Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 222 Codice della strada

(D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285)

[Aggiornato al 30/06/2020]

Sanzioni amministrative accessorie all'accertamento di reati

Dispositivo dell'art. 222 Codice della strada

1. Qualora da una violazione delle norme di cui al presente codice derivino danni alle persone, il giudice applica con la sentenza di condanna le sanzioni amministrative pecuniarie previste, nonché le sanzioni amministrative accessorie della sospensione o della revoca della patente.

2. Quando dal fatto derivi una lesione personale colposa la sospensione della patente è da quindici giorni a tre mesi. Quando dal fatto derivi una lesione personale colposa grave o gravissima la sospensione della patente è fino a due anni. Nel caso di omicidio colposo la sospensione è fino a quattro anni. Alla condanna, ovvero all'applicazione della pena su richiesta delle parti a norma dell'articolo 444 del codice di procedura penale, per i reati di cui agli articoli 589 bis e 590 bis del codice penale consegue la revoca della patente di guida. La disposizione del quarto periodo si applica anche nel caso in cui sia stata concessa la sospensione condizionale della pena. Il cancelliere del giudice che ha pronunciato la sentenza divenuta irrevocabile ai sensi dell'articolo 648 del codice di procedura penale, nel termine di quindici giorni, ne trasmette copia autentica al prefetto competente per il luogo della commessa violazione, che emette provvedimento di revoca della patente e di inibizione alla guida sul territorio nazionale, per un periodo corrispondente a quello per il quale si applica la revoca della patente, nei confronti del soggetto contro cui è stata pronunciata la sentenza(1).

2-bis. La sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente fino a quattro anni è diminuita fino a un terzo nel caso di applicazione della pena ai sensi degli articoli 444 e seguenti del codice di procedura penale.

3. Il giudice può applicare la sanzione amministrativa accessoria della revoca della patente nell'ipotesi di recidiva reiterata specifica verificatasi entro il periodo di cinque anni a decorrere dalla data della condanna definitiva per la prima violazione.

3-bis. Nel caso di applicazione della sanzione accessoria di cui al quarto periodo del comma 2 del presente articolo per i reati di cui all'articolo 589 bis, secondo, terzo e quarto comma, del codice penale, l'interessato non può conseguire una nuova patente prima che siano decorsi quindici anni dalla revoca; per il reato di cui all'articolo 589 bis, quinto comma, del codice penale, l'interessato non può conseguire una nuova patente prima che siano decorsi dieci anni dalla revoca. Tale termine è elevato a venti anni nel caso in cui l'interessato sia stato in precedenza condannato per i reati di cui all'articolo 186, commi 2, lettere b) e c), e 2-bis, ovvero di cui all'articolo 187, commi 1 e 1-bis, del presente codice. Il termine è ulteriormente aumentato sino a trenta anni nel caso in cui l'interessato non abbia ottemperato agli obblighi di cui all'articolo 189, comma 1, del presente codice, e si sia dato alla fuga.

3-ter. Nel caso di applicazione della sanzione accessoria di cui al quarto periodo del comma 2 del presente articolo per i reati di cui agli articoli 589 bis, primo comma, e 590 bis del codice penale, l'interessato non può conseguire una nuova patente di guida prima che siano decorsi cinque anni dalla revoca. Tale termine è raddoppiato nel caso in cui l'interessato sia stato in precedenza condannato per i reati di cui all'articolo 186, commi 2, lettere b) e c), e 2-bis, ovvero di cui all'articolo 187, commi 1 e 1-bis, del presente codice. Il termine è ulteriormente aumentato sino a dodici anni nel caso in cui l'interessato non abbia ottemperato agli obblighi di cui all'articolo 189, comma 1, e si sia dato alla fuga.

3-quater. Per i titolari di patente di guida rilasciata da uno Stato estero, il prefetto del luogo della commessa violazione adotta un provvedimento di inibizione alla guida sul territorio nazionale valido per il medesimo periodo previsto dal sesto periodo del comma 2. L'inibizione alla guida sul territorio nazionale è annotata nell'anagrafe nazionale degli abilitati alla guida di cui all'articolo 225 del presente codice per il tramite del collegamento informatico integrato di cui al comma 7 dell'articolo 403 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495.

