Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 595

Codice Penale

Diffamazione

Dispositivo dell'art. 595 Codice Penale

Chiunque, fuori dei casi indicati nell'articolo precedente (1), comunicando con più persone (2), offende l'altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a milletrentadue euro.
Se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato (3), la pena è della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a duemilasessantacinque euro.
Se l'offesa è recata col mezzo della stampa [57-58bis] o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità (4), ovvero in atto pubblico [2699], la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore a cinquecentosedici euro.
Se l'offesa è recata a un Corpo politico, amministrativo o giudiziario, o ad una sua rappresentanza, o ad una Autorità costituita in collegio [342], le pene sono aumentate (5) (6).

Note

(1) Rispetto all'ingiuria ex art. 594, tale disposizione persegue la condotta dell'offendere rivolta verso persone non presenti, ovvero non solo assenti fisicamente, ma anche non in grado di percepire l'offesa.

(2) Il requisito della comunicazione tra più persone si considera integrato anche qualora questa avvenga in tempi diversi (si pensi al cd. passaparola).

(3) La dottrina si è diversamente espressa in merito al fatto determinato, dovendo per alcuni essere determinato nelle sue specificazioni di tempo, spazio e modalità così da essere irripetibile (teoria dell'irripetibilità), mentre altri propendono per considerare bastevole che non sia un fatto vago (teoria della concretezza).

(4) La nozione di "stampa" ex art. 1 della l. 8 febbraio 1948, n. 47 è identificata in tutte le riproduzioni tipografiche o comunque ottenute con mezzi meccanici o fisico-chimici, in qualsiasi modo destinate alla pubblicazione, cui si deve aggiungere qualsiasi altro mezzo di pubblicità realizzata utilizzando un qualunque strumento destinato ad un numero indeterminato di persone (si pensi ad esempio ai discorsi in luogo pubblico). Si ricordi che la l. 47/1978 prevede all'art. 13 un'aggravante nell'ipotesi di diffamazione a mezzo stampa consistente nell'attribuzione di un fatto determinato.

(5) Tale aggravante richiede implicitamente l'assenza dei soggetti elencati, diversamente si integrerebbe il reato ex art. 342.

(6) Vi si applicano le esimenti ex artt. 596, 598 e 599.

Ratio Legis

La disposizione trova il proprio fondamento nella necessità di garantire la cosiddetta reputazione dell'individuo, ovvero l'onore inteso in senso soggettivo quale considerazione che il mondo esterno ha del soggetto stesso.

Notizie giuridiche correlate

Hai un dubbio su questo argomento?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica.
(leggi l'informativa)

Quesiti degli utenti
relativi all'articolo 595 del c.p.

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

15/11/2015 Toscana
Giancarlo F. chiede

Qualche anno fa ho prestato dei soldi ad un amico, ma a tutt'oggi solo promesse e nessun euro restituito. (faccio notare che l'amico è nullatenente)
Pertanto chiedo: rischio condanna per diffamazione o che altro, se con un cartello posto sul mio petto si legge: Sig. cognome e nome ho bisogno di quei soldi che ti ho prestato, sono anni che li prometti. Con questo cartello il sottoscritto cammina su suolo pubblico davanti alla casa dove Lui abita, oppure cammina davanti alla casa dove abita la moglie, oppure cammina davanti alla casa dove abita la madre.

Consulenza legale i 16/11/2015

Prima di rispondere alla domanda proposta, ci corre l'obbligo di segnalare - anche se probabilmente si tratta di strade già inutilmente battute dal creditore - che questi può agire in sede civile per ottenere la restituzione della somma prestata, anche se risulta a suo carico l'onere di provare che le parti hanno concluso un contratto di mutuo (artt. 1813 e seguenti c.c.) e che risulta scaduto il termine entro il quale il debitore avrebbe dovuto restituire le somme ricevute.

Venendo alla specifica richiesta del quesito, si deve purtroppo avvisare il creditore che il comportamento che si vorrebbe tenere potrebbe configurare reato di diffamazione ai sensi dell'art. 595 del c.p.: la definizione legislativa dice che il delitto è commesso da chiunque "comunicando con più persone, offende l'altrui reputazione". Accusare un'altra persona di essere un debitore insolvente, ne offende certamente la reputazione.

