto spesso - che un testamento olografo non appaia genuino, in quanto la volontà in essa espressa appare diversa da quella che il testatore esprimeva a parenti e conoscenti in vita, si possono ipotizzare alcune fattispecie, alle quali l'ordinamento reagisce in vario modo.

Vi è innanzitutto l'ipotesi in cui il testatore abbia semplicemente mutato opinione. Nel testamento dice di voler lasciare un bene a Tizio, ma poi si comporta come se lo volesse lasciare a Caio.
Questa situazione non consente di ritenere "superato" il testamento, in quanto esso, seppur atto revocabile per eccellenza, è valido fintantoché una diversa volontà non sia esplicitata in un nuovo testamento o in un atto ricevuto da notaio (art. 680 del c.c.); oppure, finché un testamento successivo contenga disposizioni implicitamente incompatibili con quelle del testamento anteriore (art. 682 del c.c.).

La seconda ipotesi riguarda l'incapacità della signora di intendere e volere al momento della redazione del testamento: essa è causa di annullabilità dell'intero testamento ed è proponibile entro i 5 anni da quando le disposizioni ivi contenute furono effettivamente eseguite (art. 591 del c.c.: nei casi d'incapacità preveduti da questo articolo, il testamento può essere impugnato da chiunque vi abbia interesse).

In terzo luogo, è ipotizzabile la presenza di un vizio della volontà ai sensi dell'art. 624 del c.c.:
- si ha errore, cioè una falsa rappresentazione della realtà fattuale (errore di fatto) o giuridica (errore di diritto), quando il vizio è riscontrabile nel processo di formazione del volere;
- si ha violenza nei casi in cui al testatore sia applicato un costringimento morale, psicologico, tale da coartare la sua volontà (la violenza fisica, escludendo in toto la volontà del soggetto, è invece causa di nullità del testamento);
- infine, il dolo è configurabile laddove un terzo utilizzi raggiri ed inganni per far cadere in errore il testatore e costringerlo a formulare una disposizione testamentaria che altrimenti non avrebbe scritto.
La conseguenza in tutti e tre i casi è l'annullabilità della disposizione testamentaria viziata (non è necessario che cada sempre l'intero testamento). La relativa azione va proposta entro 5 anni dal giorno nel quale si ebbe conoscenza del vizio.

Infine, non va dimenticato che, nel caso in cui taluno abbia costretto altri a redigere testamento in proprio favore, questi risponde anche di alcuni reati (diritto penale), come quello di circonvenzione di incapaci di cui all'art. 643 del c.p..

La situazione descritta nel quesito può far pensare sia al primo caso proposto che ad un caso di dolo.

Da un lato, l'espressione "debito di riconoscenza con Tizio per averla accolta in casa sua dopo la morte di mio marito" non sembra implicare necessariamente che la stessa abbia vissuto per anni presso Tizio, ma che questi - ipotizziamo - l'abbia accolta nel momento di più profondo dolore per la perdita del marito. Non essendovi indicazioni temporali in tal senso, agli occhi di un interprete neutrale, la disposizione non risulta particolarmente sospetta.

Tuttavia, il sospetto nasce invece dal contenuto della lettera successiva (vicina al momento della morte), in cui la signora si riferisce all'oliveto come se lo stesso appartenga/dovrà appartenere ai figli e non ai nipoti.
Per aversi dolo (si parla propriamente in questi casi di "captazione", intesa come complesso di pressioni, menzogne o manifestazioni di affetto insincere) non è sufficiente, tuttavia, una qualsiasi influenza esercitata sul testatore per mezzo di sollecitazioni, consigli, etc.: è necessario l'utilizzo di mezzi propriamente fraudolenti, idonei ad ingannare il testatore e ad indurlo a disporre in modo difforme da come avrebbe deciso se il suo libero orientamento non fosse stato artificialmente deviato (v. recentemente Cass. civ., sez. II, 4.2.2014, n. 2448). Nel testamento, ancor più che in un normale contratto, per valutare se esiste il dolo si deve tenere conto delle condizioni di età e dello stato di salute psicofisica del testatore (v. ex multis Cass. civ., sez. II, n. 8047/01; Cass. civ., sez. II, n. 7689/99).
Si tratta di una prova il cui onere di dimostrazione incombe su colui che afferma l'esistenza del dolo, ed è una prova molto difficile da fornire. Essendo pressoché impossibile darne conto in modo diretto, la giurisprudenza ha ritenuto che la stessa possa desumersi anche da comportamenti e da accadimenti altrimenti incomprensibili, come ad esempio l'improvvisa ed immotivata diffidenza del testatore nei confronti dei parenti più stretti e la redazione, negli ultimissimi momenti della vita, di un testamento che favorisca altri soggetti (Cass. civ., sez. II, n. 4939/81: "Poiché la prova di una attività captatoria della volontà del testatore non può aversi normalmente in via diretta, la stessa può desumersi da comportamenti, atti, successione di eventi altrimenti non comprensibili e del testatore e di coloro che dalla frode stessa vengano a trarre beneficio"). In ogni caso la prova, pur potendo essere presuntiva, deve fondarsi su fatti certi che consentano di identificare e ricostruire l'attività captatoria e la conseguente influenza determinante sul processo formativo della volontà del testatore (cfr. Cass. civ, 28.5.2008, n. 14011).

Recentemente la Cassazione sembra seguire un orientamento ove lo stato precario di salute di corpo e di mente del testatore rappresenta il prerequisito della captazione testamentaria, potendosi quest’ultima riscontrare solo e soltanto qualora il testatore possa subire in concreto - per evidente debolezza - un condizionamento esterno (cit. sentenza n. 2448/2014).

Nel caso di specie ci si deve interrogare con attenzione su cosa avrebbe potuto vertere l'inganno, atteso che la signora ben sapeva quanto aveva vissuto presso il cognato dopo la morte del marito.

Se una coartazione della volontà fosse davvero avvenuta, in assenza di inganno ma in presenza di mero costringimento morale, si ricadrebbe nella diversa ipotesi della violenza (la cui prova risulta molto ardua).

Vista la difficoltà di intraprendere un giudizio di annullamento per dolo o violenza, è consigliabile valutare se non sia più semplice dimostrare che la signora, al momento della redazione del testamento, fosse incapace di intendere o volere.

Infine, per completezza del parere, si ricorda che il testamento olografo può essere redatto anche in forma di lettera, purché rispetti tutti i requisiti formali di legge (art. 602 del c.c.): si valuti se la lettera del 2013 possa qualificarsi eventualmente come disposizione testamentaria a favore dei figli, che potrebbe aver revocato implicitamente il testamento precedente.

Testi per approfondire questo articolo


→ Altri libri su Violenza, dolo, errore ←