Note

(1) La Corte Costituzionale, con sentenza 19 febbraio - 17 aprile 2019, n. 88, ha dichiarato "l'illegittimità costituzionale dell'art. 222, comma 2, quarto periodo, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada), nella parte in cui non prevede che, in caso di condanna, ovvero di applicazione della pena su richiesta delle parti a norma dell'art. 444 del codice di procedura penale, per i reati di cui agli artt. 589 bis (Omicidio stradale) e 590 bis (Lesioni personali stradali gravi o gravissime) del codice penale, il giudice possa disporre, in alternativa alla revoca della patente di guida, la sospensione della stessa ai sensi del secondo e terzo periodo dello stesso comma 2 dell'art. 222 cod. strada allorché non ricorra alcuna delle circostanze aggravanti previste dai rispettivi commi secondo e terzo degli artt. 589 bis e 590 bis cod. pen.".

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 222 Codice della strada

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

EMILIO D. chiede
lunedì 16/09/2019 - Lombardia
-Sinistro con ferito avvenuto il 08/04/2019 ore 14:00 auto/bici con ferito (di anni 77) con lesioni guaribili oltre i 40 giorni (lesione al femore), alla velocità di 8/10 km; ho chiamato sia il 118 che la polizia locale la quale si è annotata i dati di entrambi (ha preso le misure laddove era ferma l'auto, ma la bici era stata spostata dal proprietario che voleva andar via). La dinamica è che dopo aver dato precedenza a 3 auto lasciavo lo stop e mentre m'immettevo nella strada di fronte venivo urtato dall'estremità del paraurti anteriore dx dalla bici arrestando l'auto nell'immediato).

- Multa inviata il 17/07/2019 e ricevuta il 19/07/2019 dall'importo di € 167,00; meno 6 punti da decurtare dalla patente per art. 145 comma (comma non indicato) e senza nessuna sanzione accessoria;

-il 16 Agosto invio ricorso al giudice di pace di Milano per annullamento della sanzione e decurtazione dei punti per notifica oltre i 90 giorni (101 giorni );udienza non ancora fissata;

- A settembre 2019 mi chiama il comune dove risiedo (piccolo comune senza comando di polizia/carabinieri ) il quale m'informa che deve notificarmi una notifica;

- il 10 Settembre 2019 mi presento in comune e mi viene ritirata la patente per MESI 1 , su ordinanza del prefetto emessa il 23/08/2019 risalendo al sinistro sopra citato inserendo il comma 5 dell'art.145.

Con quale motivazione posso impugnare l'ordinanza del prefetto inerente la sospensione della patente ?

Cordiali saluti”
Consulenza legale i 24/09/2019
Nel caso di specie siamo di fronte ad un unico evento che ha, tuttavia, dato origine a due provvedimenti sanzionatori distinti.
  1. Uno è la sanzione amministrativa prevista dall’art. 145 del Codice della Strada, rubricato “precedenza” che impone il rispetto delle precedenze in prossimità delle intersezioni stradali e che così recita “Chiunque viola le disposizioni di cui al presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da € 167 a € 666.
Avendo la polizia locale constatato e verbalizzato nel caso di specie la violazione dell’articolo di cui sopra (a poco rileva che non sia stato indicato sul verbale quale sia il comma preciso della norma violata), è stata dunque emessa una sanzione pecuniaria pari ad € 167 (quindi nell’importo minimo).
La contestazione della contravvenzione da parte del trasgressore mediante ricorso al Giudice di Pace è avvenuta per ragioni formali, ovvero per il mancato rispetto del termine di 90 giorni per la notifica del provvedimento. Ricordiamo a tal proposito che, secondo la Corte di Cassazione, il termine di notifica è rispettato non se la multa giunge al destinatario entro 90 giorni dalla contestazione ma se l’organo accertatore (polizia) ha affidato, entro i 90 giorni dall’accertamento dell’infrazione stradale, il verbale di contestazione al servizio postale. In buona sostanza, ciò che rileva è la data in cui il verbale di contestazione è stato spedito e non la data in cui è pervenuto al trasgressore.