In giurisprudenza si rinvengono alcuni casi simili anche se non identici a quello prospettato nel quesito.
In particolare, ci sembra significativa la fattispecie sanzionata nella sentenza 26.9.2014 n. 39986 della Corte di Cassazione (e in altre conformi): la pronuncia ha ravvisato l'ipotesi di diffamazione nella condotta di un amministratore del condominio che ha affitto al portone condominiale, laddove anche terzi potevano vedere, una comunicazione contenente i nominativi dei condomini morosi.
Del tutto irrilevante è stata considerata la circostanza di un effettiva morosità degli stessi condomini, in quanto non sussisteva "alcun interesse da parte dei terzi alla conoscenza di quei fatti, anche se veri". Non si può invocare nemmeno l’esimente del diritto di cronaca e di critica, premesso comunque che la scriminante in parole è in astratto ipotizzabile non solo in relazione all’attività di giornalisti o scrittori, ma anche rispetto al comune cittadino: "deve rilevarsi", ha sottolineato la Suprema Corte, "che la diffusione della comunicazione attraverso la sua affissione al portone d’ingresso, essendo potenzialmente conoscibile da un numero indeterminato di persone, integrava il delitto contestato, per essere carente, al di fuori del ristretto ambito condominiale, un qualsiasi interesse alla conoscenza della circostanza relativa alla morosità di alcuni condomini".

Le stesse argomentazioni, ci sembra, possono valere per la prospettata fattispecie: non sussiste un interesse dei terzi passanti a sapere che il signor Tizio deve dei soldi al signor Caio, e lo stesso può sentirsi diffamato dal fatto che il suo creditore "sbandieri ai quattro venti" la mancata restituzione dei denari prestati, anche se ciò corrispondesse al vero.
Per tali ragioni si sconsiglia di adottare la condotta descritta nel quesito, per evitare una querela per diffamazione da parte del debitore furbetto.

Piuttosto, si può cercare di ottenere una dichiarazione sottoscritta dal debitore in cui questi si impegna a restituire il denaro: con questo documento si può ottenere un decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo e procedere con il pignoramento anche solo mobiliare dei beni del debitore, inducendolo ad adempiere mediante azioni di forte impatto e disturbo della sua quiete (naturalmente, azioni legali e condotte da un ufficiale giudiziario in base ad un valido e legale titolo esecutivo!).


27/06/2015 Friuli-Venezia
Marcello chiede

Quesito penale.
Dopo la sentenza 2007 del magistrato della Corte dei Conti inerente ad una causa di servizio ho sentito una mia collega di lavoro affermare di essersi messa in contatto con il capo dell'ufficio del personale della questura che si occupa della mia pratica e di essere in questo modo venuta a conoscenza del contenuto dei miei fascicoli,certificazione medica,presunte indagini svolte,presunti risultati,presunte intenzioni del personale del ministero,che ha diffuso in fabbrica ai miei colleghi di lavoro sostenendo di stare dicendo la verità, innescando discussioni a non finire. Da anni continua con petulante accanimento, provocandomi ad alta voce, ha sostenere che il capo dell'ufficio del personale della questura avrebbe promesso alla sua famiglia che si rivolgerà alla magistratura alternando il si al nò, per le più svariate ragioni. Indipendentemente dal fatto che dica o meno la verità, la verità solo dove gli và bene a lei, supponendo abbia diffuso in fabbrica per sette anni solo la verità, i reali risultati delle indagini svolte e le intenzioni reali del responsabile della pratica.Per quali reati ,se commessi, la potrei denunciare?

Consulenza legale i 30/06/2015

Nel caso di specie si possono ipotizzare diverse fattispecie delittuose.
Il reato di diffamazione (art. 595 del c.p.) scatta quando un soggetto, comunicando con più persone, offende la reputazione di un terzo assente.
Se l’offesa riguarda l'onore o il decoro di una persona presente si ha ingiuria (art. 594 del c.p.).
La violazione della privacy, invece, è punita dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. All'art. 1 si afferma che “Chiunque ha diritto alla protezione dei dati personali che lo riguardano”.
L’art. 167 descrive la vera e propria fattispecie di reato: “Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, al fine di trarne per sé o per altri profitto o di recare ad altri un danno, procede al trattamento dei dati personali in violazione di quanto disposto dagli articoli 18, 19, 23, 123, 126 e 130, ovvero in applicazione dell’articolo 129, è punito, se dal fatto deriva nocumento, con la reclusione da sei a diciotto mesi o, se il fatto consiste nella comunicazione o diffusione, con la reclusione da sei a ventiquattro mesi”. Il reato è perseguibile a querela della persona offesa.

