Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 702 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Accettazione e rinunzia alla nomina

Dispositivo dell'art. 702 Codice civile

L'accettazione della nomina di esecutore testamentario [700 c.c.] o la rinunzia alla stessa deve risultare da dichiarazione(1) fatta nella cancelleria del tribunale nella cui giurisdizione si è aperta la successione [456 c.c.], e deve essere annotata nel registro delle successioni(2).

L'accettazione non può essere sottoposta a condizione [633, 1353 c.c.] o a termine [637, 1184 c.c.].

L'autorità giudiziaria, su istanza di qualsiasi interessato(3) [749 c.p.c.], può assegnare all'esecutore un termine per l'accettazione, decorso il quale l'esecutore si considera rinunziante [481, 650, 1399, 749 c.p.c.].

Note

(1) L'accettazione, dunque, deve essere espressa.
(2) Il comma è stato modificato ai sensi dell'art. 148, D. Lgs. 19 febbraio 1998, n. 51 (Norme in materia di istituzione del giudice unico di primo grado).
(3) Ossia ad opera degli eredi, dei legatari, dei creditori del de cuius, etc...

Ratio Legis

Per assumere l'incarico di esecutore testamentario non basta la nomina, serve che questa venga accettata.
Al fine di garantire la certezza dei rapporti giuridici, stante l'assenza di un termine per accettare, si prevede che gli interessati possano richiederne la fissazione al giudice.

Spiegazione dell'art. 702 Codice civile

Sebbene il codice abbia inteso dare all’esecuzione testamentaria una definita configurazione giuridica attribuendole i caratteri dell’ufficio, questo, tuttavia, non esce dall’ambito dei rapporti privati e l’esecutore presta in sostanza un “ufficio di amico”, come si esprimevano i trattatisti meno recenti. Dunque, il designato è perfettamente libero di accettare o di rinunciare all’incarico, e ciò risulta implicitamente, ma necessariamente, dalla prima parte dell’articolo.
L’accettazione o la rinunzia, peraltro, sono soggette alla formalità indicata nella disposizione: formalità che, da un lato, dato il carattere evidentemente cogente della norma, è requisito essenziale per la validità dell’atto e, dall'altro, particolarmente per l’accettazione (che non può più essere tacita) attribuisce alla medesima carattere di pubblicità, opportunamente stabilito nell'interesse dei terzi. L’accettazione, inoltre, non tollera né condizione, né termine; la legge non risolve la questione circa la sorte dell’atto nell'ipotesi in cui siano apposti termini o condizioni, ma non sembra dubbio che, in tal caso, si configuri l’invalidità dell’atto stesso: infatti, la condizione o il termine sarebbero inscindibili dal consenso e non si potrebbero eliminare senza dare a quest'ultimo una base non rispondente alla manifestazione di volontà.
Di evidente opportunità è il terzo comma, per evitare che l’esecutore, trascurando di fare la dichiarazione di accettazione o di rinunzia, tenga in sospeso situazioni che, invece, secondo il concetto della legge, devono essere sollecitamente definite.
A proposito della rinuncia, anche rispetto al codice in vigore può sorgere la questione se, una volta intervenuta l’accettazione, l'esecutore possa rinunziare; e se, ammessa la rinuncia, questa possa effettuarsi secondo il suo arbitrio, oppure col concorso di determinate circostanze obiettivamente valutabili. In relazione al codice precedente, era discusso l’uno e l’altro punto: vi era, infatti chi, dato il carattere di ufficio da riconoscersi all'esecuzione testamentaria, non ammetteva la rinuncia; altri, invece, la ammettevano incondizionatamente, trattandosi di un ufficio di diritto privato; altri ancora ritenevano che, dopo l'accettazione, l’esecutore non potesse più abbandonare le funzioni senza giusta causa, incorrendo altrimenti in responsabilità analoghe a quelle del mandatario che rinuncia all'incarico con pregiudizio del mandante.
Quest’ultima soluzione pare preferibile anche rispetto alle nuove disposizioni; infatti, una facoltà di rinuncia, ad arbitrio, non sembra rispondente alla struttura giuridica dell'istituto, considerata come ufficio con rafforzamento di poteri e di responsabilità. Ma da ciò non deriva neppure che l’esecutore, una volta intervenuta l’accettazione, sia necessariamente ed indissolubilmente legato all’ufficio stesso, anche quando giuste ragioni concorrerebbero ad autorizzare la cessazione: ammettere tale possibilità, infatti, può rispondere agli interessi di un’esatta esecuzione del testamento ed a quelli degli eredi, meglio che una gestione trascurata. D’altra parte, poiché l’art. 710 indica vari casi in cui l'esecutore può essere esonerato e, fra questi, l’inidoneità in genere all’ufficio, sembra giusto ritenere che, quando si verifichi una di tali ipotesi, l’esecutore possa spontaneamente astenersi evitando il provvedimento.

Massime relative all'art. 702 Codice civile

Cass. civ. n. 4930/1993

L'investitura dell'ufficio di esecutore testamentario č geneticamente collegata ad una fattispecie complessa a formazione progressiva, rivestita da forme richieste ad substantiam, sia per la nomina che per l'accettazione: e ciō in armonia con il principio di solennitā che informa le disposizioni in materia di successioni mortis causa, per la necessitā di assicurare un ambito di massima certezza per il grande rilievo economico attribuito dall'ordinamento al trasferimento dell'intero patrimonio dal de cuius ai suoi successori. Ne consegue che l'accettazione della nomina ove non sia formalizzata a norma dell'art. 702 c.c. non comporta l'investitura dell'ufficio per il designato ad esecutore testamentario.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!