2) il secondo provvedimento sanzionatorio, del tutto slegato dal primo, è l’ordinanza del prefetto sospensiva della patente. Questa è stata emessa in agosto sulla base del medesimo rapporto di contestazione della polizia e in relazione al medesimo sinistro, ma è del tutto indipendente dalla sanzione pecuniaria.
Infatti, la sospensione della patente è un provvedimento sanzionatorio accessorio: le sanzioni accessorie sono sanzioni eventuali ed ulteriori rispetto a quelle pecuniarie, previste quando la violazione del codice della strada richiede un intervento più incisivo per garantire la sicurezza stradale.
La sospensione, in particolare, consegue ad un incidente stradale con lesioni alle persone e ciò in forza degli articoli 222 e 223 CdS (in relazione, principalmente, alla violazione degli articoli 141, 145, 146, 149, 154, 157 e 191).
L’art. 223, in particolare, così recita “Art. 223. Ritiro della patente in conseguenza a ipotesi di reato. 1. Nelle ipotesi di reato per le quali è prevista la sanzione amministrativa accessoria della sospensione o della revoca della patente di guida, l'agente o l'organo accertatore della violazione ritira immediatamente la patente e la trasmette, unitamente al rapporto, entro dieci giorni, tramite il proprio comando o ufficio, alla prefettura-ufficio territoriale del Governo del luogo della commessa violazione. Il prefetto, ricevuti gli atti, dispone la sospensione provvisoria della validità della patente di guida, fino ad un massimo di due anni.”

Ebbene, da quanto emerge dalla lettura delle norme pare evidente che nel caso di specie vi sia un’ipotesi di reato. In effetti, nel quesito si parla di lesioni al ferito guaribili in oltre 40 giorni: com’è noto, la norma del codice penale che punisce il reato di “lesioni personali” (art. 582 c.p.), al suo secondo comma stabilisce che "se la malattia ha una durata non superiore a 20 giorni e non concorre alcuna delle circostanze aggravanti (…) il delitto è punibile a querela della persona offesa". Pertanto, nei casi di lesioni dolose lievi, gravi e gravissime (ossia con malattia di durata superiore a 20 giorni), sono procedibili d'ufficio.

Tornando al caso in esame, quindi, data la prognosi del ferito, dall’incidente è scaturito l’avvio ufficioso di un procedimento penale da parte delle autorità a carico del trasgressore, procedimento penale che ha determinato anche la decisione del Prefetto (il quale, viste le circostanze e le informazioni in suo possesso, ha dovuto adottare l’ordinanza in oggetto dal momento che le lesioni del ciclista conseguono, come detto, ad un’ipotesi di reato per lesioni personali gravissime).

Per rispondere al quesito dunque:
  1. la sanzione accessoria della sospensione della patente di guida è automatica nel caso di comminazione delle sanzioni del codice della strada che, come già detto, prevedano lesioni alle persone: non si tratta, quindi, di un provvedimento discrezionale del Prefetto che può decidere se comminarla o meno a seconda delle circostanze e del suo convincimento. Se le lesioni sono certificate, la sospensione va obbligatoriamente disposta. Pertanto, tale provvedimento è del tutto indipendente dalla sorte della multa e, di conseguenza, non si potrà impugnare invocando la pendenza di un altro procedimento di contestazione della multa né sperare che un eventuale annullamento di quest’ultima comporti – “a cascata” – la caducazione anche dell’ordinanza prefettizia, scaturendo quest’ultima non dalla multa ma dal reato;
  1. il ricorso avverso l’ordinanza del Prefetto è comunque certamente possibile, ma solo se si voglia, con l’impugnazione, contestare il verbale di contestazione originario da cui deriva la sanzione. Le uniche ragioni, infatti, che si possono addurre per tentare di annullare il provvedimento di sospensione della patente non possono che essere sostanziali e legate alle dinamica dei fatti. Ad esempio (ma sappiamo già che non è questo il caso) si dovrà dimostrare che non ci sono stati danni al ciclista, oppure ancora che la dinamica dei fatti è stata del tutto diversa da quella verbalizzata dalla polizia e che il conducente del veicolo non ha avuto alcuna colpa nell’impatto e nella caduta del ciclista a terra, con le conseguenti lesioni.

Considerato tutto, si consiglia vivamente di affidarsi ad un bravo avvocato penalista della zona, che si possa occupare anche e soprattutto degli eventuali risvolti penali del sinistro.

Testi per approfondire questo articolo

  • Codice della strada

    Editore: Giuffrè
    Collana: Le fonti del diritto italiano
    Data di pubblicazione: giugno 2014
    Prezzo: 140,00 -5% 133,00 €

    Il volume, prima edizione nella collana delle Fonti, contiene il nuovo Codice della strada e il Regolamento di esecuzione, commentati con la dottrina e annotati con la giurisprudenza. Il Codice, corredato con i testi previgenti di più recente emanazione, è aggiornato alle ultime novità legislative, con richiami alla normativa correlata, ampie bibliografie, e puntuali riferimenti alle più recenti decisioni giurisprudenziali. Nello specifico, oltre... (continua)