La collega di lavoro sembra aver commesso tutti i reati sopra indicati.
Da un lato, le dicerie negative sul conto del compagno di lavoro appaiono lesive dell’onore e della reputazione di quest'ultimo: il fatto che esse vengano diffuse tra i colleghi anche in assenza del diretto interessato sembra configurare pacificamente la punibilità a titolo di diffamazione.
Non può essere invocato da parte della collega il fatto che la notizia diffusa sia vera: si tratta di una scriminante solo per il delitto di diffamazione a mezzo stampa, che viene escluso quando risulta prevalente il diritto di cronaca del giornalista (si reputa in tal caso che la notizia pubblicata debba essere vera; che esista un interesse pubblico alla conoscenza dei fatti riferiti in relazione alla loro attualità ed utilità sociale; che l'informazione venga mantenuta nei giusti limiti della più serena obiettività).
Inoltre, anche se di fondo venisse raccontato un fatto reale, le modalità e i tempi della sua comunicazione risultano comunque lesivi della reputazione della persona offesa.

Oltre alla diffamazione, può aversi ingiuria nel caso di offesa rivolta direttamente alla persona di cui si lede l'onore, se si sono verificati degli episodi.

I delitti di ingiuria e diffamazione sono perseguibile a querela della persona offesa (art. 597 del c.p.); la proposizione della querela deve avvenire entro tre mesi, che decorrono dal giorno in cui si ha avuto notizia del fatto che costituisce reato (di regola, dal momento dell'offesa).

E' consigliabile rivolgersi ad un penalista che possa valutare con attenzione tutti i fatti e redigere la querela per conto della parte offesa, così da spiegare nel modo più corretto all'autorità pubblica quali sono le circostanze da cui emerge la commissione dei reati sopra ipotizzati.


Testi per approfondire questo articolo

  • Colpevolezza, diffamazione ed immagine della pubblica amministrazione

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: settembre 2015
    Prezzo: 22,00 -10% 19,80 €
    Categorie: Diffamazione

    L'opera analizza alcuni temi che si possono annoverare tra i classici del diritto penale dell'informazione. Partendo dallo studio del soggetto del reato, nel taglio specifico non ordinario, il lettore viene condotto verso la comprensione degli attori e degli interessi che sono coinvolti, anche solo potenzialmente, ogni volta che la dimensione dell'individuazione del reo s'incontra con il ruolo dei mass media. Il volume si distingue per l'attenzione e la cura dedicata all'analisi del ruolo... (continua)

  • Diffamazione a mezzo stampa e risarcimento del danno. Online, blog e social forum

    Editore: Giuffrè
    Collana: Fatto & diritto
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 55,00 -10% 49,50 €

    Il testo affronta in modo analitico la diffamazione a mezzo stampa attraverso l'esame della dottrina e di numerose di decisioni di giurisprudenza, da quelle storiche alle ultimissime, precedenti fondamentali per il lavoro dell'interprete. Le novità intervenute ma soprattutto la rivoluzione mediatica in atto, che sta modificando profondamente il sistema di produzione delle informazioni e la struttura delle comunicazioni, ne hanno suggerito la terza edizione. Al volume, quindi, non... (continua)

  • La diffamazione. Con e-book

    Data di pubblicazione: maggio 2016
    Prezzo: 85,00 -10% 76,50 €
    Categorie: Diffamazione
    Dove si colloca oggi il (mutevole) confine tra il diritto alla libera manifestazione del pensiero e quello alla tutela dell'altrui reputazione? Fin dove può arrivare il diritto di critica in ambito politico e sindacale? Cosa insegna il caso di Charlie Hebdo e fin dove può spingersi la satira religiosa? A che punto è l'elaborazione del diritto all'oblio? Come si quantifica il danno da diffamazione? Conviene costituirsi parte civile in un processo penale per diffamazione? O... (continua)

→ Altri libri su Diffamazione ←